Un'insostenibile distribuzione

Nel corso degli ultimi anni le strutture di distribuzione degli alimenti, così come erano un tempo, sono state sostituite da un nuovo sistema centralizzato di distribuzione, controllato da un numero ridottissimo di operatori, situati anche molto lontano dai vari punti vendita. Sono i nuovi centri di distribuzione dei supermercati, i quali hanno attuato questa rivoluzione senza che ce ne accorgessimo; questo nuovo sistema è portentoso per proporzioni, velocità ed efficacia, ma è minato da un terribile difetto: non può prescindere dall'uso insostenibile del petrolio, da cui dipendono sia le coltivazioni intensive, tramite i prodotti chimici per l'agricoltura, sia gli alimenti essenziali per via dei lunghi viaggi dal luogo d'origine fino a noi. Le nostre linee di rifornimento, perciò, sono estremamente vulnerabili: bloccando una rete di trasporti si può ridurre un paese alla fame. 
Basta pensare che il 30-40 per cento dei camion che attualmente viaggia sulle strade britanniche è riconducibile alla produzione e distribuzione dei prodotti alimentari (***). 



I depositi dei prodotti freschi non sono magazzini: milioni di scatole di merce vengono ordinate dai rifornitori, con sistema a cicli continui in cui sono azzerati i tempi di attesa, eccedenza scorte ed inevasi. Ogni linea di prodotti arriva al centro di distribuzione e viene subito spedita al punto vendita che lo richiede. Questo è reso possibile dal fatto che i sistemi computerizzati delle casse trasmettono elettronicamente e direttamente ai centri di distribuzione le informazioni riguardo alle scorte. I produttori ricevono quindi in tempo reale o quasi gli ordini che devono soddisfare quanto prima, e se per qualche motivo non si riesce a soddisfare appieno l'ordine del rivenditore possono esserci danni finanziari considerevoli. È quindi necessario avere una forza lavoro sempre a disposizione, da impiegare a proprio piacimento con grosso rischio di sfruttamento.

Nell'arco degli ultimi trent'anni il commercio internazionale degli alimenti è triplicato e la nostra crescente dipendenza dagli alimenti trattati e conservati ha contribuito ad accentuare questa situazione.
In questo spostamento globale degli alimenti, il drastico aumento del traffico aereo rappresenta l'aspetto più preoccupante in termini di emissioni nocive e consumo di combustibile; inoltre il carburante degli aerei non è soggetto a tassazioni: grazie a questo sussidio celato risulta più conveniente far arrivare il cibo da altri continenti, dando pochissimo preavviso per soddisfare le richieste dei supermercati, oppure spedirlo dove la manodopera costa meno.
Molti immaginano inoltre che in questo modo si possono comprare prodotti di stagione più freschi, ma non è così: il fatto che debbano essere trasportati per lunghe distanze impone sul mercato solo quelle varietà di prodotti freschi che possono viaggiare conservandosi in buone condizioni. Il sapore, la consistenza e la varietà sono stati sacrificati in nome di un lunga estate globale; le fragole, per esempio, per due terzi sono di un'unica varietà che consente di coglierle acerbe e di trasportarle senza che deperiscano.
Ma lo scotto più grande per questo tipo di distribuzione lo paga, oltre chi ha i redditi più bassi, l'ambiente in cui viviamo.

(***) Da leggere:
F. Lawrence Non c'è sull'etichetta- Quello che mangiamo senza saperlo - Gli struzzi Einaudi. 
Ciò che è meglio per assicurare lo sviluppo sostenibile dei paesi poveri risulta essere il meglio anche per la difesa dell'ambiente. Ciò che meglio tutela i diritti delle altre popolazioni preserva al meglio anche la nostra salute. E guarda caso, anche il gusto ci guadagna.

Pin It
Accedi per commentare

Io mangio come voi

63 ricette gustose per mangiare bene da 6 mesi a 99 anni

Dai 6 mesi i bimbi iniziano ad assaggiare il cibo dei grandi, ma con omogeneizzati e minestrine non sempre lo fanno con piacere. Perché non iniziare subito a proporre loro dei cibi sani, semplici da preparare, ma allo stesso tempo gustosi e adatti a tutta la famiglia?

Leggi tutto...

I bambini nascono per essere felici. I diritti li aiutano a crescere

Il termine "diritto", sempre più presente nel nostro vocabolario comune, è alla base del nostro vivere, per questo è fondamentale che anche i più piccoli ne conoscano il significato, che siano consapevoli che in quanto bambini, hanno dei diritti propri, perché anche "da grandi" ne siano veri promotori.

Le parole di Vanna Cercenà e le immagini di Gloria Francella danno qui una reinterpretazione della "Convenzione sui Diritti dell'Infanzia approvata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989, ratificata dall'Italia con legge del 27 maggio 1991 n. 176 depositata presso le Nazioni Unite il 5 settembre 1991".

Data la complessità del testo originale, gli articoli sono stati raggruppati in temi principali: da quelli a carattere più generale a quelli più specifici su identità, famiglia, partecipazione, educazione, protezione, salute, informazione, controllo dell'attuazione. Ognuno di questi argomenti viene sviluppato puntualmente con il riferimento agli articoli - spiegati con termini semplici e comprensibili – e una divertente e arguta filastrocca, di cui le immagini, coloratissime e ricche di particolari, sono il perfetto complemento visivo.

Come gli altri libri-gioco della collana Carte in Tavola, seguendo la numerazione delle schede, si affiancano le immagini fino a formare un'unica grande tavola illustrata: un grande albero su cui "sbocciano" le rappresentazioni dei 20 diritti riportati sul retro.

TEMI TRATTATI: diritto, famiglia, identità, multiculturalità, informazione, gioco, disabilità, salute, uguaglianza, pace, scuola, libertà, genitorialità, Stato.


Il bambino perduto e ritrovato. Favole per far la pace col bambino che siamo stati.

“Gli adulti ritengono comunemente di poter pensare e agire in modo libero nei loro comportamenti abituali, mentre in realtà sono spesso condizionati dal bambino che sono stati, con la sua vitalità e creatività, ma anche con le sue realtà irrisolte, che possono interferire con le loro attuali relazioni, quella con i figli innanzi tutto.


Forse nel desiderio di evitare, ai figli, fatiche eccessive, gli adulti a volte spianano loro troppo la strada, impedendogli così di confrontarsi con le difficoltà che invece aiutano a crescere e a rinforzarsi: Altre volte, anche, aspettano da loro quei successi che invece a loro sono mancati e che consolino la loro basa autostima, e questo complica la vita sia a loro che ai figli.


Questo libro vorrebbe aiutare noi adulti, sempre attraverso delle favole costruite su molte storie reali condensate in una, a cercare di evitare che le ombre del nostro passato interferiscano troppo con la nostra relazione con i bambini e i ragazzi condizionandoli eccessivamente e involontariamente nelle loro scelte e nella disposizione mentale con cui affronteranno la vita.”

autore: Alba Marcoli

editore: Mondadori (collana Oscar saggi)