Iqbal Masih

Quattro anni sono pochi ma, evidentemente, abbastanza perché un bambino sia venduto come schiavo da suo padre per dodici dollari. Così inizia l'odissea di Iqbal Masih bambino pakistano, nato nel 1983, diventato simbolo della lotta al lavoro minorile in tutto il mondo. 


Incatenato al telaio, sedici ore al giorno, per il compenso di una rupia al giorno, ha trascorso così più di dieci anni, subendo maltrattamenti inimmaginabili insieme a molti altri bambini, sfruttati solo per le mani, piccole e agili, che permettono loro di intrecciare tappeti di grande valore. 
Finalmente il Fronte di Liberazione dal Lavoro Schiavizzato riesce, attraverso i propri avvocati, ad affrancarlo dall'industria tessile che l'aveva imprigionato. Eshan Ullah Khan stesso, responsabile del fronte, lo trova appeso in un pozzo, una delle tante punizioni per non aver lavorato abbastanza in fretta. Iqbal, scappando di nascosto, era riuscito a parlare di sé e di tutti i bambini, prigionieri con lui durante una manifestazione contro lo sfruttamento minorile, e da allora il Fronte di Liberazione cercava di aiutarlo. 
Da quel momento viene protetto e avviato allo studio, continuando tuttavia a partecipare a manifestazioni in tutto il mondo, per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla sorte di migliaia di bambini venduti e comprati per pochi centesimi. 
Ma la sua presenza sui media di tutto il mondo, la sua stessa fisicità, così provata dai lunghi anni al telaio, che hanno compromesso la normale crescita corporea, è troppo scomoda per le industrie tessili del Pakistan. Il sedici aprile del 1995 viene ucciso mentre gioca davanti alla sua casa. 
La polizia pakistana, chiaramente collusa con la "mafia dei tappeti", archivia il caso come conseguenza di una lite con un contadino. 
"Nessun bambino dovrebbe impugnare mai uno strumento di lavoro. Gli unici strumenti di lavoro che un bambino dovrebbe tenere in mano sono penne e matite", queste le sue parole gridate al mondo. 
Non dimentichiamolo. 

Altri articoli da leggere sull'argomento 

I bambini non devono lavorare

Schiavi  

Pin It
Accedi per commentare

Io sono Malala. La mia battaglia per la libertà e l'istruzione delle donne

Malala Yousafzai è una ragazza nata in Pakistan nella valle dello Swat. Nel libro descrive con orgoglio la bellezza della sua terra: la natura meravigliosa, la bellezza delle montagne e delle sue acque; racconta con sguardo attento anche la storia del suo paese e del suo popolo: i Pashtun, suddivisi in varie tribù sparse nel Pakistan e nell’Afghanistan dove l’ospitalità e l’onore sono i valori fondamentali. Malala ci racconta della sua famiglia, di suo padre e di sua madre che si sono sposati per amore e non attraverso un accordo stipulato dalle rispettive famiglie.

Il padre, in particolare, figlio di un Imam insegnante di teologia, è un padre diverso dagli altri che usano violenza contro le loro mogli. Suo padre condivide ogni scelta di vita con la propria moglie. Anche il nome Malala fu scelto da lui perché era il nome di un’eroina afghana che nel 1880 incitò le truppe del suo paese che stavano per essere sconfitte dall’esercito inglese: innalzò una bandiera afghana, venne uccisa, ma il suo coraggio servì a vincere una sanguinosa battaglia.

Leggi tutto...

Requiem per il giovane Borgia

 

Si tratta di un romanzo storico e nello stesso tempo di un avvincente giallo scritto da due giovani autrici milanesi esordienti che hanno svolto approfondite ricerche storiche sulla opulenta e maestosa Roma rinascimentale e le ricche corti italiane, soggiogate dalla morale del tempo, individualista e brutale, tesa al conseguimento dei fini senza curarsi dei mezzi con i quali ottenerli.

La vicenda parte dal brutale omicidio di Juan Borgia, duca di Gandia, figlio prediletto di papa Alessandro VI, al secolo Rodrigo Borgia.

Chi è il mandante dell'assassinio? L'indagine non è facile. È possibile il movente politico (il dominio dei Borgia è inviso alle potenti famiglie romane, agli Orsini, agli Sforza di Milano, a Guido da Montefeltro, ai baroni romani e a molti prelati che disapprovano la scandalosa condotta del papa), ma può essere un movente passionale o può essere maturato nell'ambito familiare....

La scrittura è scorrevole e varia e si presta facilmente ad una trasposizione filmica.

autore: Elena Martignoni, Michela Martignoni

editore: TEA

Genitori in Gioco

Ben 240 attività fisiche, manuali e intellettuali, suddivise in pratiche schede con le indicazioni di fascia di età e tipologia, adatte a tutti i bambini dalla nascita ai 6 anni da svolgere da soli o con i compagni, in casa o all'aperto, questi giochi stimolano l'immaginazione e la creatività dei bambini e rendono più profondo il legame con i loro genitori.

Una guida che, con entusiasmo ed energia insegna ad esplorare, manipolare, far finta che, sporcare la cucina, animare pupazzi e peluche, disegnare su fogli ciclopici, utilizzare materiali insoliti, in compagnia dei propri figli.

Ogni momento trascorso insieme è un'occasione unica per conoscersi meglio e rinsaldare il legame affettivo; attraverso il gioco, si comunicano sensazioni ed esperienze e si apre la porta alla conoscenza del mondo.
I bambini nascono e crescono a una velocità sorprendente. I ritmi frenetici della vita moderna, però, spesso impediscono a mamma e papà, specie se impegnati con il lavoro, di prendere parte ai giochi dei figli piccoli: costretti a lasciarli in compagnia della «baby-sitter» televisione o con giocattoli e videogiochi già pronti, che lasciano poco spazio alla creatività, rischiano di sentirsi inadeguati e smarriti.

Per venire incontro alle esigenze di tutti quei genitori con sempre più impegni e sempre meno tempo libero a disposizione, ma che desiderano essere presenti con costanza e amore nel prezioso e irripetibile periodo della crescita dei figli, questa guida propone una ricca raccolta di attività ludico-didattiche da organizzare in famiglia, tutte ideate e sperimentate in prima persona dalla mamma/autrice: dai giochi all'aperto ai lavoretti di Natale, dal disegno alla manipolazione dei materiali, dall'invenzione di storie agli sporto più classici rivisitati a "misura di bambino".

autore: Alessandra Zermoglio

editore: Sonda