Movie rating

Il 20 luglio scorso il Consiglio dei Ministri ha approvato un disegno di legge relativo alla tutela dei minori nella visione di film e nell'utilizzo di videogiochi.

Per quanto concerne i film, nel comunicato stampa si legge che viene superato il sistema censorio preventivo sostituito con un meccanismo di responsabilizzazione degli imprenditori del settore (produttori, distributori, importatori). 
L'attuale nulla osta preventivo da parte dell'Autorità governativa, su conforme parere delle Commissioni di primo e secondo grado, viene pertanto sostituito dalla classificazione operata dai predetti imprenditori, cui è subordinata la diffusione dei film sotto qualsiasi forma. Presso il Ministero per i beni e le attività culturali viene istituita la 
Commissione di classificazione dei film per la tutela dei minori, con il compito di convalidare, su richiesta degli imprenditori, la classificazione da questi effettuata, ovvero esprimere un parere obbligatorio sulle segnalate violazioni dei parametri e degli obblighi stabiliti dalla legge.

La nuova Commissione sarà molto qualificata e si avvarrà dell'aiuto di magistrati che lavorano con i bambini e di psicologi dell'età evolutiva. Per quanto riguarda i criteri per la classificazione, nel disegno di legge si chiede di porre attenzione sia al contesto narrativo generale, sia al rischio di possibili comportamenti emulativi data la giovane età degli spettatori.

Il Governo non avrà più funzione di censura, quindi, ma stabilisce un sistema di autoregolamentazione responsabile. Secondo una nota del Ministero infatti, nei Paesi europei dove vige un sistema di autoregolamentazione e dove i film distribuiti sono in buona misura riconducibili a quelli programmati nelle nostre sale, la tutela dei minori appare di fatto maggiore e la classificazione dei film più rigorosa.

Ma come funziona all'estero la classificazione dei film? Quali sono i criteri usati e quali i tipi di giudizio?

Diamo un'occhiata alla situazione in alcuni Paesi.

Negli Stati Uniti se ne occupa la Motion Picture Association of America (MPAA) e le sigle di classificazione sono:
• G - Per ogni tipo di pubblico 
• PG - Consigliata la presenza di un genitore: alcune scene, o il tema stesso del film potrebbero essere inappropriati per un bambino, si suggerisce che i genitori lo valutino prima di permetterne la visione 
• PG13 - Sconsigliato al di sotto dei 13 anni e comunque non senza la presenza di un genitore 
• R - sotto i 17 anni bisogna essere accompagnati e i genitori devono valutare seriamente se sia il caso di esporre un ragazzo alla visione di un film "R"
• NC-17 - vietato al di sotto dei 18 anni 

In Australia questi sono i parametri dell'Office of Film and Literature Classification:
• E - Esente da classificazione (ad esempio concerti o documentari) 
• G - Adatto ad ogni etá 
• PG - Raccomandata la presenza genitoriale, tuttavia non c'è nessuna restrizione 
• M - Raccomandato per un pubblico più maturo, indicativamente sopra i 15 anni, tuttavia non ci sono divieti 
• MA15+ - Inadatto a persone sotto i 15 anni 
• R18+ - Vietato al di sotto dei 18 anni 
• X18+ - Vietato al di sotto dei 18 anni, espliciti contenuti sessuali

In Finlandia, il Finnish Board of Film Classification segue queste categorie di valutazione: 
• S, K-3 - Per tutti 
• K-7 - Per un pubblico dai 7 anni in su 
• K-11 - Per un pubblico dagli 11 anni in su 
• K-13 - Per un pubblico dai 13 anni in su 
• K-15 - Per un pubblico dai 15 anni in su 
• K-18 - Per un pubblico dai 18 anni in su 
• KK – Vietato, per contenuti criminali come pedopornografia o autentica violenza come intrattenimento

In Francia il Ministero si avvale della consulenza di una Commissione apposita che classifica i film in:
• U - Per tutti 
• -12 - Vietato ai minori di 12 anni 
• -16 - Vietato ai minori di 16 anni 
• -18 - Vietato ai minori di 18 anni 

In Germania, l'organizzazione volontaria per l'auto regolamentazione, la FSF, suddivide la classificazione dei fim come segue:
• Ohne Altersbeschränkung: per tutti 
• Freigegeben ab 6 Jahren: vietato al di sotto dei 6 anni
• Freigegeben ab 12 Jahren: sconsigliato al di sotto dei 12 anni, a meno che accompagnati da un adulto di riferimento
• Freigegeben ab 16 Jahren: adatto a persone dai 16 anni in su
• Keine Jugendfreigabe: solo per adulti

Con il Regno Unito concludiamo questa breve panoramica. 
Il sistema della BBFC classifica i film come segue: 
• Uc (Universal Children) - Per tutti e in particolare per I bambini in etá prescolare
• U (Universal) - Per tutti a partire dai 4 anni, in genere. 
• PG (Parental Guidance) - Consigliata la presenza genitoriale
• 12A (12 Accompanied/Advisory) - Adatto dai 12 anni in su, al di sotto solo se accompagnati da un adulto
• 12 - Vietato al di sotto dei 12 anni 
• 15 - Vietato al di sotto dei 15 anni
• 18 - Per soli adulti 
• R18 (Restricted 18) - Per soli adulti, film pornografico

In Italia invece, secondo il disegno di legge appena approvato, un film potrà essere: 
• Per tutti
• Vietato ai minori di 10 anni
• Vietato ai minori di 14 anni
• Vietato ai minori di 18 anni

Resta da augurarsi che gli imprenditori del sistema cinematografico, nell'auto-valutare l'idoneità del proprio prodotto alle diverse fasce d'età, si dimostrino nel tempo affidabili come le famiglie e in particolare i bambini meritano.

Non vorremmo più assistere a una distribuzione indifferente alla sensibilità infantile, che permette la visione di film cruenti o spaventosi, classificati come "film per tutti". Fino ad oggi, infatti, la dicitura era la medesima, che si trattasse di Mary Poppins o di Psycho, di Winnie the Pooh o de La Passione di Cristo.

Per saperne di più

Wikipedia, voce "movie rating" (in inglese)
Notizia approvazione del DdL 
Testo DDL 

 

Pin It
Accedi per commentare

Il viaggio di Caden

“Quando tocchi il fondo puoi solo risalire”

 

“Il viaggio di Caden” è un romanzo commovente, ma anche divertente, un vero inno alla vita, che racconta la discesa negli abissi della mente del giovane protagonista, Caden, un ragazzo come tanti, affetto da schizofrenia.

Leggi tutto...

Città blu città gialla

 

Città Blu e Città Gialla sono vicine e separate solo da un fiume. Una è famosa per i suoi ombrelli variopinti, l’altra per i calzolai che fabbricano scarpe eccezionali.

Gli abitanti hanno sempre vissuto in pace e un ponte permette agli abitanti di passare da una sponda all’altra e tutti andavano d’accordo, finché un giorno non decidono di ridipingere il vecchio ponte che collega le due città: già, ma di quale colore?

Leggi tutto...

Il mare in fondo al bosco

…quella era un città buia fitta di misteri, una città piccola perché un bambino come lui, Paolo, potesse esplorarla e scoprirci dei segreti…

Trovò in terra dei libri, li guardò uno dopo l’altro e a poco a poco riuscì a leggerli. Intanto si accorgeva che quello che stava leggendo riusciva a vederlo anche se non c’erano le figure. “Forse - pensò - sto diventando anch’io un bambino inventato. Sarebbe divertente!”
A un tratto aprì un libro e dalle pagine si alzò una foresta: era un libro animato, di quelli da cui, quando si sfogliano, si vedono saltar fuori castelli, boschi, velieri, talmente belli che sembrano veri. Gli venne voglia di provare a entrarefra quegli alberi. Quella foresta poi era una giungla, certo zeppa di belve, di serpenti di insetti velenosissimi.
Be’ paura o non pauraaveva una gran smania divederla quella giungla, l’idea di passare dal buio di una città pericolosa, al buio di una foresta tropicale, adesso, lo tentava troppo.
Sentì delle voci e un gran correre: lontano nelle strade dei tipi loschi.

Il romanzo è una fantasticheria in cui, con ritmo crescente, compaiono città insidiose, giungle popolate di belve, mari in burrasca, magie luminose, grovigli di strade misteriose. I protagonisti sono bambini, bande criminali, mercanti di schiavi, maghi e mostri orrendi, pirati e scimmie, folletti e coccodrilli.

Età di lettura consigliata: da 4 anni.

autore: Pinin Carpi

editore: Einaudi Ragazzi