Costruiamo un aquilone

Questa estate, mentre ero in spiaggia, un'ombra ha coperto improvvisamente il sole: era un pipistrello grande e nero, guardandolo meglio mi sono resa conto che era troppo grande per essere un pipistrello, infatti era un aquilone alzato in cielo da un ragazzo cinese che lo vendeva ai bagnanti.

La passione per gli aquiloni è condivisa da tante persone: bambini, adulti e anziani. È emozionante vederli alzare, si muovono facendosi cullare dal vento e danno a chi li lancia in volo grande senso di libertà.



Gli aquiloni furono inventati in Cina nel IV secolo a.C., inizialmente furono utilizzati principalmente a scopo militare, per poter segnalare pericoli ai soldati. Grazie ai mercanti e ai missionari, l’aquilone si diffuse in tutto il mondo, anche se fin dalla loro origine in oriente gli aquiloni hanno assunto significati simbolici, mentre l’occidente ne abbracciò da subito l\'aspetto ludico e spettacolare.


La diffusione vera e propria tra le gente comune avvenne tra il 1280 e il 1368, quando gli aquiloni acquisirono la forma che hanno ancora oggi e divennero parte integrante di ogni festa popolare. Anche i bambini europei incominciarono a giocare con gli aquiloni intorno al XII secolo.
Nel corso dei secoli sono stati impiegati per gli usi più disparati: come spaventapasseri, per sollevare persone, per scopi pubblicitari e come parafulmini.

Gli aquiloni si possono comprare, ce ne sono per tutti i gusti, per tutte le tasche e di tutte le misure, ma è ancor più emozionante veder alzare in cielo l’aquilone che si è costruito con le proprie mani.

Costruiamo insieme un aquilone a forma di pipistrello:

Procurati:
della carta colorata,
una striscia di cartone,
un bastoncino di legno leggero,
dello spago,
forbici,
colla.

  • Piega il foglio di carta in due, formando un quadrato. Lo puoi fare anche rettangolare ma più è quadrato, meglio volerà.
  • Disegnaci sopra un pipistrello dalle grandi ali.
  • Incolla i due strati della carta ai quattro angoli e ritaglia il contorno del pipistrello. Una volta tagliato il contorno finisci d’incollare i due strati di carta all’infuori della testa e del sedere (i pipistrelli hanno il sedere?) perché il vento possa passarci attraverso.
  • Incolla una striscia di cartone alla quale avrai fatto precedentemente due fori, alla bocca del pipistrello e lascia asciugare bene.
  • Infila una cordicella attraverso i buchi e fai un nodo lontano circa 5 cm dalla striscia di cartone, lega l’altra estremità dello spago ad un bastoncino, più lungo sarà lo spago più in alto andrà il tuo aquilone.

 

Città che organizzano manifestazioni aquilonistiche:

Festival Internazionale Vulandra (Ferrara)
Cervia Volante a Cervia
Coloriamo i cieli a Castiglione del Lago

Pin It
Accedi per commentare

La donna Italiana: 1861-2000, il lungo cammino verso i diritti

Il percorso delle donne italiane verso il riconoscimento dei diritti è stato più lungo e faticoso rispetto a quello di molti altri paesi, tuttavia in Italia ci sono stati personaggi all'avanguardia che hanno anticipato i tempi con le loro idee e i loro sogni:dall'intellettuale lombarda Anna Maria Mozzoni, al parlamentare pugliese Salvatore Morelli alla socialista Anna Kuliscioff.

Leggi tutto...

Desiderare un figlio, adottare un bambino

L'adozione di un bambino è una scelta complessa ed articolata che inizia dal desiderio di prendersi cura di un figlio nato da altri. Il nostro lavoro, che ci mette in contatto quotidianamente con questa realtà, ci ha fornito uno spazio privilegiato di osservazione, e ci ha indotte a riflettere su quale ruolo possano svolgere i servizi per sostenere le famiglie adottive. Abbiamo cercato di dare voce a tutti i protagonisti dell\'adozione: i genitori, i bambini, gli operatori, gli insegnanti e gli educatori delle case-famiglia, proponendo una chiave di lettura in cui ognuno possa ritrovare un terreno di confronto e trasformare le peculiarità in risorse.

Autore: Simonetta Cavallie Maria Cristina Aglietti

Editore: Armando

La forza d'animo

Argomento del libro è la "resilienza", intesa come capacità di fronteggiare e ricostruire; tale capacità è in gran parte scritta nel nostro patrimonio genetico, ma può anche svilupparsi nel corso dell'esistenza, rafforzarsi o indebolirsi a seconda delle esperienze che si vivono, soprattutto negli anni infantili, nel proprio ambiente, a contatto con le proprie figure di attaccamento o in loro assenza. La formazione di un legame di attaccamento saldo nella prima infanzia è alla base della fiducia in se stessi e dell'autostima. 

Leggi tutto...