Domande e paure

C. ha poco più di tredici anni e non si riconosce più. Si guarda cambiare, si trasforma di ora in ora e si perde in un baratro di strani pensieri e paure nascoste. 


Il cambiamento è nato con l'osservazione, si è accorta di sé senza un vero motivo, specchiandosi casualmente sulle superfici lucide che incontra: le vetrine dei negozi, il finestrino dell'autobus, il riflesso negli occhi degli altri. 
Gli altri però non si accorgono della sua lenta ma inarrestabile trasformazione, non subito almeno. Soprattutto quelli con cui vive che respirano la sua aria, che mangiano con lei, che condividono spazi e pensieri, sembrano anni luce dal capire cosa le succede. Nervosismo e gioia si alternano senza senso e questa perdita di controllo la spaventa e la affascina insieme. 
Con chi condividere? 

Non con gli adulti. I genitori sono afferrati nel vortice insieme a lei, non hanno la lucidità a volte di distinguere un comportamento aggressivo assoluto da un comportamento aggressivo direzionato contro di loro. Si sentono mancare le redini, la vedono sfuggire e si fanno mille domande accartocciandosi su loro stessi incapaci, a quel punto, di andare oltre le solite metodologie comunicative, oltre quello che andava bene fino a ieri ma che ora senza preavviso non è più adatto. E c'è di più. Quello che vedono negli occhi della figlia risveglia echi di antichi fantasmi che non sempre hanno potuto superare con la giusta elaborazione. Antiche paure che si scontrano con nuove paure in un labirinto del non detto che rischia di minare definitivamente il rapporto con lei. Che colpa ne ha lei? Nessuna, solo quella di ricordare tanto ciò che erano e che non hanno saputo/voluto affrontare al momento giusto. E chiudono il dialogo proprio nel momento in cui ce ne sarebbe più bisogno, un dialogo doloroso e difficile da fronteggiare ma tremendamente necessario che traghetterebbe lei e loro verso una sponda più abbordabile, faticosa ma abbordabile: quella del confronto. 

Non con gli adulti. Gli insegnanti sono quasi tutti schiavi delle griglie di profitto con cui filtrano la realtà, come se indossassero delle ipotetiche gabbie sulla testa. I loro alunni non sono persone, ma risultati, è infatti così che li identificano: X quella brava in storia, Y quello che non vuole studiare, Z l'unica che fa bene i compiti. Eppure qualcuno cerca di approfondire, di parlare, ma il tempo in questo caso è il nemico imbattibile. Poche ore tante classi troppe facce: inevitabile la superficialità dell'incontro. 

Restano le paure. Di crescere ma di non crescere. Di cambiare ma anche di rimanere così. Di non riuscire a farsi capire, di non riuscire a trovare una strada personale. Meglio stordirsi di musica, meglio far la strada con i coetanei che non hanno risposte, ma condividono le stesse domande. 
Un'altra generazione si fa avanti. 

Pin It
Accedi per commentare

Il segreto della resistenza psichica

Quante volte ci siamo detti che sarebbe bello avere una corazza dell’anima, una difesa contro le pressioni lavorative, le forti richieste che arrivano dalla famiglia, dai figli, da questa vita che sembra diventare sempre più stressante. Sarebbe bello avere fiducia in se stessi, così da farci scivolare via le critiche che spesso sentiamo su di noi, oppure avere le risorse per superare le crisi, avere le energie necessarie per affrontare non solo i piccoli problemi quotidiani, ma le inevitabili grosse difficoltà che la vita ci pone davanti. Ci sono persone che hanno tutte queste caratteristiche:  sono le persone resilienti.

Leggi tutto...

Rosi e Moussa

Rosi si è appena trasferita in città con la sua mamma, in un grande palazzo, molto alto, pieno di scale e di vicini che sembrano scontrosi. Non si farà mai degli amici, lo sa già!

E invece arriva Moussa: grande giacca, cappello sempre in testa, tanti fratelli, e un cane che in realtà è... un gatto. Il loro incontro nasce con una sfida: salire sul tetto proibito per guardare tutta la città dall'alto – in barba al bisbetico vicino signor Tak.

E dalle sfide, si sa, nascono le migliori amicizie e le avventure più belle.

Una delicata storia di amicizia e multiculturalità, scritta con naturalezza e senza ipocrisie.

Romanzo perfetto per le prime letture.

Autore: Michael de Cock e Judith Vanistandael

Editore: Il Castoro

E l'eco rispose

L’eco è la propria voce che si ripete all’infinito. Qui si tratta di vite di uomini e donne che si intrecciano come le radici di un albero e che nel libro sembrano riflettersi come in uno specchio. All’inizio una sorella sarà strappata al proprio fratello in un piccolo paese dell’Afghanistan  e da questo dolore nasceranno le storie di tanti personaggi che dal passato arrivano al presente: quella di Sabur il padre, amato da due sorelle gemelle, la più bella Masuma e la meno bella Parawami, quella dello zio Nabi , fedele domestico della ricca, ma infelice coppia di Nali e Wahdati, quella di Idris e di Roshi, quella del medico volontario Marcos , di sua madre e della ragazza sfigurata, quella di un ragazzo e della sua disillusione nei confronti di un padre  e quella delle due Pari una figlia e l’altra sorella di Abdullah che alla fine del libro, ormai vecchio e malato di demenza, riuscirà a re-incontrare .

 

Leggi tutto...