Scoprirsi fratelli

Dal secondogenito in poi si nasce non solo figli ma fratelli.
Ma come si diventa veramente tali?

 

 

Fermo restando che grossa importanza hanno le peculiarità caratteriali di ognuno, così come la differenza di età e di sesso - e su questi elementi , non c’è dubbio, possiamo fare ben poco - c’è di fondo un grossa responsabilità dei genitori nella nascita o meno del rapporto tra fratelli.

Ma non si tratta tanto di quel che noi possiamo fare quanto piuttosto di quel che noi non dobbiamo fare: intervenire.
Tanto più forte è l’intervento genitoriale nel rapporto tra i figli, tanto meno questi sapranno sviluppare un sentimento esclusivo e forte che, solamente se ben radicato, sarà capace di resistere alle innumerevoli difficoltà che la vita porrà loro nel mezzo.

Perché la fratellanza non si studia sui libri, si vive sulla pelle, si sviluppa nella complicità, nell’aiuto, nel sotterfugio di sopravvivenza, nell’alleanza generazionale.

Non si diventa fratelli perché qualcuno, tanto meno nostra madre, ci dice che ci dobbiamo voler bene. Si diventa fratelli perché solo un fratello capisce quanto è bello quel bacio di mamma, solo un fratello capisce quanto è antipatica quando si arrabbia, solo un fratello capisce quanto è bello andare alla partita con quel papà lì, quel particolarissimo papà lì, quella specialissima mamma lì. E quanto è bella la vacanza in quel mare o su quei monti, o come sono buone le lasagne della nonna.

E attraverso cosa nasce tutto ciò oltre al vivere gli stessi luoghi, assaporare gli stessi sapori e gli stessi profumi, conoscere le stesse voci?
Attraverso la gelosia accolta e non negata, attraverso i conflitti vissuti e non annullati, attraverso il riconoscimento dell’altro come diverso e unico, ma che appartiene allo stesso mondo.

Se noi genitori saremo capaci di non etichettarli, di non confrontarli, di non costringerli ad amarsi, lasciandoli liberi di far uscire le parole senza intervenire, se saremo capaci di non mediare tra loro e sapremo essere solo osservatori, avremo il privilegio, grande e unico, di vedere nascere e crescere quel sentimento speciale che passa sotto il magico nome di “fratellanza”.


Pin It
Accedi per commentare

Il mondo è tuo

Un albo illustrato per grandi e piccini, che insegna ai più piccoli, e ricorda ai più grandi che, si è liberi di essere e fare quello che si vuole, nonostante la strada non sarà priva di difficoltà che ci faranno crescere.

Leggi tutto...

Jack il puzzone

Immagina la scena: sei in classe, e tutto sembra tranquillo. All’improvviso, qualcuno sgancia una puzza terrificante. Silenzio. Ora immagina questo: tutti si voltano, e danno la colpa a TE!
E’ quello che succede a Jack, ed è la fine: diventa il puzzone più famigerato della scuola. Ma lui non si perde d’animo e chiede aiuto alla scienza. Obiettivo: liberare se stesso e il mondo dalle puzza delle puzze! Chissà che non riesca davvero a brevettare l’invenzione del secolo? Tappatevi il naso e preparatevi a ridere! Una lettura esilarante, accompagnata dalle illustrazioni di AntonGionata Ferrari, Premio Andersen 2007 come miglior illustratore italiano.

L’autore: Raymond Bean è un insegnante di quarta elementare (la classe di Jack!). Questo è il suo primo libro. Uscito come un’autoproduzione, Jack il Puzzone ha scalato le classifiche ed è stato già tradotto in cinque Paesi. Raymond ha sempre sognato di scrivere libri. Nato a New York, nel Queens, prima di insegnare e scrivere, ha lavorato in produzioni televisive e cinematografiche. Ama ridere. Sposato, con un figlio, vive a New York.

autore: Raymond Bean

editore: Il castoro

La mia mamma guarirà

Questa è la storia di Alvise un bambino di sei anni e della sua mamma Maria.

Alvise racconta di alcuni episodi di vita quotidiana, l'insorgenza e la progressione della malattia della mamma. Quando la mamma ha i primi malori, Alvise è ancora piccolo e va in prima elementare, quindi vede solo i sintomi, non riesce a collegare fra loro i singoli eventi, ma ascolta con interesse e timore le parole dei genitori e dei medici.

Leggi tutto...