Giochiamo riciclando

In attesa di metterci d’accordo se siano meglio le discariche o gli inceneritori, insegniamo ai nostri figli come si realizza la raccolta differenziata degli oltre 30 milioni di tonnellate di spazzatura che produciamo annualmente in Italia.
Per prima cosa dobbiamo imparare a buttare meno oggetti nella spazzatura, riutilizzando quello che ancora funziona e riciclando il più possibile, perché alcuni materiali come la plastica durano praticamente in eterno, altri invece, per esempio le lattine, resistono per un centinaio di anni; per fortuna i rifiuti organici hanno vita breve degradandosi nell’arco di qualche mese.
Moltissimi giocattoli, ancora in buono stato, finiscono nel secchio della spazzatura, quando invece basta poco per rimetterli in sesto, per continuare a giocarci, o donarli magari alla scuola più vicina. I vestiti, il più delle volte, diventano solo troppo corti e può essere utile portarli alle associazioni che li raccolgono per donarli ai più bisognosi.
Facciamo lavorare le nostre mani e costruiamo dei giochi con materiale di riciclo.


Mostro coccodrillo

Materiale: Contenitore delle uova, due palline da ping pong, cartoncino colorato bianco, colla e tempera di colore verde.

Incolla le due palline da ping pong al centro del contenitore delle uova, con un pennarello indelebile disegna gli occhi al centro delle palline da ping pong. Con il cartoncino bianco fai dei piccoli coni, tutti della stessa grandezza, che poi incollerai sul contenitore delle uova. Diventeranno così i denti del tuo feroce coccodrillo!

Il Polpo

Tratto da “C’era una volta una bottiglia di plastica” di Claudio Madia Editoriale Giorgio Mondadori

Materiale: Una bottiglia di plastica e forbici con la punta arrotondata.

Taglia il fondo della bottiglia ma, per non farti male, appoggiala su un tavolo: con una mano tieni ferma la bottiglia e con l’altra impugna le forbici, in modo da fare una leggera pressione con la punta della lama sulla superficie da tagliare. Facendo perno sulla punta, ruota la lama, in un senso o nell’altro, fino ad ottenere un piccolo foro nel quale farai penetrare la lama delle forbici, per cominciare a tagliare e togliere il fondo della bottiglia.
Partendo dal fondo fai un taglio che sale fino al collo.
Poi fanne uno uguale dalla parte opposta.
Ora dividi a metà, per il lungo, le due strisce. Adesso le strisce sono diventate quattro. Con altri quattro tagli, dividi ancora a metà le strisce che diventeranno sempre più sottili e infine saranno otto come i tentacoli di un polipo.
Con un poco di fantasia divertiti a modellare le punte di tentacoli, in dentro o in fuori. Con un pennarello indelebile colora gli occhi. Se vuoi appendere il tuo polpo, fai un buco nel centro del tappo con un chiodo ed un martello, quindi infila un elastico, o uno spago lungo e sottile, nel buco e fai un nodo grosso in modo che non riesca a ripassare dal buco.

Potere trovare tantissime altre idee su
www.disney.it
www.recycling-guide.org.uk (in inglese)
http://www.makingfriends.com/recycle/tp_puppets.htm (in inglese)

Pin It
Accedi per commentare

E ora andiamo felici all’asilo?

Per la maggior parte dei bambini arriva a un certo punto il momento dell’ingresso alla scuola materna, luogo che riveste un ruolo fondamentale nel processo di crescita di ogni bambino.

Leggi tutto...

Rosi e Moussa

Rosi si è appena trasferita in città con la sua mamma, in un grande palazzo, molto alto, pieno di scale e di vicini che sembrano scontrosi. Non si farà mai degli amici, lo sa già!

E invece arriva Moussa: grande giacca, cappello sempre in testa, tanti fratelli, e un cane che in realtà è... un gatto. Il loro incontro nasce con una sfida: salire sul tetto proibito per guardare tutta la città dall'alto – in barba al bisbetico vicino signor Tak.

E dalle sfide, si sa, nascono le migliori amicizie e le avventure più belle.

Una delicata storia di amicizia e multiculturalità, scritta con naturalezza e senza ipocrisie.

Romanzo perfetto per le prime letture.

Autore: Michael de Cock e Judith Vanistandael

Editore: Il Castoro

1940-1945 Gioele, fuga per tornare

Un viaggio a ritroso nel tempo, basato su documenti originali e su frammenti di memoria, dove l'autore Giulio Levi, trova la forza di ritornare alla sua infanzia per raccontare ai bambini di oggi, sono passate due generazioni, la storia della sua famiglia; siamo negli anni bui che vedono le leggi razziali applicate anche in Italia.

Leggi tutto...