Sulle orme dei dinosauri

Nel mondo infantile, quel mondo che viene riflesso nelle favole, i personaggi pericolosi sono sempre presenti e popolano costantemente la fantasia dei giovani lettori. In passato, i mostri erano la strega, il mago, l\'orco, personaggi immaginari e legati ad una cultura e ad una società permeate di superstizione e magia. Al giorno d’oggi una maggiore informazione rende le creature fantastiche del passato meno accettabili e credibili.
Etologia e biologia oggi segnano la cultura di tutti, a qualunque livello. In pratica, la maggiore informazione scientifica modifica i mostri, e porta alla ribalta nuove figure, tra le quali appunto i dinosauri. L’evoluzione stessa della specie ha cambiato gli animali simbolo delle paure: prima c'era il lupo, ad esempio, o i serpenti o i ragni, che tuttavia ormai appartengono ad esperienze del passato. Oggi tocca perlopiù ai dinosauri, ma il loro significato è lo stesso: i dinosauri sono i nuovi mostri, i nuovi simboli delle paure da elaborare e sconfiggere.


Grazie al meccanismo del gioco attraverso cui i mostri diventano via via più familiari e quindi amichevoli, si arriva a permettere al bambino di sconfiggere le paure identificandosi con l\'aggressore. Nel caso specifico dei dinosauri, oltre a essere una rappresentazione di aspetti di forza incontrollata, c'è l'elemento importante delle dimensioni, per cui il pericolo assume una dimensione maggiore. Così quando il bambino nella sua fantasia riesce a dominare il dinosauro sta addomesticando una creatura incredibilmente grande, molto più grande di lui, ma anche molto più dei “potentissimi” adulti che lo circondano.
I dinosauri sono collegati alla questione delle origini della vita, un argomento di grandissimo fascino per tutti. In più, c'è il mistero della loro estinzione che da un lato stimola la curiosità, e dall'altro evoca le paure collettive sul destino della specie umana e del pianeta. Ecco perché affascinano adulti e bambini. 

Ci sono varie proposte nei musei italiani per scoprire qualcosa di nuovo su questi animali preistorici ancora avvolti nel mistero.

Sulle pendici del Monte Zugna a Rovereto (Tn), in località Lavini di Marco,  si trova uno dei più importanti siti paleontologici d'Europa. Insieme al vostro bambino, potete fare una piacevole passeggiata lungo l'itinerario con i cartelli che danno spiegazioni e curiosità sugli animali preistorici.

Informazioni cliccando qui : museo civico di rovereto

Un altro parco dove passeggiare fra i dinosauri si trova nel centro Italia, a Sassoferrato (An). Si chiama Le pietre del drago e mette in mostra ben 12 esemplari a grandezza naturale. 

Informazioni cliccando qui : le pietre del drago

Un sito per sapere di tutto e di più sui dinosauri:
www.geologia.com

Orietta Venturi

Pin It
Accedi per commentare

Il dramma del bambino dotato e la ricerca del vero Sé

A quale prezzo psicologico si ottiene un "bravo bambino"? Di quali sottili violenze è capace l'amore materno? Per l'autrice, il dramma del "bambino dotato" - il bambino che è l'orgoglio dei suoi genitori - ha origine nella sua capacità di cogliere i bisogni inconsci dei genitori e di adattarvisi, mettendo a tacere i suoi sentimenti più spontanei (la rabbia, l'indignazione, la paura, l'invidia) che risultano inaccettabili ai "grandi".

Sono passati diciassette anni da quando è uscita la prima edizione di questo libro, in cui Alice Miller analizza cosa capita dal punto di vista neurobiologico ai bambini che non hanno avuto la possibilità di sviluppare la loro vita emotiva. Non bambini in evidente stato di abbandono, ma piccoli con un'apparente infanzia felice alle spalle. Bimbi che già a un anno sapevano stare senza pannolino, che hanno imparato presto ad accudire i propri fratellini. La strada è riuscire a vivere e a far vivere le proprie emozioni e questo libro certamente aiuta a riviverle, anche chi un bambino dotato forse lo è stato davvero.

autore: Alice Miller (traduzione di M. A. Massinello)

editore: Bollati Boringhieri

Mi fido di te

Attenzione! La lettura di "Mi fido di te" di Gea Scancarello può causare smodati accessi di entusiasmo in chi da sempre segue con interesse gli stili di vita sostenibili e l'affermarsi dell'idea che un mondo diverso, non dominato dall'economia e dal denaro sia possibile. Perché in questo saggio il mondo dell'economia collaborativa non è solo immaginato, auspicato o sognato, ma è il mondo reale e concreto in cui si muove l'autrice nella sua vita di oni giorno. 

Leggi tutto...

Rinoceronte

Scimmia si è svegliata male stamattina e dà un calcio a Uccello che cade in una pozzanghera.

Uccello diventa furioso a sua volta e se la prende con Rospo che lì sta facendo il bagno.

Rospo si agita e schizza Coccodrillo; anche quest'ultimo si arrabbia e colpisce Tartaruga con la coda.

Tartaruga è già pronta a bisticciare anche lei quando vede Rinoceronte... molto grande, molto forte, ma oggi Rinoceronte è soprattutto molto contento.

Ed ecco, come per contagio, che Tartaruga si calma e così a catena si calmano anche gli altri animali e tutto finisce in una grande risata, dove nessuno ricorda più i motivi dei litigi.

La forza, la tranquillità e la gioia di Rinoceronte sono servite per ritrovare la pace e la felicità.

Può capitare di svegliarsi malcontento, di cattivo umore, contagiando così il prossimo; litigio chiama litigio. E' bello vedere come la gentilezza e la gioia siano altrettanto contagiose e capaci di ristabilire l'armonia. Evviva i "rinoceronti" della vita quotidiana!

Per bambini in età prescolare.

autore: Lucia Scuderi

editore: Bohem Press Italia