I rischi di Internet

Quanti bambini e ragazzini usano il computer con accesso a Internet, da soli? 
Molti, evidentemente, se la Polizia Postale si preoccupa di diffondere ai genitori le informazioni per contrastare i problemi che possono derivarne. Ogni giorno vengono adescati minori in rete, anche in età da scuola primaria: bambini e bambine di appena 8-9 anni. Così ha raccontato l'ispettore della Polizia Postale che ha tenuto un incontro per i genitori delle quarte e quinte classi della scuola che frequentano i miei figli, dopo che i bambini avevano già seguito una lezione in classe. 

I rischi sono diversi. Navigando si può incorrere facilmente in siti con immagini e testi poco adatti, e inserendo nei motori di ricerca parole chiave legate al mondo della scuola, dei fumetti o dei giochi si viene facilmente dirottati su siti pedopornografici. Ma in questo caso, anche se certamente non fa piacere, il danno è limitato a una lettura e una visione passiva, come quella di un giornale "proibito". 

Il pericolo maggiore sono invece la posta elettronica e il famoso messenger (o analoghi programmi che consentono di scambiare messaggi istantanei): personaggi con cattive intenzioni si infiltrano infatti nelle chiacchiere dei bambini, a volte fingendo di avere la loro stessa età e cercando, con cautela e pazienza, di trovare il modo di incontrarli, magari con la scusa di uno scambio di figurine. 

Il primo passo da compiere, quando in casa c'è un computer, è quindi quello di affrontare la realtà: se si lascia un ragazzino da solo davanti allo schermo, con collegamento attivo, non si può avere la certezza – anche se gli abbiamo spiegato i pericoli – che non avvengano contatti indesiderati. 
E allora, ecco alcune delle regole da seguire (l'elenco completo si può trovare sul sito della Polizia Postale   

- posizionare il pc in un punto visibile della casa, non in cameretta con la porta chiusa, in modo che in qualunque momento sia possibile vedere cosa passa sullo schermo;

- installare filtri e sistemi di controllo: la Polizia Postale raccomanda di far sì che l'"amministratore" del pc sia un adulto, l'unico in grado di installare e disinstallare programmi, mentre i minori devono essere semplici "utenti". Inoltre, esistono programmi che applicano filtri ai siti web e altri che permettono di monitorare le attività compiute durante la giornata, rivelando anche indirizzi email, testi delle email, contatti messenger;

- insegnare ai ragazzi a non rivelare MAI in rete i dati personali, e ad avvisare i genitori in qualunque caso di richieste da parte di contatti che non si conoscono personalmente;

- non giocare a fare gli investigatori, se si hanno sospetti: molto più sicuro e saggio avvisare immediatamente la Polizia Postale, che ha i mezzi e le capacità di stanare i malintenzionati. 

Per noi genitori è un impegno di vigilanza in più, rispetto alle generazioni precedenti. Ma non commettiamo l'errore di pensare che "a noi non può succedere": i casi di adescamento via internet, purtroppo, sono molto più frequenti di quanto pensiamo. 


Per saperne di più:


 Dal sito della Polizia di stato: Vita su internet: le repole da seguire

I consigli di Tin.it per la sicurezza dei minori 

Emergenza 114: Il 114 è un numero di emergenza al quale rivolgersi tutte le volte che un bambino o un adolescente è in pericolo.

Pin It
Accedi per commentare

Insegnare a vivere. Manifesto per cambiare l’educazione

Una grande Riforma dell’educazione o meglio una vera e propria METAMORFOSI (ultima parola del libro) quella  che auspica il grande pensatore contemporaneo Edgar Morin,  oggetto di analisi anche nei suoi due precedenti saggi:  La testa ben fatta e I sette saperi necessari all’educazione del futuro. 

Partendo dalla massima di Rousseau nell’Emilio: “Vivere è il mestiere che voglio insegnargli”,  Morin si richiama anche alla tradizione filosofica greca che insegnava la saggezza della “vita buona” e lo fa proprio  perché individua nell’umanità odierna l’assunzione di un modello di pensiero legato al dominio, alla conquista di potere, all’individualismo sfrenato,  ad un sapere fatto a compartimenti stagni che determina  una iper-specializzazione  che fa perdere la visione d’insieme e ci conduce al mal-essere, all’incomprensione che regna nelle relazioni tra umani.

 

Leggi tutto...

Città blu città gialla

 

Città Blu e Città Gialla sono vicine e separate solo da un fiume. Una è famosa per i suoi ombrelli variopinti, l’altra per i calzolai che fabbricano scarpe eccezionali.

Gli abitanti hanno sempre vissuto in pace e un ponte permette agli abitanti di passare da una sponda all’altra e tutti andavano d’accordo, finché un giorno non decidono di ridipingere il vecchio ponte che collega le due città: già, ma di quale colore?

Leggi tutto...

Facciamo i colori!

Se dipingere, colorare e "pasticciare" sono tra le attività preferite di ogni bimbo, immaginate quanto divertimento nel realizzare da soli i propri colori?

Leggi tutto...