Il valore dell'acqua, l'energia dall'acqua

Sull'acqua, bene primario ed essenziale alla vita, incombono molti pericoli: la desertificazione di vaste aree del pianeta, la salinizzazione delle falde costiere, l'inquinamento e lo spreco di acqua, nonché il suo sfruttamento economico, stanno compromettendo sia la qualità sia la quantità delle risorse idriche. Diventa fondamentale perciò adottare politiche e comportamenti volti a preservare la quantità d'acqua disponibile e a limitarne l'inquinamento.

Per il perseguimento di questi scopi è stato istituito il Forum nazionale sul risparmio e la conservazione della risorsa idrica, piattaforma condivisa e organizzata di dialogo e confronto tra mondo della ricerca, gestori e loro associazioni, istituzioni nazionali e locali, ONG, associazioni ambientaliste. 
Sarà questa la sede per stimolare iniziative a tutti i livelli seguendo la linea della Direttiva Europea 2000/60 che dà una grande importanza al tema dell'informazione e della partecipazione dei cittadini alle politiche sull'acqua. 
Gli obiettivi del Forum saranno pertanto di:
- favorire la diffusione di notizie, dati ed esperienze
- affrontare con le Regioni e gli altri attori rilevanti i fattori che limitano e rallentano le politiche di risparmio idrico (es. il metodo tariffario) 
- sviluppare una campagna comunicativa nazionale non episodica 
- approntare un Tavolo tecnico con le Regioni che, in prospettiva, definisca un programma nazionale e che collabori con l'Unione Europea per la Water Framework Directive anche per integrare l'attenzione all'acqua negli altri settori 
- estendere e scambiare le progettualità diventando il "fattore trainante" che permetta di valorizzare le iniziative già esistenti ma che non sono ancora divenute "sistema" 
- integrare le politiche delle istituzioni, con le iniziative delle imprese e con la partecipazione dei cittadini.

L'energia dell'acqua viene oggi sfruttata nelle centrali idroelettriche dove, per mezzo di turbine e alternatori, si trasforma in elettricità. L'idroelettrico però, soprattutto quello dei grandi impianti con grandi dighe e captazioni d'acqua, ha un forte impatto sull'ambiente e sugli ecosistemi. Il miglior utilizzo di questa risorsa viene quindi dal mini-idroelettrico che utilizza impianti fino a 3MW che sfruttano i piccoli salti d'acqua o anche gli acquedotti per la produzione di energia. Impianti piccoli che risultano però maggiormente integrabili in natura. 
Una delle sperimentazioni più interessanti degli ultimi quindici anni è stata quella che tentava di produrre elettricità sfruttando la reazione dell'acqua con altre sostanze disponibili in natura come l'alluminio e il magnesio. E quelli che dapprima erano stati risultati piuttosto scarsi si sono via via trasformati in successive conferme della bontà del procedimento. È stata ideata una batteria ricaricabile a liquido, disponibile in formato AA e AAA e funzionante grazie a ricariche di vari tipi di liquidi, caratteristica ideale per coloro che dovessero necessitare di una certa quantità di energia in condizioni anche estreme. In un prossimo futuro, infatti, dando per scontata la sostituzione delle batterie attualmente in uso a causa dei materiali impiegati nella loro fabbricazione, le batterie ricaricabili ad acqua potrebbero risultare ben più funzionali di quelle a metanolo o etanolo, per la facile reperibilità della sostanza.


Per approfondire

Qualche informazione sull'energia sostenibile
www.energoclub.it
Il sito del forum nazionale sul risparmio e la conservazione dell'acqua
www.forumrisparmioacqua.it
Il sito che la Commissione europea ha dedicato al WISE, il sistema informativo europeo sull'acqua 



Per leggere:

I predoni dell'acqua. Acquedotti, rubinetti, bottiglie: chi guadagna e chi perdeGiuseppe Altamore, Edizioni San Paolo, 2004

Pin It
Accedi per commentare

Mauro e il leone

Dei leoni certo bisogna avere paura, sono belve che possono diventare terribili. Ma un giorno, qui, una bellissima ragazza vestita di rosso dà il via a un patto magico fra i bambini e i leoni. È così che un bambino, Mauro, e un poderoso Leone, Ulisse, diventano amici per la pelle. Tanto che, come Ulisse è pronto a tutto pur di aiutare Mauro, anche il bambino si sente pronto a tutto quando è il leone che deve essere aiutato e difeso. Così comincia questa grande storia fittissima di avventure sorprendenti, in un mondo spesso popolato di personaggi infidi e malvagi.

È una storia famosa che ha affascinato moltissimi bambini.
Illustrazioni dell'autore.

Consigliato dai 5 anni

Mi fido di te

Attenzione! La lettura di "Mi fido di te" di Gea Scancarello può causare smodati accessi di entusiasmo in chi da sempre segue con interesse gli stili di vita sostenibili e l'affermarsi dell'idea che un mondo diverso, non dominato dall'economia e dal denaro sia possibile. Perché in questo saggio il mondo dell'economia collaborativa non è solo immaginato, auspicato o sognato, ma è il mondo reale e concreto in cui si muove l'autrice nella sua vita di oni giorno. 

Leggi tutto...

E l'eco rispose

L’eco è la propria voce che si ripete all’infinito. Qui si tratta di vite di uomini e donne che si intrecciano come le radici di un albero e che nel libro sembrano riflettersi come in uno specchio. All’inizio una sorella sarà strappata al proprio fratello in un piccolo paese dell’Afghanistan  e da questo dolore nasceranno le storie di tanti personaggi che dal passato arrivano al presente: quella di Sabur il padre, amato da due sorelle gemelle, la più bella Masuma e la meno bella Parawami, quella dello zio Nabi , fedele domestico della ricca, ma infelice coppia di Nali e Wahdati, quella di Idris e di Roshi, quella del medico volontario Marcos , di sua madre e della ragazza sfigurata, quella di un ragazzo e della sua disillusione nei confronti di un padre  e quella delle due Pari una figlia e l’altra sorella di Abdullah che alla fine del libro, ormai vecchio e malato di demenza, riuscirà a re-incontrare .

 

Leggi tutto...