Costruiamo un aquilone

Questa estate, mentre ero in spiaggia, un'ombra ha coperto improvvisamente il sole: era un pipistrello grande e nero, guardandolo meglio mi sono resa conto che era troppo grande per essere un pipistrello, infatti era un aquilone alzato in cielo da un ragazzo cinese che lo vendeva ai bagnanti.

La passione per gli aquiloni è condivisa da tante persone: bambini, adulti e anziani. È emozionante vederli alzare, si muovono facendosi cullare dal vento e danno a chi li lancia in volo grande senso di libertà.



Gli aquiloni furono inventati in Cina nel IV secolo a.C., inizialmente furono utilizzati principalmente a scopo militare, per poter segnalare pericoli ai soldati. Grazie ai mercanti e ai missionari, l’aquilone si diffuse in tutto il mondo, anche se fin dalla loro origine in oriente gli aquiloni hanno assunto significati simbolici, mentre l’occidente ne abbracciò da subito l\'aspetto ludico e spettacolare.


La diffusione vera e propria tra le gente comune avvenne tra il 1280 e il 1368, quando gli aquiloni acquisirono la forma che hanno ancora oggi e divennero parte integrante di ogni festa popolare. Anche i bambini europei incominciarono a giocare con gli aquiloni intorno al XII secolo.
Nel corso dei secoli sono stati impiegati per gli usi più disparati: come spaventapasseri, per sollevare persone, per scopi pubblicitari e come parafulmini.

Gli aquiloni si possono comprare, ce ne sono per tutti i gusti, per tutte le tasche e di tutte le misure, ma è ancor più emozionante veder alzare in cielo l’aquilone che si è costruito con le proprie mani.

Costruiamo insieme un aquilone a forma di pipistrello:

Procurati:
della carta colorata,
una striscia di cartone,
un bastoncino di legno leggero,
dello spago,
forbici,
colla.

  • Piega il foglio di carta in due, formando un quadrato. Lo puoi fare anche rettangolare ma più è quadrato, meglio volerà.
  • Disegnaci sopra un pipistrello dalle grandi ali.
  • Incolla i due strati della carta ai quattro angoli e ritaglia il contorno del pipistrello. Una volta tagliato il contorno finisci d’incollare i due strati di carta all’infuori della testa e del sedere (i pipistrelli hanno il sedere?) perché il vento possa passarci attraverso.
  • Incolla una striscia di cartone alla quale avrai fatto precedentemente due fori, alla bocca del pipistrello e lascia asciugare bene.
  • Infila una cordicella attraverso i buchi e fai un nodo lontano circa 5 cm dalla striscia di cartone, lega l’altra estremità dello spago ad un bastoncino, più lungo sarà lo spago più in alto andrà il tuo aquilone.

 

Città che organizzano manifestazioni aquilonistiche:

Festival Internazionale Vulandra (Ferrara)
Cervia Volante a Cervia
Coloriamo i cieli a Castiglione del Lago

Pin It
Accedi per commentare

Oggi a scuola è arrivato un nuovo amico

"Parlano russo, indiano, swaili o spagnolo. Sono confusi ed intimoriti, a volte sono introversi e persi nel loro mondo, a volte sono inquieti ed irrequieti. Hanno sei anni e ne dimostrano quattro, emotivamente poi sembrano ancor più piccoli. A sette e otto anni non hanno idea di quel che sia una scuola, un libro... Sono i figli dell'adozione internazionale.

Nella loro vita ci sono due madri, due famiglie, possono avere un passato segnato da traumi, possono aver vissuto per anni in un istituto, possono aver viaggiato da un continente all'altro, hanno sempre viaggiato o da un prima ad un dopo, molto diversi tra loro, per avere una famiglia stabile e serena.

Arrivano in classe con le loro lingue, le loro culture, i tradimenti degli adulti, il loro aver trovato una famiglia attraverso l'adozione. Arrivano in classe con i nuovi genitori, genitori a volte stanchi, ansiosi, desiderosi di trovare nelle insegnanti delle alleate che li aiutino nei primi bellissimi e faticosissimi mesi di formazione di una nuova famiglia.

Raramente gli operatori della scuola conoscono le realtà, le storie dei bambini, le procedure, le vicissitudini burocratiche, le attese e le avventure dei genitori adottivi. A volte sembra che manchino i canali per parlarsi e che scuola e famiglia siano due mondi che non riescono a raggiungersi.

La scuola accogliendo in sé - attraverso i bambini - le moltissime istanze del sociale, può oggi farsi promotrice di una cultura della convivenza civi­le dove ogni differenza trovi modo di esprimersi per quanto ha di ricco, nuovo, stimolante per tutti noi. È per questo che desideriamo creare un'alleanza tra genitori e maestre, un'alleanza dentro cui i bambini cresceranno serenamente, i genitori si sentiranno sostenuti e le insegnanti vedranno riconosciute al meglio le proprie capacità."

autore: Anna Guerrieri, M. Linda Odorisio

editore: Armando Editore

La vera storia del pirata Long John Silver

La biografia - raccontata in prima persona - di Long John Silver, il temibile pirata con una gamba sola dell'Isola del Tesoro, fatto sparire da Stevenson nel nulla che riappare ora vivo e ricco in Madagascar intento a scrivere le sue memorie.

E così ci si ritrova - adulti - a leggere una storia di pirati, con lo stesso gusto con cui lo facevamo da bambini, sognando ancora di porti affollati di vascelli, taverne fumose, tesori, arrembaggi, tempeste improvvise.

Ma non c'è solo questo, c'è anche la scoperta del mondo all'epoca della pirateria, i legami con il commercio ufficiale, le condizioni atroci dei marinai, i soprusi dei capitani, il codice egualitario dei pirati, le loro efferatezze e quelle contro cui si ribellavano.

 

Un grande affresco di un'epoca e di un mondo che ha sempre affascinato grandi e piccoli.

autore: Larsson Björn (traduzione K. De Marco)

editore: Iperborea

Una sorellina per Paolino

Presto mamma coniglio avrà un piccolo e tutti sono felici...

Tutti tranne Paolino. Il suo amico Robi l'ha avvertito: i neonati sono una vera catastrofe e Paolino, a dire il vero, preferirebbe avere un criceto, piuttosto che un bebè.

Ma, quando nasce la sorellina, cambia tutto...

Una storia piena di umorismo e tenerezza che parla dei dubbi e delle paure di tutti i bambini, quando arriva a casa un fratellino.

Età consigliata: dai 3 anni.

 

autore: Brigitte Weninger, Éve Tharlet (traduzione di L. Battistutta)

editore: Nord-Sud