Intervista a Lodovica Cima autrice di Pane e cioccolato

Nina e Susi sono amiche del cuore, stanno molto bene insieme e hanno molte cose in comune, tranne…il colore della pelle. A scuola tutte le chiamano "pane e cioccolato". Nina sogna una principessa color cioccolato, proprio come lei, ma ha paura di essersi sbagliata perché i suoi compagni dicono che è impossibile: non esiste qui una principessa così. E anche a casa, nel libro di fiabe della mamma, una principessa nera non si trova. Così mamma e papà, insieme alla sua amica Susi organizzano una caccia alla principessa color cioccolato, fanno una spedizione in biblioteca e fra le pagine di un libro scoprono Akira, una principessa africana, bella e anche coraggiosa.

Questa è la storia di una bambina nera, arrivata in Italia attraverso un'adozione internazionale, che esprime il proprio senso di estraneità in mezzo a gente dalla pelle "bianca come la panna", descritta nel libro Pane e Cioccolato.

L'autrice Lodovica Cima, nota scrittrice di libri per l'infanzia, ha deciso di devolvere le royalties del libro all'Associazione GenitoriChe e le chiediamo come mai.


Mi è stato chiesto di pensare all'adozione e alla vita in Italia di bambini di altre etnie e conoscendo bene il mercato librario, perché me ne occupo da vent'anni, so che non esisteva una storia centrata sulla vita dopo l'arrivo nel nostro paese e l'adattamento in famiglia del bambino adottato. È un tema che mi è molto caro perché ho due cugini adottati e offrire la mia professionalità all'associazione mi è sembrato il modo più "naturale" di rendermi utile.

Si parla spesso di razzismo, lei crede che i bambini siano razzisti ?
Io credo che i bambini abbiano degli istinti che non sanno ben definire e di cui spesso non sono molto consapevoli, istinti di difesa o di conservazione dello status quo, che sono più un'esigenza inconscia di lasciare le cose in ordine e avere dei "recinti ben definiti" che li aiutino a orientarsi. Quindi no, non credo che i bambini siano razzisti, ma vanno accompagnati nel cambiamento, nelle relazioni e nelle novità che incontrano.

Ritiene che un sito come questo possa essere un veicolo utile per messaggi come la multiculturalità?
Il web e questo sito in particolare sono certamente il punto di incontro e informazione per tutti i genitori sensibili a certe tematiche e curiosi di approfondire temi e aspetti dell'essere genitori, meno ovvi e meno gridati. Il sito non basta, deve essere il punto di partenza per approfondire, concretizzare progetti, studiare problemi o lanciare iniziative...


Lodovica Cima vive e lavora a Milano, dove si è laureata in Letteratura italiana comparata alla Letteratura inglese, dopo essersi diplomata come maestra elementare. È sposata, ha due figli. Da più di quindici anni lavora nell'editoria per ragazzi. Ha creato e diretto per nove anni la collana di narrativa per ragazzi "La giostra di carta" per Bruno Mondadori Editore. Insegna al Master per L'Editoria istituito dall'Università degli studi di Milano e dalla Fondazione Alberto e Arnoldo Mondadori. Partecipa a giurie di premi letterari riservati ai ragazzi e scrive, oltre a romanzi e fiabe che si trovano in libreria, anche testi scolastici e parascolastici.

Vai alla recensione del libro; Pane e cioccolato

Pin It
Accedi per commentare

Genitori Manipolatori. Riconoscere e fuggire l'amore malato

Sappiamo tutti che colpevolizzare i figli, insultarli o denigrarli in pubblico sono azioni abominevoli, che intaccano l'autostima dei ragazzi, rendendoli insicuri delle proprie sensazioni. Ma a nessuno viene in mente che ciò significhi non amare i figli, né tanto meno essi hanno la percezione di subire un sopruso. 

In effetti non è facile capire dove sta il limite tra un normale sbotto genitoriale, un momento di debolezza o insicurezza educativa e un comportamento persistente di maltrattamento emotivo. La differenza sta nella frequenza e nei modi impiegati per esercitare il proprio potere, instillando sensi di colpa con comportamento spesso insensati e ingiustificati. I genitori di questo tipo sono "manipolatori" patologici, sono quelli che in psichiatria vengono definiti con personalità narcisistica.

Leggi tutto...

Il libro di tutte le cose

Ho appena finito di leggere questo magnifico libro.

È ambientato in Olanda, il protagonista si chiama Thomas. Lui vive in un mondo tutto suo, si rifugia nella sua testa, perché non accetta la realtà. Lui però la realtà, in una parte della sua testa la conosce. Thomas sa che il padre fa cose sbagliate e che gli preferisce la sorella, che secondo lui ha un cervello di gallina, ma nel corso del romanzo avrà modo di fargli cambiare idea.

Leggi tutto...

Requiem per il giovane Borgia

 

Si tratta di un romanzo storico e nello stesso tempo di un avvincente giallo scritto da due giovani autrici milanesi esordienti che hanno svolto approfondite ricerche storiche sulla opulenta e maestosa Roma rinascimentale e le ricche corti italiane, soggiogate dalla morale del tempo, individualista e brutale, tesa al conseguimento dei fini senza curarsi dei mezzi con i quali ottenerli.

La vicenda parte dal brutale omicidio di Juan Borgia, duca di Gandia, figlio prediletto di papa Alessandro VI, al secolo Rodrigo Borgia.

Chi è il mandante dell'assassinio? L'indagine non è facile. È possibile il movente politico (il dominio dei Borgia è inviso alle potenti famiglie romane, agli Orsini, agli Sforza di Milano, a Guido da Montefeltro, ai baroni romani e a molti prelati che disapprovano la scandalosa condotta del papa), ma può essere un movente passionale o può essere maturato nell'ambito familiare....

La scrittura è scorrevole e varia e si presta facilmente ad una trasposizione filmica.

autore: Elena Martignoni, Michela Martignoni

editore: TEA