Storia di una mela

Si può fare molto per insegnare ai bambini il valore, sia simbolico che concreto, che hanno i piccoli gesti nel contribuire a modificare il nostro stile di vita, riducendo l'impatto ecologico della nostra presenza sul pianeta e sviluppando al contempo una consapevolezza critica del lavoro. 



Una cosa banale è quella di cambiare il modo in cui facciamo la spesa e gli acquisti in generale, sviluppando un approccio consapevole a questa attività ormai così integrata nel nostro agire quotidiano. 

Anche il semplice racconto, la descrizione di quello che c'è dietro le merci, può aprire visioni inaspettate. 

Una merce, qualsiasi merce, si porta dietro una storia e lascia una traccia di sé. 

Una volta che andiamo a fare la spesa con i nostri figli, proviamo a raccontare loro la storia di una mela. 

La sua storia è intrisa dei pesticidi che sono stati utilizzati (oppure no) per coltivarla, dell'uso, indiscriminato (oppure no) delle risorse idriche necessarie per annaffiarla, dell'approccio di sfruttamento intensivo del terreno adottato (oppure no) per farla crescere. 

Nella mela ci sono anche il sudore della fronte di chi l'ha raccolta, magari un sans papier, pagato due lire e picchiato se ha osato lamentarsi delle proprie condizioni di lavoro (oppure no). 
Ci sono i soldi del pizzo pagati dal coltivatore alle mafie locali (oppure no). 

C'è la benzina usata per trasportarla fino a noi, magari attraverso un oceano o il Mare Nostrum (oppure no). 

La mela lascerà dietro di sé un vassoietto di polistirolo (oppure no), una confezione di pellicola con pvc (oppure no), un rifiuto indifferenziato… oppure un contributo per il cassonetto dei rifiuti verdi. 

Magari non la mangeremo nemmeno e finirà buttata nella spazzatura perché fermentata (oppure no). 

L'impatto di una singola mela sul pianeta e sulle persone che lo abitano è irrilevante in sé e per sé ma, moltiplicato per tutte le mele che si mangiano, fa la differenza. 

Possiamo raccontare la storia dei prodotti che compriamo ai nostri figli, leggendola sulle etichette, facendocela raccontare dal commerciante o da chi tiene il banchino al mercato. 

Se al mercato esiste il banchino di un produttore biologico, possiamo parlare con lui. 

Possiamo anche provare a fargliela disegnare questa storia, la lunga storia di una piccola mela. 

Da una mela possono nascere molte cose… Non a caso è il frutto della conoscenza. 


Leggere :
Sergio Staino, Cento candeline, Ediesse (2006). 
Libro illustrato per bambini, scritto da Staino in occasione del centenario della CGIL: le merci prendono vita e raccontano la loro storia di sfruttamento e mancato rispetto dei diritti dei lavoratori del sud del mondo. 

Pin It
Accedi per commentare

Mi hanno ucciso le fiabe. Come spiegare la guerra e il terrorismo ai nostri figli.

Durante l'osservazione del comportamento di alcuni bambini del suo Centro giochi di Masal, l'autrice - nota psicoterapeuta, rimane impressionata dalla seguente conversazione: "Secondo me dovrebbero dare il permesso agli americani di usare la bomba atomica così ne sganciano una su Bagdad ed è finita la guerra". Un'altro bambino risponde "Io penso che sia sbagliato perchè se butti una bomba atomica su Bagdad uccidi tutta la gente e poi anche...come si chiama..Aladino. Così uccidono tutte le nostre fiabe e non ci sono più fiabe". Dialogo surreale che mette in evidenza un problema molto serio: guerre, massacri di innocenti, armi chimiche, attacchi kamikaze ed eventi naturali incontrollabili: le notizie dei disastri colpiscono grandi e piccini e nessun mass media riserva spazi a loro adeguati per aiutarli ad impadronirsi della realtà.

In questo libro Masal Pas Bagdadi ha intervistato bambini e fermato i loro pensieri e le loro emozioni ma soprattutto ci insegna a stare loro vicini, a rassicurarli e a decodificare le loro paure sui grandi temi della guerra e della distruzione. Ci dice come dirglielo e cosa dirgli, cosa fargli sapere e cosa non fargli vedere, ci mette in guardia contro le difficoltà che si possono incontrare e ci suggerisce come affrontarle.

Un libro per entrare in sintonia con i propri figli, per comprendere i loro ragionamenti e percepire le realtà che possono provvedere al loro fondamentale bisogno di sicurezza.

autore: Masal Pas Bagdadi

editore: Franco Angeli

 

George e Sam

Una madre, due figli autistici e il racconto di un intensa quotidianità.

È la storia dell'infanzia di due fratelli autistici, descritta con obiettività e anche ironia. È interessante e illuminante, anche per chi non ha figli autistici; attraverso le parole dell'autrice si colgono tante cose che fanno meditare.

Dall'introduzione:

George e Sam è un libro illuminante. Non ci fornisce quel tipo di riscatto sentimentale che permette di piangere e dimenticare, ma propone e, cosa più impressionante, risponde a una serie di domande importanti che sono valide per tutti noi.

Fino a che punto siamo preparati ad accogliere i nostri bambini?

Siamo in grado di amarli così come sono?

Se la nostra vita non è come ce l'aspettavamo, qual è il modo migliore di viverla?

Charlotte Moore ha le risposte.

autore: Charlotte Moore

editore: Penguin

Ti mangio!

Mentre si avventura in bici per i boschi, insieme alla sorella Sara, il piccolo Leo viene inghiottito all’improvviso da un grande e pelosissimo mostro: il temibile INGHIOTTONE dei BOSCHI!

Sara, senza perdersi d’animo, si lancia all’impazzata sulla sua bicicletta in un’operazione di soccorso ma proprio mentre sta per raggiungerlo, quel tondo mostro vorace viene inghiottito a sua volta da un mostro ancora più grande: un enorme GNAMMETE ALATO! Sara non si dà per vinta, accelera sulla sua bicicletta, ma mentre sta per raggiungere lo Gnammete Alato, un gigante ACCHIAPPONE MARINO balza fuori dal mare e se lo pappa in un sol boccone!

Ma non può immaginare che un mostro ancora più grande, il celebre SLURPANTE SPINATO, abbia già messo gli occhi su quell’enorme e prelibato... ehm... bocconcino marino!

Come farà Sara a tirar fuori Leo da tutte quelle voraci fauci?! E sembra non esserci mai fine, perché ecco balzar fuori perfino un immenso e affamatissimo ZOMPONE DAI DENTI A SCIABOLA!

Ora basta! Bisogna intervenire! E con astuzia e intraprendenza i due fratellini riusciranno a trovare una soluzione davvero geniale! I mostri, anche quelli più grandi, sono avvisati: mai sottovalutare l’intelligenza, la fantasia e la furbizia dei bambini!

Il libro, TI MANGIO! di John Fardell, edito in Italia dal Castoro, ha vinto come Miglior libro nella sezione “Crescere con i libri” nell’ambito della 4^edizione del premio Nazionale Nati per Leggere (Miglior libro per bambini tra i 3 e i 6 anni, relativo al tema "Il coraggio"), con la seguente motivazione:

Per la scintillante inventiva che dimostra come chi ha coraggio sa tenere gli occhi ben aperti sulla realtà senza chiudere quelli della fantasia.

 

autore: John Fardell

editore: Il Castoro