Il Piedibus

"Su, dai, sbrigati, altrimenti perdi il bus animato!". Mi affaccio alla finestra e in strada vedo già un gruppetto di bimbi con l'accompagnatrice. Fra poco anche mia figlia li raggiungerà e tutti insieme si incammineranno verso la scuola, chiacchierando, raccontandosi le ultime novità, a volte cantando. Tutti insieme attraverseranno la strada, si fermeranno in altri punti del percorso per aspettare altri bambini e tutti insieme arriveranno a scuola. A poco a poco il gruppo prenderà le sembianze di un autobus: un bus animato, con tanti piedi, con un accompagnatore in testa a mò di autista e i bambini dietro in fila per due o a gruppetti.


"Cosa ti piace del bus animato?" chiedo a mia figlia, 7 anni. 
"Mi piace andare a scuola con i miei amici. Ieri Beatrice mi ha insegnato una canzone: te la canto? E poi mi piace perché abbiamo imparato ad attraversare la strada tutti insieme. Sai che le macchine si fermano quando passiamo sulle strisce? Forse sono capace anche da sola, adesso. E poi sono contenta perché così non inquiniamo con le macchine. E poi lo sai che arriviamo prima noi di quelli che vengono in macchina. La mattina davanti a scuola le macchine non trovano parcheggio, mentre noi filiamo come autobus vero, anzi più veloce!"

In effetti diverse e tutte importanti sono le finalità di questa iniziativa: 
- dare ai bambini la possibilità di fare moto: sempre più spesso leggiamo gli allarmi lanciati dai pediatri sui problemi del soprappeso e dell'obesità infantile e ci sentiamo ripetere che per stare bene bisognerebbe praticare un'attività fisica ogni giorno per almeno mezz'ora; il bus animato può essere un modo, anche divertente, di ottenere livelli minimi, ma costanti di movimento.
- andare a scuola a piedi può contribuire a dare una corretta educazione stradale, a rendere i bimbi più sicuri e consapevoli come pedoni e, nel lungo periodo, a farne degli utenti della strada più attenti alla sicurezza
- è un'occasione per socializzare, per aumentare l'autonomia e l'autostima dei bambini
- è un modo per migliorare la qualità dell'ambiente urbano soprattutto vicino alle scuole, con riduzione del traffico, del rumore e dell'inquinamento
- soprattutto è un'occasione per dimostrare ai nostri bambini e anche a noi stessi, che un altro modo di muoversi è possibile.

Nato in Danimarca, diffusosi poi in Nord Europa e negli Stati Uniti e ora anche in Italia, dove però le città in cui è attivo durante tutto l'anno scolastico come servizio stabile offerto dai Comuni sono ancora poche, naturalmente il bus animato non è la soluzione di tutti i problemi di salute, traffico e inquinamento, ma può essere un primo piccolo passo per un cambio di mentalità per quanto riguarda la mobilità nelle grandi città, ma non solo.

Certamente funziona come percorso verso l'autonomia e come progetto di educazione stradale: proprio la settimana scorsa il gruppetto di bambini con cui va a scuola mia figlia, non vedendo arrivare l'accompagnatrice, si è mosso da solo: i più grandi hanno dato la mano ai più piccoli, hanno attraversato tutti insieme la strada e sono arrivati a scuola da soli con grande soddisfazione!

Senza contare che è davvero comodo per noi genitori soprattutto quando i figli da portare ogni mattina a scuola, e magari in scuole diverse, sono più di uno!

Per saperne di più visita il sito del piedibus 

Pin It
Accedi per commentare

Parla con me. Comunicare con i nostri figli è difficile? Consigli, situazioni, soluzioni per un dialogo sereno

Non si può non comunicare e come genitori dobbiamo sempre pensare agli effetti che la nostra comunicazione avrà sui destinatari dei nostri messaggi, cioè i nostri figli. Non esiste solo una comunicazione verbale atta a trasmettere concetti e significati, esiste anche una comunicazione implicita, non verbale, caratterizzata da comportamenti e da atteggiamenti attraverso i quali i bambini percepiscono cosa i genitori pensano di loro e sono il veicolo di emozioni e sentimenti.

 

Leggi tutto...

Narciso innamorato. La fine dell'amore romantico nelle relazioni tra adolescenti

“La realizzazione del proprio Sé”. E’ questo l’obiettivo principale dei genitori di oggi, formare cioè dei figli consapevoli delle proprie capacità, dei propri desideri, fornendo stimoli per una loro crescita felice, autonoma, ricca di relazioni sociali, contatti ed esperienze diverse.

 

Leggi tutto...

Il cammino dei diritti

Questo libro illustrato racconta in molto semplice ed immediato del lunghissimo percorso che in tutto il mondo uomini e donne di epoche diverse hanno fatto, nel riconoscimento dei diritti umani. Quando è stato, e dove è stato, che un Paese ha detto no ad una barbaria illuminando la strada non solo ai propri cittadini, ma anche al resto del mondo, perché potesse seguire il suo esempio?

Leggi tutto...