Pamela Lyndon Travers

Chi non conosce Mary Poppins?

La tata fatata è parte dell’immaginario collettivo di mezzo mondo, grazie soprattutto al film di Walt Disney, interpretato da Julie Andrews e Dick van Dike, negli anni Sessanta. Pochi però sanno qualcosa della sua creatrice e di come le diede vita.

Helen Lyndon Goff nata a Marysborough, in Australia, nell'agosto del 1899, rimasta, ancora piccola, orfana del padre, cominciò a pubblicare poesie ancora adolescente e, più o meno altrettanto giovane, cominciò la sua carriera di attrice per la quale girò Australia e Nuova Zelanda, prima di approdare in Inghilterra nel 1924.

Nel regno Unito si dedicò a lungo soprattutto alla poesia, assumendo lo pseudonimo di P. L. Travers.

Un giorno però si mise al tavolo e cambio genere.

Fu così che nacque Mary Poppins. E nel 1934, quando per la prima volta vide le stampe, fu un successo senza precedenti, che aprì la porta ad una serie di ulteriori sette episodi della Magica Tata.

Quando le fu chiesto come fosse nato il suo personaggio, la Travers rispose solo che un giorno era stata Mary Poppins stessa a presentarsi a lei dicendole di metterla su carta. Solo molto anni dopo, ormai ottantenne, raccontò ad una rivista inglese che Mary Poppins prendeva spunto da una storia inventata molti anni prima, ancora bambina, per intrattenere le sorelline minori in un momento assai tragico, di forte depressione della madre. Un personaggio immaginario che le avrebbe sempre tenuto compagnia quindi, fino a quando la sua creatrice non ha deciso di consacrarla alla letteratura, per la gioia di generazioni di bambini e non solo.

P.L. Travers ha sempre difeso la propria privacy ad ogni costo, perciò di lei non sappiamo molto, a parte che fu molto interessata all'esoterismo, che intorno alla trentina inoltrata adottò un bambino, non si sposò mai e passò quasi un ventennio a rifiutare la corte serrata di Walt Disney, intenzionato ad acquisire i diritti su Mary Poppins.
Alla fine capitolò, non si sa perché né come, probabilmente il buon Walt le fece un’offerta irrifiutabile, quindi nel 1964 la Disney poté realizzare il film che tutti conosciamo e amiamo.

Forse anche cedere, sebbene abbia più volte dichiarato di essersene pentita, condannando esplicitamente la trasposizione filmica della “sua” Mary Poppins, fu un’intuizione felice che permise al suo personaggio di farsi scolpire nella mente di generazioni di bambini e adulti, ben oltre la fortuna dei libri che l’avevano generata.

P.L. Travers morì nel 1996 all'età di 96 anni, lasciando una produzione letteraria di notevoli dimensioni e un mito moderno: Mary Poppins.

Per saperne di più:
PLTravers- Wiki

Pin It
Accedi per commentare

Senza Biglietto da visita. Cosa sei disposta a lasciare per essere te stessa?

Veronica Viganò, ex "manager ninja", e ora blogger e consulente di comunicazione è una mia amica. Virtuale finché volete ma mia amica.

Ci siamo conosciute via web 7 anni fa, e credo parlate al telefono solo una volta, quando a Radio24, insieme a Iolanda Restano, ha recensito il mio libro  "Mammina Vecchia fa buon brodo”.  Ho capito che tra noi c’era feeling dal modo in cui ha commentato alcuni capitoli: si avvertiva che avevamo lo stesso sentire, la stessa visione della maternità e del nostro essere donne. Per anni ci siamo incrociate sui social, mettendo “mi piace” ai rispettivi post: soprattutto quando si parlava di “mammitudine” e tematiche relative al lavoro. Così, quando qualche mese fa è uscito il suo libro “Senza biglietto da visita”  l’ho subito ordinato, letto tutto d’un fiato e capito che era giunto il momento di ricambiare il favore.

 

Leggi tutto...

Il ciliegio di Isaac

La storia comincia con un nonno e un nipotino, ma andando avanti nelle pagine la vita di questo bambino, raccontata in prima persona quando ormai lui è diventato adulto, entra in una specie di sogno orribile: è il ricordo di fili spinati dentro un turbine di colori freddi. Fa molto freddo, ci sono neve e fango ovunque, si vede “un lungo inverno che sembra non finire mai”, nei visi tristi, nelle ombre a righe, nelle stelle gialle sopra gli abiti, nelle mani protese in cerca di aiuto, nella ciminiera fumante di un campo di concentramento.Leggi tutto...

Flicts

Flicts è un colore triste e solitario perché nessuna cosa intorno ha quel colore e nessuno vuole giocare con lui. Flicts non è rosso, non è giallo, non è verde, non è blu. Il sole è giallo, il cielo è azzurro, i fiori sono rossi, arancioni, rosa. Ma niente è flicts. Nessun colore lo invita a fare il girotondo, tutti hanno da fare quando lui li cerca. Finché non scopre che .... la luna è flicts. Pochi hanno visto il vero colore del suolo lunare, ma Armstrong, il primo astronauta che ha messo piede sul nostro satellite, garantisce che la luna ha quel colore, con tanto di autografo. 

Un librino bello, colorato. Flicts in realtà è una specie di ocra, colore forse "normale" per noi, ma ogni bimbo in realtà si sente un po' flicts, a volte. Vorrebbe essere uguale agli altri e invece è diverso. Le chiavi di lettura sono tante e secondo me ha una poeticità semplice ma commovente.

Alves Pinto Ziraldo è tra i più conosciuti autori per l'infanzia in lingua portoghese.

Consigliato per l'età prescolare. 

autore: Alves Pinto Ziraldo

editore: Editori Riuniti