Sviluppo ludico

Il gioco rappresenta per il bambino la possibilità di relazionarsi con se stesso in primis, con il resto della società in secundis ed è fondamentale per lo sviluppo emotivo ed intellettivo, per una crescita serena ed equilibrata.
Lo sviluppo ludico si modifica durante la crescita del bambino, con il passare degli anni. Se nei primi mesi di vita saranno la pelle della mamma, piuttosto che le sue manine, a rappresentare per il bambino l’unico metodo di gioco/conoscenza, con l’età si troverà ad avere necessità di altri strumenti, i più diversi e disparati. E per lui significherà in ogni caso un passaggio e un distacco (1-2 anni), una definizione di sé diversa da quella della mamma. Momenti importanti, tappe da superare, per una tranquilla crescita emotiva.


Se, ad 1 anno, un piatto ed un mestolo di legno saranno utilizzati per produrre un suono (alla stessa stregua di un tamburo), facilmente a 2-3 anni quegli stessi oggetti si trasformeranno in un principe ed il suo destriero. Ma che succederà dai 6-7 anni? L’assimilazione delle regole… l’obiettivo di ogni genitore sarà finalmente raggiunto. Quello stesso cucchiaio e quello stesso piatto non rappresenteranno più un mero strumento ludico, ma saranno collocati nel giusto spazio: a tavola.
A 6-7 anni il bambino riuscirà ad avere una percezione diversa della realtà, per questo cercherà altri strumenti di gioco che siano necessariamente più vicini alla sua quotidianità fatta di scuola, palestra, ecc. Le regole non saranno più imposte dall’adulto ma assimilate e utilizzate per il buon andamento del gioco stesso.

È importante e necessario che fin da piccolo il bambino abbia sufficiente libertà di gestione del gioco. Troppo spesso gli adulti si impongono con la loro presenza nel gioco dei proprio figli, per “aiutare”, “costruire”, “guidare”, i loro momenti di svago e relax, talvolta ottenendo dei risultati contrari alle proprie aspettative: il bambino smette di giocare.
È compito di noi genitori offrire gli strumenti, affinché il bambino li utilizzi, ma con molta discrezione. La creatività non va repressa né inquadrata negli schemi, non è opportuno farlo semplicemente perché un bambino ragionerà diversamente dall’adulto, i tempi sono diversi, le percezioni sono diverse.

Quanti genitori hanno rilevato un’anomalia nel vedere il proprio figlio colorare visi d’arancione e capelli di rosa e sono andati a ricercare chissà quale significato recondito in tale scambio di colori? Per il bambino sono tutte prove, esperienze, che serviranno a costruire la sua personalità, che stimoleranno la fantasia a risolvere piccoli problemi quotidiani. Memoria, capacità di attenzione/concentrazione, il ripetere azioni all’infinito, strilli quando il gioco non riesce, sono tutti mattoncini che servono per crescere.

Pin It
Accedi per commentare

Il ciliegio di Isaac

La storia comincia con un nonno e un nipotino, ma andando avanti nelle pagine la vita di questo bambino, raccontata in prima persona quando ormai lui è diventato adulto, entra in una specie di sogno orribile: è il ricordo di fili spinati dentro un turbine di colori freddi. Fa molto freddo, ci sono neve e fango ovunque, si vede “un lungo inverno che sembra non finire mai”, nei visi tristi, nelle ombre a righe, nelle stelle gialle sopra gli abiti, nelle mani protese in cerca di aiuto, nella ciminiera fumante di un campo di concentramento.Leggi tutto...

Rosi e Moussa

Rosi si è appena trasferita in città con la sua mamma, in un grande palazzo, molto alto, pieno di scale e di vicini che sembrano scontrosi. Non si farà mai degli amici, lo sa già!

E invece arriva Moussa: grande giacca, cappello sempre in testa, tanti fratelli, e un cane che in realtà è... un gatto. Il loro incontro nasce con una sfida: salire sul tetto proibito per guardare tutta la città dall'alto – in barba al bisbetico vicino signor Tak.

E dalle sfide, si sa, nascono le migliori amicizie e le avventure più belle.

Una delicata storia di amicizia e multiculturalità, scritta con naturalezza e senza ipocrisie.

Romanzo perfetto per le prime letture.

Autore: Michael de Cock e Judith Vanistandael

Editore: Il Castoro

Libri di Marcello Bernardi

Leggi tutto...