Susi e il car sharing

Quando penso alla mia amica Susi, immediatamente mi si presenta alla mente la sua inseparabile Renault 4 rossa. Sebbene abiti in una zona semi-centrale infatti, Susi ha sempre usato molto la sua auto per i moltissimi spostamenti che hanno accompagnato la sua vita lavorativa, sociale e di volontariato. Eppure, quando ci rivediamo, un po' di tempo dopo il nostro ultimo incontro, scopro con grande stupore che ha rinunciato all'auto privata ed è diventata un'utente del servizio di car sharing. 

Come hai preso la decisione di rinunciare all'auto privata?
Dovevo rottamare la mia amata R4 che per i divieti di circolazione delle auto più inquinanti non poteva circolare per molte ore in molti mesi all'anno. Ho sentito che c'era questa sovvenzione di 800 Euro per abbonarsi al servizio di car sharing per chi avesse rottamato la sua auto senza sostituirla (possibile richiedere il bonus fino al 31 Dicembre 2008, ndr), ho scoperto che c'era un garage del car sharing vicino a casa e ho deciso di provare.

Pentita? Ti manca l'auto privata?
Assolutamente no! Mi trovo benissimo, non devo più pensare a nulla, né alle revisioni, né alla manutenzione, né al lavaggio strade o a dove parcheggiare la macchina soprattutto se vado via 2 o 3 mesi (Susi è sempre stata una grande viaggiatrice, ora finalmente in pensione, viaggia più di prima e spesso per lunghi periodi di volontariato all'estero). Nei costi sostenuti quando si possiede un'auto vanno conteggiati anche quelli per il parcheggio, che abitando in una zona semi-centrale di Milano sta diventando sempre più difficile e costoso. La tariffa oraria del car-sharing invece comprende davvero tutto: la benzina, l'assicurazione, la possibilità di parcheggiare sulle strisce blu e di entrare nella zona eco pass di Milano. Ho molti amici che dopo la mia esperienza positiva, hanno già deciso che aderiranno al servizio anche loro invece di sostituire la loro seconda auto quando sarà il momento.

Nessuno svantaggio quindi?
Beh, certamente bisogna imparare ad organizzarsi. Non è che si possa prendere la macchina ogni giorno, altrimenti la convenienza, soprattutto quella economica, svanisce. Ma presto si impara a programmare e a riunire tutta una serie di commissioni in una sola giornata e si riesce ad utilizzare l'auto una o due volte alla settimana. Per gli spostamenti in zone comode o per i quali non serve l'auto, uso sempre più spesso i mezzi pubblici e per spostamenti che prevedono lunghe soste preferisco il taxi: insomma una vera mobilità multimodale!

Come funziona concretamente il servizio?
Si telefona ad un numero verde dove gli operatori rispondono 24 ore su 24 oppure ci si può collegare direttamente al sito se si vuole scegliere personalmente l'auto. Si può chiamare anche con solo un 'ora di anticipo per prenotare. Quando si arriva al parcheggio, si apre la vettura con il telecomando che viene consegnato al momento dell'iscrizione e si attiva il servizio.
Le chiavi sono nel cassettino della consolle, si utilizza l'auto regolarmente chiudendola e aprendola con il telecomando se si fanno delle soste.
Alla fine dell'utilizzo si preme il pulsante di restituzione sul terminale posto sulla plancia e si chiude la vettura con il telecomando: il terminale trasmette i dati del viaggio alla centrale operativa e i costi di viaggio sono addebitati a fine mese.
Si può anche riconsegnare l'auto in un garage diverso da quello di prelievo pagando una maggiorazione. 
In caso di guasto o incidente si chiama immediatamente la centrale operativa utilizzando il pulsante posto sul terminale e un operatore risponderà immediatamente per provvedere ad ogni necessità (invio di carro attrezzi, medico, ambulanza, vigili urbani).

Ti è mai capitato che l'auto non fosse disponibile?
No, anche qui basta organizzarsi bene e non chiamare all'ultimo momento per la prenotazione. Io ho sempre chiamato il giorno prima e non ho mai avuto difficoltà a prenotare.

Per leggere il nostro articolo di introduzione al servizio di Car Sharing clicca qui  

 

Pin It
Accedi per commentare

La forza d'animo

Argomento del libro è la "resilienza", intesa come capacità di fronteggiare e ricostruire; tale capacità è in gran parte scritta nel nostro patrimonio genetico, ma può anche svilupparsi nel corso dell'esistenza, rafforzarsi o indebolirsi a seconda delle esperienze che si vivono, soprattutto negli anni infantili, nel proprio ambiente, a contatto con le proprie figure di attaccamento o in loro assenza. La formazione di un legame di attaccamento saldo nella prima infanzia è alla base della fiducia in se stessi e dell'autostima. 

Leggi tutto...

DIVERGENT

Ho sempre adorato i libri per gli adolescenti, ma ultimamente ho sviluppato un nuovo amore per una serie in particolare. Divergent, é il primo dell’omonima trilogia di libri di Veronica Roth. Popolarissima tra i giovani, é l’ennesima serie di libridistopici. O almeno credo si dica così...non conoscevo questo termine finché mia figlia Penelope ha iniziato a leggere questo nuovo genere di romanzi. Utilizzando un linguaggio ed una classificazione ‘tradizionale’ potremmo definirli romanzi di fantascienza, con delle sfumature di significato un pò particolari. Ambientati nel futuro, offrono la rappresentazione di una società fittizia nella quale alcune tendenze sociali, politiche e tecnologiche avvertite nel presente sono portate a estremi negativi. Il padre di questo genere potrebbe essere considerato1984(G. Orwell) oFahrenheit 451(R. Brandbury). The Hunger Gamesne é un’altro esempio contemporaneo popolarissimo, già diventato un cult.

Leggi tutto...

Bianco come Dio

Nicolò è un ragazzo italiano che a vent’anni non ha ancora finito il liceo. Insoddisfatto dalla vita, in perenne conflitto con il padre, è alla ricerca della sua strada

 

Leggi tutto...