Pane e cioccolato di Lodovica Cima. Chiave di lettura a cura di Mariateresa Zattoni

Alcune situazione della vita quotidiana possono essere di difficile comprensione per i bambini, e quando gli argomenti sono particolarmente impegnativi anche noi genitori abbiamo difficoltà nel rispondere alle loro domande, e non sempre sappiamo trovare le parole adatte per riuscire a spiegare quanto stanno vivendo. 
Per affrontare un tema delicato come le diverse identità e le varie peculiarità somatiche, è molto utile la chiave di lettura per gli adulti a cura di Mariateresa Zattoni, alla fine del libro Pane e cioccolato, scritto da Lodovica Cima ed edito da San Paolo Edizioni.

Come può esprimere una bimba di colore il suo senso di estraneità in mezzo a gente dalla pelle «bianca come panna»?
E come possono esprimere i bimbi, un po' addestrati alla conformità e alla non-diversità, ciò che sentono nei riguardi dei coetanei dalla "pelle colorata"?
Questa incantevole storia risponde a queste domande, ma lo fa con semplicità e assoluta naturalezza. Le trappole avrebbero potuto essere molte, quando si osa affrontare il tema della piena integrazione del "diverso". 

Elenchiamole: 
fare dichiarazioni di principio («siamo tutti uguali»); puntare sulla morale («non devi trattare male un compagno solo perché ha la pelle diversa della tua»); calcare la mano sulle emozioni («povero bambino, guardato male da tutti»); tentare un estemporaneo capovolgimento di situazione («il più intelligente è quello dalla pelle nera!»); sanzionare i maldestri compagni che osano esprimere che
cosa provano («siete incivili e cattivi, se allontanate un compagno della pelle colorata!»).
Inutile dire che il nostro racconto non cade in nessuna di queste trappole, così frequentate da ben intenzionati adulti che vogliono eliminare le discriminazioni tra bambini (magari tenendosi ben strette le proprie!).

In che modo?
Susi e Nina sono presentate in nome della loro amicizia: e non per il colore della pelle. Anche lo scherzo di un compagno che le chiama "pane e cioccolato" pare, lì per lì, non porre il problema (sarebbe interessante far notare ai bambini che l'espressione in sé avrebbe potuto essere usata anche per due amiche con lo stesso colore della pelle senza nessuna valenza offensiva razziale!). 

Il problema si pone quando Nina trova del tutto naturale immaginare la bellissima principessa della favola con la pelle come la sua: color cioccolato, anche dopo il decreto della compagna Laura: «non ci possono essere principesse color cioccolato». È qui che il racconto ti pone di fronte alla virulenza di ogni discriminazione che cala come un macigno sulla serenità del bambino. Nina allora
unisce strategie magiche (se mangio mozzarella diventerò bianca) e realistiche (nel mio grande libro di fiabe le principesse sono tutte bianche!).
Ma Nina ha intorno a sé adulti molto attenti: la mamma enuncia il principio che «ci sono principesse di tutti i colori» e insieme a papà che «sembra un gigante» fanno una spedizione in biblioteca, nei cui libri "dorme" Akìra, una principessa africana non solo bella, ma anche coraggiosa.

E così, a prescindere dal colore della pelle, ogni bambino può riconoscere che esistono altri orizzonti. A volte le spedizioni in biblioteca possono essere stupefacenti attacchi ai
limiti delle nostre vedute ed ... efficacissime "prediche"!

Mariateresa Zattoni

Intervista all'autrice: Lodovica Cima

Pin It
Accedi per commentare

Padri e Figlie istruzioni per l'uso

"[…] il cuore non deve appartenere al papà. Il cuore di una ragazza deve essere libero. Libero di diritto.
Guai a quei padri "idoli "che rendono impossibile un altro amore. Guai a quei padri così assillanti da impedire di vivere una vita propria. Guai infine a quei padri assenti che costringeranno la figlia a una ricerca lunga tutta una vita."

Leggi tutto...

Il ciliegio di Isaac

La storia comincia con un nonno e un nipotino, ma andando avanti nelle pagine la vita di questo bambino, raccontata in prima persona quando ormai lui è diventato adulto, entra in una specie di sogno orribile: è il ricordo di fili spinati dentro un turbine di colori freddi. Fa molto freddo, ci sono neve e fango ovunque, si vede “un lungo inverno che sembra non finire mai”, nei visi tristi, nelle ombre a righe, nelle stelle gialle sopra gli abiti, nelle mani protese in cerca di aiuto, nella ciminiera fumante di un campo di concentramento.Leggi tutto...

Città blu città gialla

 

Città Blu e Città Gialla sono vicine e separate solo da un fiume. Una è famosa per i suoi ombrelli variopinti, l’altra per i calzolai che fabbricano scarpe eccezionali.

Gli abitanti hanno sempre vissuto in pace e un ponte permette agli abitanti di passare da una sponda all’altra e tutti andavano d’accordo, finché un giorno non decidono di ridipingere il vecchio ponte che collega le due città: già, ma di quale colore?

Leggi tutto...