Madri del mondo

Come ogni anno, la seconda domenica di maggio arriva la festa della mamma, ricorrenza civile diffusa in tutto il mondo, che ha origini molto antiche legate al culto della divinità della fertilità, che veniva celebrata nel periodo dell'anno in cui la natura si risvegliava dopo il lungo e freddo inverno. 

E come per gli anni passati in questa occasione Save the Children, la più grande organizzazione internazionale indipendente per la difesa e la promozione dei diritti dei bambini, presenta il "Rapporto sullo Stato delle Madri nel Mondo", che evidenzia la stretta correlazione tra il benessere materno e quello infantile.

Il nono rapporto mette a confronto lo stato di salute delle madri e dei bambini in 146 paesi, compresa l'Italia, in base a diversi parametri quali l'aspettativa di vita, la nascita, l'indice di mortalità infantile sotto i 5 anni, la scolarizzazione, l'uso della contraccezione, la partecipazione delle donne alla vita politica, e infine la loro possibillità di avere un reddito. 
Dal rapporto emerge che più di 200 milioni di bambini nel mondo sotto i 5 anni, non hanno alcuna assistenza sanitaria di base. 

Ogni anno 2 milioni di bambini muoiono il giorno della loro nascita, spesso a causa di complicazioni post partum, altri 2 milioni entro il loro primo mese di vita, 6 milioni ancora prima che raggiungano il quinto compleanno, che equivale a circa 26mila morti al giorno, unico dato positivo è che sono 2mila in meno rispetto al 2007, ma quando si parla di bambini anche una sola vita persa procura dolore.
In alcuni paesi Africani le madri non danno il nome al proprio neonato durante le prime sei settimane di vita perché temono che non possa sopravvivere.
La maggior parte di queste morti sono causate da complicazioni al momento della nascita, dalla diarrea, dalla polmonite, dal morbillo e dalla malnutrizione, ed avvengono in paesi in via di sviluppo dove donne e bambini non hanno purtroppo accesso ai servizi sanitari di base.
Il buono stato di salute delle madri rappresenta per i bambini l'unica speranza di sopravvivenza, infatti quando una madre muore o versa in cattive condizioni di salute, le vite dei suoi bambini sono seriamente minacciate. Investire sul benessere materno, garantendo le cure mediche di base, rendendo così i parti più sicuri e promuovendo l'educazione delle donne, per diminuire i contagi da terribili malattie come l'aids e la malaria, sono le strategie messe in atto da Save the Children. 

Nel mondo ogni anno 60 milioni di donne partoriscono a casa, senza alcuna assistenza medica e, più di 500mila donne muoiono durante la gravidanza o il parto. Quando una madre muore per parto, questo implica la probabile morte del neonato, inoltre aumenta drasticamente il rischio di morte dei figli più grandi.
Secondo il rapporto sono le madri Svedesi ad essere più in salute e con aspettative di vita migliori per se e per i propri figli, le mamme Nigeriane invece continuano a morire di parto ed un bambino nigeriano su quattro non raggiunge il quinto compleanno, questo significa che quasi tutte le madri rischiano di veder morire un figlio.
L'Italia è al primo posto al mondo nella classifica del benessere dei bambini, seguita da Germania, Francia e Svizzera, ma è al diciannovesimo posto per quanto riguarda gli indici per il benessere materno che sono uguali a quelli di Botswana, Benin e Nepal. 

Questo perché, solo il 39% delle donne italiane come quelle botswane usa i contraccettivi, la partecipazione delle donne italiane alla vita politica è pari al 17%, e corrisponde a quella di Bolivia, Gabon e Nepal. Inoltre, le italiane percepiscono uno stipendio pari al 47% rispetto ai loro colleghi uomini, mentre le donne dei paesi che hanno guadagnato la testa della classifica, hanno un salario di poco inferiore a quello maschile. 
Per quanto riguarda i benefici della maternità una neomamma svedese può restare a casa ad occuparsi del proprio bambino percependo l'intero stipendio, a differenza dell'italiana che ne percepisce solo 80%.

Aspetto molto significativo emerso dal rapporto di quest'anno è che, la strada migliore per ridurre il rischio di morte delle madri e dei bambini è quello di garantire la scolarizzazione a tutte le bambine; più tempo trascorrono a scuola e più tardi si sposano ritardando così le gravidanze.
È più probabile che ragazze istruite possano diventare madri fisicamente sane, indipendenti dal punto di vista economico e maggiormente informate su come prendersi cura del proprio bambino.
I dati che arrivano dai paesi in via di sviluppo come l'Africa, l'Asia e l'America latina, dimostrano che se il livello d'istruzione materno aumenta, diminuisce il numero dei bambini morti sotto i 5 anni di età. 
In molti paesi, il livello d'istruzione delle madri ha maggior influenza sulle prospettive di sopravvivenza del proprio bambino, rispetto al livello di ricchezza o povertà.
Le madri istruite sono più propense ad effettuare visite prenatali, inoltre fanno vaccinare i propri figli, li sottopongono a cure mediche quando sono ammalati, gli insegnano una corretta igiene ed il rispetto ad sana alimentazione.
Da uno studio che confronta i dati di 65 paesi è emerso che, raddoppiando il numero delle ragazze che frequentano la scuola secondaria (dal 19 al 38%) si otterrebbe una riduzione della mortalità infantile del 53%. 

Purtroppo anche per quest'anno dal rapporto emerge che il mondo è ancora molto lontano dal raggiungimento del quarto obiettivo del millennio: ridurre di due terzi la mortalità infantile, entro il 2015. Inoltre il divario in termini di aspettativa di vita, fra i paesi più ricchi e quelli più poveri sembra ancora incolmabile.

Save the Children onlus Italia 

Scarica il rapporto completo 

Pin It
Accedi per commentare

La donna Italiana: 1861-2000, il lungo cammino verso i diritti

Il percorso delle donne italiane verso il riconoscimento dei diritti è stato più lungo e faticoso rispetto a quello di molti altri paesi, tuttavia in Italia ci sono stati personaggi all'avanguardia che hanno anticipato i tempi con le loro idee e i loro sogni:dall'intellettuale lombarda Anna Maria Mozzoni, al parlamentare pugliese Salvatore Morelli alla socialista Anna Kuliscioff.

Leggi tutto...

Io sono Malala. La mia battaglia per la libertà e l'istruzione delle donne

Malala Yousafzai è una ragazza nata in Pakistan nella valle dello Swat. Nel libro descrive con orgoglio la bellezza della sua terra: la natura meravigliosa, la bellezza delle montagne e delle sue acque; racconta con sguardo attento anche la storia del suo paese e del suo popolo: i Pashtun, suddivisi in varie tribù sparse nel Pakistan e nell’Afghanistan dove l’ospitalità e l’onore sono i valori fondamentali. Malala ci racconta della sua famiglia, di suo padre e di sua madre che si sono sposati per amore e non attraverso un accordo stipulato dalle rispettive famiglie.

Il padre, in particolare, figlio di un Imam insegnante di teologia, è un padre diverso dagli altri che usano violenza contro le loro mogli. Suo padre condivide ogni scelta di vita con la propria moglie. Anche il nome Malala fu scelto da lui perché era il nome di un’eroina afghana che nel 1880 incitò le truppe del suo paese che stavano per essere sconfitte dall’esercito inglese: innalzò una bandiera afghana, venne uccisa, ma il suo coraggio servì a vincere una sanguinosa battaglia.

Leggi tutto...

Flicts

Flicts è un colore triste e solitario perché nessuna cosa intorno ha quel colore e nessuno vuole giocare con lui. Flicts non è rosso, non è giallo, non è verde, non è blu. Il sole è giallo, il cielo è azzurro, i fiori sono rossi, arancioni, rosa. Ma niente è flicts. Nessun colore lo invita a fare il girotondo, tutti hanno da fare quando lui li cerca. Finché non scopre che .... la luna è flicts. Pochi hanno visto il vero colore del suolo lunare, ma Armstrong, il primo astronauta che ha messo piede sul nostro satellite, garantisce che la luna ha quel colore, con tanto di autografo. 

Un librino bello, colorato. Flicts in realtà è una specie di ocra, colore forse "normale" per noi, ma ogni bimbo in realtà si sente un po' flicts, a volte. Vorrebbe essere uguale agli altri e invece è diverso. Le chiavi di lettura sono tante e secondo me ha una poeticità semplice ma commovente.

Alves Pinto Ziraldo è tra i più conosciuti autori per l'infanzia in lingua portoghese.

Consigliato per l'età prescolare. 

autore: Alves Pinto Ziraldo

editore: Editori Riuniti