Bambini e TV

In collaborazione col Ministero delle Comunicazioni, la Rai lancerà dal prossimo 10 gennaio una nuova campagna televisiva dedicata al rapporto tra minori e TV. 

Lo spot, attraverso lo slogan Bambini e Televisione: meglio non distrarsi, richiama l'attenzione sul rapporto tra i bambini ed i programmi televisivi come telegiornali o le trasmissioni di approfondimento, le cui immagini e resoconti giornalistici, per una loro consapevole visione, possono richiedere un livello di maturità diverso da quello dei più piccoli. 
L'invito ai genitori, alle famiglie ed agli educatori è quindi quello di accompagnare i bambini nella visione di tali contenuti, guidandoli ad una loro corretta comprensione.

La campagna è una diretta applicazione del nuovo Contratto Nazionale di Servizio 2007-2009 sottoscritto dalla Rai il 5 aprile scorso, che fra le altre cose prescrive anche che la stessa adotti un sistema di chiara riconoscibilità visiva, capace di evidenziare, con riferimento a film, fiction ed intrattenimento, quelli adatti a una visione congiunta con un adulto e quelli adatti al solo pubblico adulto. 
Nel caso specifico di programmazione inidonea per i minori, il simbolo deve rimanere costantemente presente per tutta la durata della programmazione.

L'articolo 7 del Contratto di Servizio Rai 2007-2009 aggiunge ulteriori significativi obblighi quali:
- l'allargamento della fascia oraria dedicata espressamente ai minori e che passa dal tradizionale 16 - 19 a 16 - 20
- il vincolo di non interrompere con la pubblicità i programmi per bambini e i cartoni animati di durata inferiore ai 30 minuti, nonché il divieto di usare i personaggi dei cartoni come "traino" pubblicitario;
- il divieto di passare trailer di film vietati non solo durante la fascia protetta, ma anche nella fascia 7 - 9 ove è frequente la presenza di bambini telespettatori. Il divieto di programmare film vietati ai 14 anni in tali orari si estende quindi ai corrispondenti trailer.

Sul sito del Ministero per le Comunicazioni leggiamo inoltre che molto ancora si sta facendo sul tema nuove tecnologie e minori, sia sul piano della regolamentazione sia su quello della sensibilizzazione delle famiglie e del mondo della scuola. 
Ad esempio già nel periodo 17 Giugno - 29 Luglio è stata mandata in onda su tutte le reti RAI la campagna Internet e minori, sull'uso corretto della rete da parte dei bambini e dei genitori.

Sempre in nome della tutela dei diritti dell'infanzia è stata stipulata la Convenzione tra il Ministero e Save the Children ed attivato il sito www.tiseiconnesso.it/, per educare giovani e loro genitori ad un uso consapevole dei nuovi "media".

per saperne di piu'
Sito Ministero Comunicazioni 
www.tiseiconnesso.it


Articoli correlati
Movie Rating
La TV per bambini 
La TV e l'infanzia 
I rischi di Internet
Minori nella Rete

Pin It
Accedi per commentare

Una sorellina per Paolino

Presto mamma coniglio avrà un piccolo e tutti sono felici...

Tutti tranne Paolino. Il suo amico Robi l'ha avvertito: i neonati sono una vera catastrofe e Paolino, a dire il vero, preferirebbe avere un criceto, piuttosto che un bebè.

Ma, quando nasce la sorellina, cambia tutto...

Una storia piena di umorismo e tenerezza che parla dei dubbi e delle paure di tutti i bambini, quando arriva a casa un fratellino.

Età consigliata: dai 3 anni.

 

autore: Brigitte Weninger, Éve Tharlet (traduzione di L. Battistutta)

editore: Nord-Sud

DIVERGENT

Ho sempre adorato i libri per gli adolescenti, ma ultimamente ho sviluppato un nuovo amore per una serie in particolare. Divergent, é il primo dell’omonima trilogia di libri di Veronica Roth. Popolarissima tra i giovani, é l’ennesima serie di libridistopici. O almeno credo si dica così...non conoscevo questo termine finché mia figlia Penelope ha iniziato a leggere questo nuovo genere di romanzi. Utilizzando un linguaggio ed una classificazione ‘tradizionale’ potremmo definirli romanzi di fantascienza, con delle sfumature di significato un pò particolari. Ambientati nel futuro, offrono la rappresentazione di una società fittizia nella quale alcune tendenze sociali, politiche e tecnologiche avvertite nel presente sono portate a estremi negativi. Il padre di questo genere potrebbe essere considerato1984(G. Orwell) oFahrenheit 451(R. Brandbury). The Hunger Gamesne é un’altro esempio contemporaneo popolarissimo, già diventato un cult.

Leggi tutto...

Cane nero

Conoscete la leggenda del terribile Cane Nero? Pare basti un suo sguardo per scatenare gli eventi più funesti. 

Così, quando una mattina d'inverno si presenta fuori dalla casa dalla famiglia Hope, tutti scappano impauriti. Tranne la giovane Small, che saprà riportare la bestia alle giuste dimensioni.
Un libro che insegna ai bambini (e non solo) a guardare in faccia e ad affrontare le proprie paure e le proprie ansie, non importa l'età. Magari scoprendo che non sono poi così tremende come uno pensa.

Leggi tutto...