Il senso di colpa e lo spirito di sacrificio

I sensi di colpa sono profondamente legati al senso del dovere e si fanno sentire soprattutto nell'ambito della nostra relazione con i figli. 
Se lavoriamo li abbiamo perché non stiamo abbastanza tempo con loro, se stiamo troppo con loro ci sentiamo in colpa perché siamo esasperate. In fondo è la società che ce lo chiede, con l'idea che la madre si debba sacrificare per i figli, e che senza sacrificio non esista maternità consapevole. 

Marcello Bernardi, per primo, in "Educare alla Libertà" fa riferimento a quanto l'idea di Madre e di Sacrificio (scritto a lettere maiuscole!) siano deleterie all'educazione, anche perché a volte il genitore si aspetta di essere ripagato "con tutti i sacrifici che ho fatto per te..." una frase che anche se non detta aleggia nel rapporto con i genitori, anche in seguito quando i figli saranno adulti. 
La nostra società invece, tende ad allevare da subito le bambine come future mamme, destinandogli giochi connessi prevalentemente con funzioni di allevamento e cura della prole.

Il "primo senso di colpa" trova le sue basi proprio in questo tradimento. Cioè, nel non attendere al meglio a questo mandato sociale. E le critiche più severe provengono sì dal mondo esterno, ma soprattutto dalle donne stesse. Per non sentire la frustrazione celata sotto il sacrificio e il senso di colpa, molte donne si trascurano, non ascoltano i loro bisogni o le loro emozioni, concentrandosi totalmente sui figli, e in questo modo sviluppano sentimenti di collera, che si ripercuotono inevitabilmente nel rapporto con i figli. 
E i sensi di colpa caratterizzeranno tutta la relazione con i bambini: mi sento in colpa perché non gioco con loro, perché gli ho dato uno sculaccione, perché sto poco tempo con loro... Ma sono emozioni utili? Che se ne fa un bambino di un genitore che gioca con lui senza passione e solo per dovere? Che senso ha sentirsi frustrati per uno sculaccione, se non si esaminano le cause che hanno portato a ciò? E stare con i propri figli, perché dobbiamo ancora una volta farci dire cosa fare senza poterlo decidere liberamente e scegliere? 

Non è un invito all'egoismo, ma a guardarsi dentro e capire che la relazione con i propri figli deve nascere dalla gioia dello stare insieme. Se così non è, sentirsi in colpa non serve; occorre prenderne atto e cercare delle risposte altrove, cercare delle modalità diverse di instaurare una relazione serena e sana, più in sintonia con le nostre esigenze e il nostro essere. 
C'è chi lo combatte con il cercare di ritagliare momenti per sé, nell'essere clementi con se stessi, nel giustificarsi e distrarsi, c'è chi lo combatte cercando di fare tutto in maniera perfetta. Ma entrambi i modi non offrono sempre una soluzione, dato che il senso di colpa può essere in agguato anche quando siamo pronte ad assolverci, fosse un momento importante per il lavoro, oppure quando arriva l'inevitabile fallimento nell'organizzazione perfetta della madre. 

Occorre ancora una volta ascoltarsi, imparare a capire i propri bisogni; essere madre comporta una crescita, un'educazione al pari del bambino. Anche le madri devono apprendere, devono imparare soprattutto ad ascoltare se stesse, e la relazione con il figlio comporta una straordinaria possibilità.



Bibliografia
Sylviane Giampino - Le mamme che lavorano sono colpevoli?
Marcello Bernardi - Educare alla libertà
Isabelle Filliozat - Le emozioni dei bambini

Pin It
Accedi per commentare

Che forza papà!

Un gruppo di vivaci bambini conversando tra loro riflettono su quanti tipi di papà ci sono al mondo.

Dai loro racconti viene fuori che le tipologie sono le più variegate; ci sono papà che lavorano vicino e quelli che lavorano lontano, quelli che aggiustano automobili e quelli che "aggiustano" animali. Quelli che fanno la spesa, quelli forti, quelli coraggiosi, quelli che sanno fare tutte le faccende domestiche. Poi c'è chi ha due papà, quello biologico e quello di "cuore", ci sono papà che si frequentano tutto l'anno, altri solo nei fine settimana o nel periodo delle vacanze; alcuni singoli altri doppi...

Sarà Mario, che ha un papà single, ad aiutarli a capire che, quale che sia la tipologia del proprio papà, è importante ed unico il forte legame che unisce un padre al proprio bambino.

Una tenera storia da leggere insieme ai bambini, priva di stereotipi, piena d'ammirazione per i diversi tipi di papà, e che fa certamente sorridere e riflettere.

autore: Autore Isabella Paglia - Illustratore Francesca Cavallaro

editore: Fatatrac

Mi hanno ucciso le fiabe. Come spiegare la guerra e il terrorismo ai nostri figli.

Durante l'osservazione del comportamento di alcuni bambini del suo Centro giochi di Masal, l'autrice - nota psicoterapeuta, rimane impressionata dalla seguente conversazione: "Secondo me dovrebbero dare il permesso agli americani di usare la bomba atomica così ne sganciano una su Bagdad ed è finita la guerra". Un'altro bambino risponde "Io penso che sia sbagliato perchè se butti una bomba atomica su Bagdad uccidi tutta la gente e poi anche...come si chiama..Aladino. Così uccidono tutte le nostre fiabe e non ci sono più fiabe". Dialogo surreale che mette in evidenza un problema molto serio: guerre, massacri di innocenti, armi chimiche, attacchi kamikaze ed eventi naturali incontrollabili: le notizie dei disastri colpiscono grandi e piccini e nessun mass media riserva spazi a loro adeguati per aiutarli ad impadronirsi della realtà.

In questo libro Masal Pas Bagdadi ha intervistato bambini e fermato i loro pensieri e le loro emozioni ma soprattutto ci insegna a stare loro vicini, a rassicurarli e a decodificare le loro paure sui grandi temi della guerra e della distruzione. Ci dice come dirglielo e cosa dirgli, cosa fargli sapere e cosa non fargli vedere, ci mette in guardia contro le difficoltà che si possono incontrare e ci suggerisce come affrontarle.

Un libro per entrare in sintonia con i propri figli, per comprendere i loro ragionamenti e percepire le realtà che possono provvedere al loro fondamentale bisogno di sicurezza.

autore: Masal Pas Bagdadi

editore: Franco Angeli

 

Una bambina

Una bella bambina con grandi problemi emotivi e con una grave situazione familiare e di disagio viene accolta in una classe speciale da un'insegnante specializzata a seguire bambini con difficoltà, con fragilità emotiva.

Torey Hayden racconta questa esperienza con grande partecipazione ed emozione; il coinvolgimento per chi legge è davvero grande: si prova rabbia, speranza, apprensione e commozione per i progressi di questa bambina. Il libro si legge tutto d'un fiato e l'empatia che l'autrice mostra per questa bambina è totale. La Hayden è specializzata in psicopatologia infantile e i bambini che descrive nei suoi libri, i "suoi" bambini, sono provati da terribili esperienze di abbandono, violenze sia fisiche che morali. Eppure rimangono pur sempre dei bambini e le loro emozioni ci coinvolgono e ci accorgiamo che sono anche le nostre.

Autore: Torey L.Hayden

Editore: Corbaccio