Giornata mondiale del commercio equo e solidale

Il 10 Maggio si celebra la Giornata mondiale del commercio equo e solidale, dedicata quest'anno (2008) alla relazione tra fair trade e ambiente.


"Il commercio equo crea un buon clima" è lo slogan della campagna informativa e propositiva delle Botteghe del mondo italiane ed europee: la campagna durerà due anni e si occuperà di commercio equo e solidale e clima. Sarà indirizzata ai bottegai, ai consumatori, alle centrali di importazione, ma anche ai produttori, che saranno parte integrante della campagna.
Si tratterà di riflettere su buone pratiche e contraddizioni nel commercio equo, rispetto all'inquinamento ed allo stravolgimento climatico, al fine di proporre e mettere in pratica modalità di commercio tali da inserirsi in una politica sociale ed ambientale che conduca ad una reale sostenibilità dello sviluppo.

Il commercio equo e solidale mira ad attivare processi di sviluppo economico e sociale delle comunità presso cui interviene. È la dimostrazione che un'economia rispettosa dei diritti umani ed ambientali è possibile, attraverso una differente redistribuzione delle risorse e attraverso la garanzia del rispetto di regole semplici ed essenziali (pagamento di un prezzo giusto per il lavoro svolto, trasparenza nelle relazioni commerciali, non sfruttamento del lavoro minorile, attenzione per l'ambiente). A differenza di quanto accade nell'economia tradizionale, tutti gli anelli della catena sono in misura uguale responsabili della relazione economica, dal produttore al consumatore. 

Nei Paesi del Nord Europa il commercio equo e solidale esiste ormai da quasi 50 anni e in Italia da quasi 30 anni. Le persone sono sempre più disponibili ad acquistare prodotti "puliti" e sempre più attente a capire cosa si cela dietro i nostri acquisti quotidiani. Si insiste sulla responsabilità dei consumatori, sul potere di scelta e di cambiamento che ognuno di noi ha anche attraverso il semplice gesto dell'acquisto.

Più nel dettaglio gli obiettivi del Commercio Equo e Solidale sono: 


- Migliorare le condizioni di vita dei produttori aumentandone l'accesso al mercato, rafforzando le organizzazioni di produttori, pagando un prezzo migliore ed assicurando continuità nelle relazioni commerciali. 
- Promuovere opportunità di sviluppo per produttori svantaggiati, specialmente gruppi di donne e popolazioni indigene e proteggere i bambini dallo sfruttamento nel processo produttivo. 
- Divulgare informazioni sui meccanismi economici di sfruttamento, tramite la vendita di prodotti, favorendo e stimolando nei consumatori la crescita di un atteggiamento alternativo al modello economico dominante e la ricerca di nuovi modelli di sviluppo.
- Organizzare rapporti commerciali e di lavoro senza fini di lucro e nel rispetto della dignità umana, aumentando la consapevolezza dei consumatori sugli effetti negativi che il commercio internazionale ha sui produttori, in maniera tale che possano esercitare il proprio potere di acquisto in maniera positiva. 
- Proteggere i diritti umani promuovendo giustizia sociale, sostenibilità ambientale, sicurezza economica. 
- Favorire la creazione di opportunità di lavoro a condizioni giuste tanto nei Paesi economicamente svantaggiati come in quelli economicamente sviluppati. 
- Favorire l'incontro fra consumatori critici e produttori dei Paesi economicamente meno sviluppati. 
- Sostenere l'autosviluppo economico e sociale. 
- Stimolare le istituzioni nazionali ed internazionali a compiere scelte economiche e commerciali a difesa dei piccoli produttori, della stabilità economica e della tutela ambientale, effettuando campagne di informazione e pressione affinché cambino le regole e la pratica del commercio internazionale convenzionale. 
- Promuovere un uso equo e sostenibile delle risorse ambientali.


Pin It
Accedi per commentare

Il libro di tutte le cose

Ho appena finito di leggere questo magnifico libro.

È ambientato in Olanda, il protagonista si chiama Thomas. Lui vive in un mondo tutto suo, si rifugia nella sua testa, perché non accetta la realtà. Lui però la realtà, in una parte della sua testa la conosce. Thomas sa che il padre fa cose sbagliate e che gli preferisce la sorella, che secondo lui ha un cervello di gallina, ma nel corso del romanzo avrà modo di fargli cambiare idea.

Leggi tutto...

Requiem per il giovane Borgia

 

Si tratta di un romanzo storico e nello stesso tempo di un avvincente giallo scritto da due giovani autrici milanesi esordienti che hanno svolto approfondite ricerche storiche sulla opulenta e maestosa Roma rinascimentale e le ricche corti italiane, soggiogate dalla morale del tempo, individualista e brutale, tesa al conseguimento dei fini senza curarsi dei mezzi con i quali ottenerli.

La vicenda parte dal brutale omicidio di Juan Borgia, duca di Gandia, figlio prediletto di papa Alessandro VI, al secolo Rodrigo Borgia.

Chi è il mandante dell'assassinio? L'indagine non è facile. È possibile il movente politico (il dominio dei Borgia è inviso alle potenti famiglie romane, agli Orsini, agli Sforza di Milano, a Guido da Montefeltro, ai baroni romani e a molti prelati che disapprovano la scandalosa condotta del papa), ma può essere un movente passionale o può essere maturato nell'ambito familiare....

La scrittura è scorrevole e varia e si presta facilmente ad una trasposizione filmica.

autore: Elena Martignoni, Michela Martignoni

editore: TEA

Mauro e il leone

Dei leoni certo bisogna avere paura, sono belve che possono diventare terribili. Ma un giorno, qui, una bellissima ragazza vestita di rosso dà il via a un patto magico fra i bambini e i leoni. È così che un bambino, Mauro, e un poderoso Leone, Ulisse, diventano amici per la pelle. Tanto che, come Ulisse è pronto a tutto pur di aiutare Mauro, anche il bambino si sente pronto a tutto quando è il leone che deve essere aiutato e difeso. Così comincia questa grande storia fittissima di avventure sorprendenti, in un mondo spesso popolato di personaggi infidi e malvagi.

È una storia famosa che ha affascinato moltissimi bambini.
Illustrazioni dell'autore.

Consigliato dai 5 anni