Adolescenti oggi, una nuova generazione.

I "ragazzi del muretto" oramai sono una razza in via di estinzione, perché gli adolescenti di oggi si incontrano comodamente seduti davanti ad un monitor, ognuno a casa propria.


Le amicizie nate sui banchi di scuola si rafforzano oggi con milioni di sms, fiumi di parole abbreviate ed emoticons. Ne nascono poi di nuove, virtuali ed improbabili, con sconosciuti interlocutori che non avranno quasi mai l'occasione di poter incontrare perché spesso le distanze sono incolmabili. Attraverso la rete si scambiano immagini, codici comportamentali e segreti. Il diario non è passato di moda ha solo cambiato nome, ed è ancora il fedele compagno degli adolescenti, solo che a differenza di quando noi avevamo la loro età, i pensieri non vengono più annotati sulla carta, bensì sui blog e i social network. Il bisogno di avere un mondo segreto è il primo segno di crescita, ed è così che il web diventa un luogo speciale, dove rifugiarsi sfuggendo al controllo degli adulti.

Questo implica l'assoluta mancanza di un confronto diretto con i coetanei, la "sana" abitudine di parlare guardandosi negli occhi, senza avere la possibilità di fingersi diversi, senza poter spegnere lo schermo nel caso la conversazione non ci piaccia. Tutto questo lascia spazio ad un profondo senso di solitudine, mitigato soltanto dalla possibilità di interfacciarsi con migliaia di anonime presenze.
Se da una parte è vero che con internet si rischia che i nostri giovani sprofondino in una socializzazione solitaria, il nostro ritmo di vita quotidiano sembra non offrire molto di meglio.

Non è mai stato facile essere adolescente, adesso lo è ancor meno, gli adolescenti di oggi hanno mille paure, spesso alimentate da una scarsa attenzione da parte dei genitori. Da una recente indagine promossa dalla Società Italiana di Pediatria "Abitudini e Stili di vita degli adolescenti", Maurizio Tucci curatore della stessa, afferma : "non sembra che i genitori facciano molti sforzi per cercare di incentivare il dialogo con i figli. È significativo osservare che il momento di maggior consumo televisivo da parte degli adolescenti non è il pomeriggio, quando presumibilmente sono soli a casa (63%), ma durante i pasti (85%) quando è verosimile che ci siano anche i genitori e che siano proprio i genitori a volere la TV accesa".

Prendiamone atto, non demonizziamo la rete, che se usata correttamente supplisce a quello che noi genitori non riusciamo a fare. L'adolescenza è una fase della vita complicata, tutto è poco chiaro e confuso, in particolare il corpo subisce tante trasformazioni, la sessualità fa capolino e milioni di ragazzi si rivolgono ad internet per avere delle risposte che noi genitori per pudore non riusciamo a dare. D'altronde non c'è dubbio, grazie all'anonimato su internet si può parlare dei propri problemi, scambiandosi impressioni e dubbi senza inibizioni o pudori, molto spesso è lo stesso canale di comunicazione che utilizziamo anche noi adulti.

In chat i ragazzi parlano di tutto, ma uno degli argomenti che va per la maggiore è il sesso e la maggior parte di loro è convinto di avere tutte le informazioni di cui ha bisogno, ma dalle domande che fanno nei forum, ci rendiamo conto di quanto siano spaesati e disinformati.

La Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia, in un opuscolo destinato agli adolescenti ("Sesso senza sorprese. Tutto quello che NON devi sapere per non rimanere incinta" - scarica il file allegato), ha raccolto per sfatarli, una serie di luoghi comuni che circolano tra i gli adolescenti a proposito del rischio di rimanere incinta; molte pensano che sia impossibile rimanere incinta la prima volta che si fa l'amore o se non si raggiunge l'orgasmo, che le lavande fatte con la Coca Cola, ed i rapporti lampo di meno di un minuto oppure in piedi o in acqua, siano ottimi metodi contraccettivi.
Noi genitori che cosa possiamo fare ? 
Impariamo a valorizzare i loro pensieri, rispettiamo i loro spazi, rispondiamo alle loro domande, facciamoli partecipi delle decisioni che li riguardano, aiutandoli a trovare una loro identità, portandoli a capire che non c'è bisogno di omologarsi sempre ed ad ogni costo. Non spaventiamoci degli eventuali conflitti che possono nascere quando cerchiamo di proporre ai nostri figli un modello di riferimento, non rinunciamo al nostro ruolo accettando le loro condizioni, solo per il quieto vivere e per paura di non essere amati. 
Spesso i giovani non sanno come impiegare il proprio tempo libero e per evitare che si isolino trascorrendo troppo tempo davanti ad un monitor, apriamo le porte di casa ai loro amici, aiutandoli a scoprire quello spirito di aggregazione che a noi genitori non mancava alla loro età.
Inoltre in questo loro mondo in cui non parlano più ma chattano, per seguire meglio la loro crescita è necessario tenersi al passo con lo sviluppo tecnologico per riuscire ad instaurare un dialogo con questa nuova generazione, che fondamentalmente ha solo bisogno di essere ascoltata.

Società italiana di pediatria: http://www.sip.it/
Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia: http://www.sigo.it/
Scegli tu: http://www.sceglitu.it/

Pin It
Accedi per commentare

L’arte di essere normale

L’arte di essere normale, romanzo pluripremiato d’esordio dell’autrice inglese Lisa Williamson, tradotto in 9 lingue, ha dato avvio a un importante dibattito su tematiche LGBT, trattando la storia di un adolescente transgender. 

Lisa Williamson ha lavorato a lungo in un centro di supporto a ragazzi adolescenti nell’ambito dell’identità di genere e ha riportato la sua esperienza personale in questo racconto.

Narrato con estrema semplicità dello stile, ironia e leggerezza, è senza ombra di dubbio una storia forte, su un adolescente transgender in conflitto con la sua identità.

Leggi tutto...

I bambini nascono per essere felici. I diritti li aiutano a crescere

Il termine "diritto", sempre più presente nel nostro vocabolario comune, è alla base del nostro vivere, per questo è fondamentale che anche i più piccoli ne conoscano il significato, che siano consapevoli che in quanto bambini, hanno dei diritti propri, perché anche "da grandi" ne siano veri promotori.

Le parole di Vanna Cercenà e le immagini di Gloria Francella danno qui una reinterpretazione della "Convenzione sui Diritti dell'Infanzia approvata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989, ratificata dall'Italia con legge del 27 maggio 1991 n. 176 depositata presso le Nazioni Unite il 5 settembre 1991".

Data la complessità del testo originale, gli articoli sono stati raggruppati in temi principali: da quelli a carattere più generale a quelli più specifici su identità, famiglia, partecipazione, educazione, protezione, salute, informazione, controllo dell'attuazione. Ognuno di questi argomenti viene sviluppato puntualmente con il riferimento agli articoli - spiegati con termini semplici e comprensibili – e una divertente e arguta filastrocca, di cui le immagini, coloratissime e ricche di particolari, sono il perfetto complemento visivo.

Come gli altri libri-gioco della collana Carte in Tavola, seguendo la numerazione delle schede, si affiancano le immagini fino a formare un'unica grande tavola illustrata: un grande albero su cui "sbocciano" le rappresentazioni dei 20 diritti riportati sul retro.

TEMI TRATTATI: diritto, famiglia, identità, multiculturalità, informazione, gioco, disabilità, salute, uguaglianza, pace, scuola, libertà, genitorialità, Stato.


Un computer dal cuore saggio. Considerazioni educative sull’uso consapevole del computer e della rete

Scrivere una fiaba su sicurezza in internet e minori è stato un  percorso  condiviso con Mauro Ozenda esperto in materia e collaboratore  della associazione Mani colorate.

Si sono toccate tematiche delicate come la  potenzialità della rete, il rispetto e  il significato della “Netiquette”  ma anche rischi e pericoli quali la pedopornografia, cyberbullismo,  sexting, sicurezza, tutela della privacy, etc.

Leggi tutto...