Muhammad Yunus

Un’idea semplice quanto rivoluzionaria, quella di Muhammad Yunus.
Rivoluzionaria perché parte dall’esatto contrario di qualsiasi teoria economica e regola bancaria da sempre applicata.

Nato in Bangladesh, nazione poverissima e spesso colpita da catastrofi naturali e carestie, Muhammad Yunus dopo la laurea in economia conseguita nel suo paese, passò parecchi anni a perfezionarsi negli Stati Uniti, dove insegnò per qualche tempo, per poi tornare a insegnare economia nel suo paese.

Qui partì, nel 1974, da una constatazione del tutto ovvia: il sistema bancario è totalmente inaccessibile proprio a chi ne avrebbe realmente bisogno, poiché basa l’erogazione di prestiti su garanzie che i più poveri fra i poveri non sono in grado di fornire. E la povertà è una condizione dalla quale è spesso impossibile uscire, non per mancanza di impegno da parte del singolo individuo, ma per la sua concreta impossibilità di andare oltre la mera sopravvivenza per poter in qualche modo investire nel proprio lavoro e svilupparlo. Poco o nulla fa sul singolo individuo, in termini di beneficio concreto, l’erogazione da parte dei paesi ricchi di sovvenzioni nei confronti dei paesi poveri.

Da queste constatazioni, che nascevano da un’attenta osservazione della realtà del proprio territorio, Yunus concepì l’idea del microcredito, che consiste nel prestito di somme modestissime ad artigiani, lavoratori rurali, e soprattutto donne, che mai sarebbero stati in grado di ottenere alcunché da una banca tradizionale, ma che svolgevano le loro attività nei villaggi del Bangladesh, ricavandone somme minime che a malapena bastavano per l’acquisto delle materie prime per poter continuare l’attività.
Yunus prese a recarsi direttamente nei villaggi per incontrare direttamente donne e uomini nelle loro abitazioni ed offrir loro la possibilità di contrarre prestiti di somme che a noi paiono irrisorie, nell’ordine di pochi dollari, ma tali da consentire loro di innescare quel circolo virtuoso che permette di uscire dalla stentata sopravvivenza. Tali prestiti venivano offerti sulla base di una totale fiducia nei confronti dell’individuo che lo contraeva, in assenza di qualsiasi garanzia o contratto. Una fiducia totalmente ripagata dal fatto che fu presto possibile constatare che il debitore restituiva la somma nella quasi totalità dei casi, grazie al rapporto personale che veniva ad instaurarsi.

Nel 1976 Yunus fondò la Banca Grameen (in bengalese Banca Rurale), dopo essere riuscito a coinvolgere un istituto di credito tradizionale della regione nel proprio progetto. Da allora la sua banca ha erogato più di 5 miliardi di dollari in microcredito con una percentuale di restituzione altissima (intorno al 98 per cento) e totalmente inarrivabile per il credito tradizionale.

Yunus ha completamente rovesciato il rapporto banca – cliente, poiché da sempre la banca tradizionale esiste in funzione del fatto che è il cliente a recarsi presso le sue filiali per esplicitare il proprio bisogno di credito. A quel punto la banca vaglia la solvibilità del cliente e - in caso positivo - non si occupa più di lui se non nell\'eventualità di mancata restituzione del debito.
Inoltre Yunus ha dato una forte spinta associazionistica alla gente che incontrava, favorendo la creazione di piccoli gruppi, ai quali veniva erogato il prestito. La garanzia è costituita dal gruppo, dal supporto che gli individui possono scambiarsi per il raggiungimento dell’obbiettivo di restituire la somma.

Attualmente la Banca Grameen ha sedi in tutto il mondo e sul suo modello sono nati numerosi progetti simili, anche da parte della stessa Banca Mondiale.

Il banchiere dei poveri ha raccolto numerosissimi riconoscimenti per il contributo fondamentale allo sviluppo sostenibile partendo dal basso. Il suo lavoro ha aiutato i poveri del mondo assai più di quanto abbiano potuto fare miliardi di dollari stanziati dai paesi del nord del mondo in favore delle popolazioni in via di sviluppo.

Insieme alla sua banca ha vinto nel 2006 il Nobel per la Pace.

La differenza fra la mia banca e quelle tradizionali è come quella tra il football inglese e quello americano: si chiamano allo stesso modo, ma sono uno il contrario dell'altro. Per le banche tradizionali, più soldi hai più puoi averne. Per la Grameen, meno ne hai più cerchiamo di dartene.

Segnaliamo la recensione del libro "Il banchiere dei poveri" scritto da Muhammad Yunus edito da Feltrinelli

Pin It
Accedi per commentare

1940-1945 Gioele, fuga per tornare

Un viaggio a ritroso nel tempo, basato su documenti originali e su frammenti di memoria, dove l'autore Giulio Levi, trova la forza di ritornare alla sua infanzia per raccontare ai bambini di oggi, sono passate due generazioni, la storia della sua famiglia; siamo negli anni bui che vedono le leggi razziali applicate anche in Italia.

Leggi tutto...

Il Segreto dei Bambini Felici

“Perché tanti adulti sono infelici? Pensate a tutte le persone che conoscete, che hanno problemi come la mancanza di fiducia in se stesse, oppure l’incapacità di prendere decisioni, o di rilassarsi, o di fare amicizia. D’altronde spesso si rimane colpiti dall’allegria e dall’ottimismo che alcune persone dimostrano costantemente. Per quale ragione, dunque, alcuni individui sono più sereni e più equilibrati di altri, nonostante le avversità?

Semplicemente, l’infelicità di molte persone deriva da un condizionamento. Durante l’infanzia, queste persone sono state inconsapevolmente condizionate all’infelicità e durante l’età adulta si sono comportate di conseguenza. Leggendo questo libro scoprirete forse che, senza volerlo, state ipnotizzando i vostri figli in maniera tale da indurli a disprezzare se stessi e state creando così, in loro, molti problemi che forse li affliggeranno per tutta la vita. Nondimeno ciò non è affatto inevitabile. Potete insegnare ai vostri figli ad essere ottimisti, affettuosi, valenti, felici e ad avere la possibilità di condurre una vita lunga e prospera.”

Un manuale che darà ai genitori più fiducia in se stessi, rendendoli più forti, più capaci di amare, più rilassati e... più felici.

autore: Steve Biddulph - Illustrazioni A. Stomann

editore: Tea Libri

Narciso innamorato. La fine dell'amore romantico nelle relazioni tra adolescenti

“La realizzazione del proprio Sé”. E’ questo l’obiettivo principale dei genitori di oggi, formare cioè dei figli consapevoli delle proprie capacità, dei propri desideri, fornendo stimoli per una loro crescita felice, autonoma, ricca di relazioni sociali, contatti ed esperienze diverse.

 

Leggi tutto...