Mario Lodi, Maestro

Mario Lodi nacque nel 1922 a Piadena (Cremona) e si diplomò all'Istituto Magistrale di Cremona nel 1940. 
Nel 1948 venne nominato maestro di ruolo nella scuola elementare di San Giovanni in Croce, dove cominciò a scoprire le capacità creative dei bambini. 

Nel 1950 entrò in contatto con il Movimento di Cooperazione Educativa, un gruppo di insegnanti che, ispirandosi alle tecniche del pedagogista francese Célestin Freinet, intendevano adeguare l'insegnamento nella scuola pubblica ai valori della Costituzione italiana. 
No, così non va bene. Così non si rende merito alla persona che vogliamo ricordare e di cui vorremmo seguire le tracce. Per seguire le tracce di qualcuno non sempre il modo migliore è raccontarne le gesta, nel nostro caso sarebbe nozionistico, e se c'è mai stato qualcuno di lontano da un approccio nozionistico all'insegnamento, questo fu Lodi. 

Insieme ai bambini (Insieme è il titolo di uno dei suoi libri, un "giornale" di classe di una quinta elementare fatto con gli alunni), nel fiume di idee che erano nate con la lotta di liberazione, non poté svolgere il proprio compito di insegnante senza cercare di portare anche nella scuola gli stessi valori di libertà e democrazia che avevano ispirato le sue scelte politiche e di vita. 

«Distruggere la prigione, mettere al centro della scuola il bambino, liberarlo da ogni paura, dare motivazione e felicità al suo lavoro, creare intorno a lui una comunità di compagni che non gli siano antagonisti, dare importanza alla sua vita e ai sentimenti più alti che dentro gli si svilupperanno, questo è il dovere di un maestro, della scuola, di una buona società… di fronte ai bambini devi decidere come impostare il tuo lavoro: per asservire o per liberare.» 
(dall'introduzione a Il paese sbagliato) 

È con queste idee in testa che il giovane maestro Lodi cominciò a sperimentare metodi per impostare il proprio lavoro con i bambini al fine di liberarne energie e risorse. 
Nelle classi di Lodi non si facevano temi e pensierini, non si studiavano le materie, non si davano i voti. Si creavano manufatti e disegni che raccontavano la vita quotidiana, e tutta la classe discuteva assieme delle opere create, traendone spunti per comprendere. 
Presto si arrivò alla pubblicazione di un Giornale della Scuola, che diventò voce dei bambini all'interno della comunità. Perché non si può pensare a Lodi astraendolo dalla comunità in cui viveva, e dalle esperienze di autogestione che si sono realizzate negli anni '60 e '70 a Vho di Piadena, il paese in cui lavorava. La scuola ne è anzi stato uno dei centri propulsori, insieme alla Biblioteca Popolare di Piadena, al Gruppo Padano, alla Lega della Cultura di Piadena. Tutti luoghi dove si faceva cultura, partendo dal territorio per arrivare al sociale e alla crescita della collettività. 

Una vera rivoluzione nel mondo dei "signori maestri" anni '50. 

Oggi ce la racconteremmo dicendo che l'efficacia didattica del metodo era molto elevata, che i bambini erano fortemente motivati. Ma non era questo lo scopo. Non era trovare un modo perché i bambini imparassero meglio: era un modo perché i bambini diventassero persone consapevoli dei propri diritti e determinate a salvaguardare la propria dignità. 

Andato in pensione nel 1978, Lodi non si fermò, continuando a promuovere in prima persona attività in campo pedagogico. 

Nel 1989 vinse il Premio Internazionale Lego, con i proventi del quale fondò "La casa delle arti e del gioco", con la finalità di sviluppare le capacità creative dei bambini e degli adulti. 
È del 1994 il suo appello "Una firma per cambiare la TV" che ha raccolto ben 550.000 firme. 
Nel 2006 ricevette il "Premio Unicef" 2005 Dalla parte dei bambini per l'impegno affinché i bambini avessero la migliore scuola possibile.
Mario Lodi è morto il 2 marzo 2014, ci ha insegnato che i bambini sono portatori di saggezza e che insegnare a loro vuol dire anche apprendere.
Ci ha raccontato il suo lavoro innovativo e la sua esperienza con i bambini in tantissimi scritti, da quelli più squisitamente pedagogici alle storie scritte assieme ai suoi ragazzi.

La bibliografia completa si trova sul sito La casa delle arti e del gioco:
http://www.casadelleartiedelgioco.it/mariolodi/bibliografia.php

Pin It
Accedi per commentare

La sottile linea scura

Lansdale Joe R. é un autore americano che spazia dal giallo al western, dall'horror al romanzo storico, dalla satira sociale al romanzo di formazione come 'La sottile linea scura'.

Ambientato nel Texas del 1958 è la storia del tredicenne Stanley, che lavora nel drive-in del padre e mette il naso in un segreto che doveva rimanere celato. In quell'estate avviene "la perdita dell'innocenza" di Stanley, il mondo per lui cambierà per sempre.

La 'sottile linea scura', che segna per lui la scoperta del male, del dolore e della morte insieme con l'esplosione del sesso e la consapevolezza del conflitto razziale, diventa il mezzo con cui l'autore ci fa immergere in quegli anni Cinquanta che sembrano così lontani.

Se avete letto con passione 'Il buio oltre la siepe' di Harper Lee questo è un libro che fa per voi.

Autore: Lansdale Joe R.

Editore: Einaudi

Narciso innamorato. La fine dell'amore romantico nelle relazioni tra adolescenti

“La realizzazione del proprio Sé”. E’ questo l’obiettivo principale dei genitori di oggi, formare cioè dei figli consapevoli delle proprie capacità, dei propri desideri, fornendo stimoli per una loro crescita felice, autonoma, ricca di relazioni sociali, contatti ed esperienze diverse.

 

Leggi tutto...

Ai bambini piace leggere

"Scegliendo questo libro, avete dimostrato di essere interessati all'amore dei bambini per la lettura... Spero che i miei suggerimenti possano suscitare in voi nuove idee, stimolandovi a sviluppare nuovi metodi che contribuiscano al tentativo di educare i figli alla passione per la lettura."

Lettori non si nasce, lo si diventa, ma, come c'insegna Kathy Zahler, non è detto che il diventarlo debba essere noioso, faticoso o difficile. In questo libro ci presenta cinquanta attività divertenti, facili e pratiche che possono aiutare i banbini a sviluppare un amore duraturo per i libri. Ogni attività è descritta in modo semplice ed esauriente. Le istruzioni spiegano cosa fare, che materiale procurarsi e come incoraggiare i ragazzi a voler sapere sempre di più. Un manuale utilissimo per genitori ed insegnanti.

autore: Kathy A. Zahler (traduzione di A. Zabini)

editore: TEA