Tra i due litiganti

Che cosa succede quando i genitori la pensano diversamente sull'educazione dei figli? Si può forse essere d'accordo sui principi generali ma è inevitabile che nel quotidiano ci si imbatta in situazioni in cui la mamma e il papà reagirebbero - reagiscono - diversamente. Spesso uno è più severo dell'altro, uno concede e l'altro dice sempre di no. Può succedere anche che il modo di comportarsi con i bambini di fronte a un problema generi conflitti tra gli stessi genitori.

 



Ognuno di noi ha dei punti deboli: c'è chi si sente impotente davanti a un bambino che non mangia, oppure c'è chi viene assalito dalla rabbia all'ennesima crisi di pianto. Il motivo per cui questo ci accade magari non lo conosciamo, ma certo è nascosto dentro di noi, nella nostra storia. All'altro genitore questo non succede perché ha avuto un vissuto diverso. L'eventuale incapacità di gestire alcune situazioni è specifico per ognuno, ma non per questo un genitore appare migliore dell'altro.

 

Io credo che questa differenza di vedute sia una ricchezza per i bambini, soprattutto se c'è alla base una stima reciproca e un'aperta ammissione di diversità di opinioni di fronte ad alcune problematiche.

L'altro genitore può svolgere una funzione di garante davanti a una tensione o a un confronto; l'importante è che non ci sia un giudizio diretto all'altra persona ma semmai una protezione e un'empatia nei confronti del bambino. L'obiezione che potrebbe sorgere è che il bambino si trovi disorientato quando vede i genitori che la pensano diversamente; oppure potrebbe approfittare per ottenere qualcosa dal genitore che sa più accomodante in quel momento.

A mio avviso, se l'intento di entrambi è di trattare con rispetto il bambino pretendendo il rispetto dei principi base su cui si regolano i rapporti di tutta la famiglia, allora non c'è confusione, ma equilibrio. Il bambino impara che nessuno è infallibile, che la diversità di vedute esiste e quando c'è viene rispettata. Forse nel momento del conflitto correrà tra le braccia del genitore più accondiscendente o meno coinvolto emotivamente, ma questo, a mio parere, non è uno svantaggio, bensì un aiuto per il genitore che in quel momento si trova in evidente difficoltà. 

E per il bambino è bello sapere che comunque anche nel torto presunto c'è qualcuno che ti accoglie, che capisce, e che se occorre ti difende.

Pin It
Accedi per commentare

Il ritmo del corpo. Muoversi con consapevolezza

Un libro e un percorso sulla consapevolezza del sé, per sintonizzare il proprio corpo e la propria mente con i ritmi interiori e con quelli dell’ambiente che ci circonda attraverso la pratica costante, perseverante e umile del Daoyin Yangshen Gong, la forma del qi gong diffusasi in Cina negli anni 70 al fine di migliorare la salute e acquisire longevità.

Gli autori del libro, uno insegnante di qi gong e operatore tuina e l’altra fondatrice dell’Associazione Culturale ”Centro per lo Sviluppo Evolutivo dell’Uomo”, raccontandoci la propria esperienza personale maturata da contesti diversi, ci conducono passo dopo passo e con estrema chiarezza in questa dimensione caratterizzata da esercizi fisici armonici e rilassanti di estremo beneficio per la nostra salute, ma anche e soprattutto funzionali ad un recupero della capacità del nostro corpo-mente di ascoltarsi lasciando scorrere le energie vitali.

Leggi tutto...

Il dramma del bambino dotato e la ricerca del vero Sé

A quale prezzo psicologico si ottiene un "bravo bambino"? Di quali sottili violenze è capace l'amore materno? Per l'autrice, il dramma del "bambino dotato" - il bambino che è l'orgoglio dei suoi genitori - ha origine nella sua capacità di cogliere i bisogni inconsci dei genitori e di adattarvisi, mettendo a tacere i suoi sentimenti più spontanei (la rabbia, l'indignazione, la paura, l'invidia) che risultano inaccettabili ai "grandi".

Sono passati diciassette anni da quando è uscita la prima edizione di questo libro, in cui Alice Miller analizza cosa capita dal punto di vista neurobiologico ai bambini che non hanno avuto la possibilità di sviluppare la loro vita emotiva. Non bambini in evidente stato di abbandono, ma piccoli con un'apparente infanzia felice alle spalle. Bimbi che già a un anno sapevano stare senza pannolino, che hanno imparato presto ad accudire i propri fratellini. La strada è riuscire a vivere e a far vivere le proprie emozioni e questo libro certamente aiuta a riviverle, anche chi un bambino dotato forse lo è stato davvero.

autore: Alice Miller (traduzione di M. A. Massinello)

editore: Bollati Boringhieri

Il segreto della resistenza psichica

Quante volte ci siamo detti che sarebbe bello avere una corazza dell’anima, una difesa contro le pressioni lavorative, le forti richieste che arrivano dalla famiglia, dai figli, da questa vita che sembra diventare sempre più stressante. Sarebbe bello avere fiducia in se stessi, così da farci scivolare via le critiche che spesso sentiamo su di noi, oppure avere le risorse per superare le crisi, avere le energie necessarie per affrontare non solo i piccoli problemi quotidiani, ma le inevitabili grosse difficoltà che la vita ci pone davanti. Ci sono persone che hanno tutte queste caratteristiche:  sono le persone resilienti.

Leggi tutto...