Bibliografia. Leggere anche se la dislessia cerca d’impedirlo

Si calcola che la dislessia si presenti nel 4% dei bambini. La dislessia si manifesta attraverso lo scambio di lettere simmetricamente simili, per esempio la "d" con "b", o la" m" con la "n", o attraverso l'inversione di lettere "la" al posto di "al". Nonostante i bambini dislessici siano anche molto intelligenti, se non si interviene in tempo, la difficoltà nella lettura, rischia di rallentare il normale apprendimento.
Leggere è una delle prime cose da "grandi" che fanno i bambini, e nel caso poi di bambini dislessici, per cui leggere un libro è un compito ancor più gravoso, perché sembra che le lettere volino sempre via, la sfida è ancora più grande.

Età di lettura: da 6 anni

"Il lavoro minorile visto attraverso gli occhi dei bambini" Edizioni Angolo Manzoni , 2011
Illustrato con disegni dei bambini di tutto il mondo ed editato in EasyReading nella collana JUNIOR D, questo libro è un dono dei bambini.
Bambini e adolescenti vittime di sfruttamento; e loro coetanei che vogliono sollecitare un intervento urgente per salvare i bambini senza protezione, e lo fanno per mezzo dei loro disegni e delle loro poesie. 
Per la scuola, è uno strumento didattico informativo.
Sono incluse le versioni in linguaggio accessibile ai ragazzi della Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti dell'infanzia e delle Convenzioni ILO sul lavoro minorile (e sulle "forme peggiori" di lavoro minorile e sulla necessità di azione immediata per la loro eliminazione).

L. Sanzione "Mutande coraggiose. Storie per bambini che non si perdono d'animo" Ed Erickson 2009
«E basta! Non ne posso più della cacca e della pipì di Ambrogio, non voglio vivere rinchiusa nei pantaloni di un cacasotto o in un cassetto ad aspettare che il piscialletto mi indossi di nuovo.» Iniziano così le storie delle mutande coraggiose e di altri straordinari personaggi che trovano la forza di decidere e di agire per cambiare la propria vita, superare le difficoltà, cercare libertà e giustizia: c'è quella stanca del suo mestiere che vuole diventare una lampadina; Jolanda, la bianca mutanda, esasperata dai dispetti della sorella; gli intimi terreni frustrati perché non ricevono ascolto dai mutandei, le mutande celesti; Mutandonio, che desidera entrare in politica per difendere i deboli; le Ultramutande che si ribellano agli esseri umani e alle loro pessime abitudini. E naturalmente, ad aiutarli c'è la Fata delle Mutande… 
Fantasiose, delicate e comiche, le storie di questo libro insegnano ai bambini che possono trovare una via di uscita dalle situazioni spiacevoli — piccole o grandi che siano — che incontrano nella vita: basta farsi coraggio, saper chiedere aiuto e non perdersi d'animo. Senza mai dimenticarsi di ridere, ovviamente!

C. Zucca "Abracadabra Lucertolina" Ed. Mammeonline 2009
Questo non è un libro di magia, anche se a volte ce ne vorrebbe tanta per capire le difficoltà dei bambini a scuola e nella vita! Lucertolina ama aiutare i bimbi che attraversano dei momenti di difficoltà, proprio con un po' di magia, facendo comprendere loro che ciò che li rende speciali è essere diversi ognuno con le proprie abilità…

S. Colloredo, V. Petrone "L'eclissi, ovvero Una giornata da non prendere alla lettera" Ed. Carthusia 2007
Questo libro è un po' diverso perché alcune lettere sono di traverso. Allora si tratta di un libro da raddrizzare? No... è una storia da leggere e da giocare, fatta di lettere e numeri che non sanno dove andare. Parlano gli animali del bosco, ma è come se fossero i bambini, quelli a cui le parole fanno gli scherzetti, e tutti gli altri che si credono perfetti. È un libro come una sinfonia: appartiene a tutti, non è tua e non è mia. 

R. Moriondo "Edo non sa leggere: è dislessico... proprio come Einstein" Ed. Angolo Manzoni, 2008
Edo è un bambino felice. Qualche tempo dopo l'inizio della scuola elementare diventa perplesso, timoroso, oggetto di derisione da parte dei compagni e di richiami da parte dei suoi genitori ed insegnati. Che cosa è successo? Edo non lo sa! 
In questo libro si racconta la storia di un bambino dislessico che attraversa diversi stati emotivi e riesce in modo un po' magico e un po' razionale a trovare la propria strada. La storia è dedicata a tutti i bambini, ai lori genitori, agli insegnati, ai logopedisti, ai foniatri, utilizzando il punto di vista del soggetto più prezioso: il bambino.
Il libro fa parte della collana "Corpo 16" con la quale l'editore si propone di dare fiducia ai bambini e ai ragazzi con problemi di dislessia, attraverso le storie narrate e le caratteristiche grafiche "mirate", in modo tale da costituire una vera e propria tecnica riabilitativa. In questa edizione, infatti - accanto all'utilizzo del carattere neretto; di un carattere corpo 16 senza grazie; di ampi spazi bianchi tra le lettere, le parole, la punteggiatura e le righe; dell'opzione testo non giustificato, per evitare di spezzare le parole; oltre che di frequenti immagini - si sperimenta l'utilizzo dell'icona del volto del protagonista accostato al nome, scritto a scopo identificativo e rafforzativo.

G. Alvisi e M.Furini "Volano sempre via" Ed. Industrialzone 2004
Accidenti che rabbia! Alice è furiosa: nessuno la capisce, eppure quello che le capita non è colpa sua.
I compagni la prendono in giro, l'insegnante non le crede, i genitori pensano che lei sia una fannullona. E invece no, la colpa è tutta di quelle lettere dispettose che non vogliono stare al proprio posto.
Già, perché mentre Alice legge, le lettere cominciano a danzare, a volteggiare, a volare via come farfalle...
Quando, però, il papà la obbliga a prendere ripetizioni dalla severa maestra Matilde, Alice trova nell'anziana signora e nel gatto Merlino due inaspettati alleati contro i veri responsabili dei suoi problemi: i terribili folletti di Borgo Stregato.

L. Dal Cin "Senza numero" Ed Industrialzone 2006
Una casa non ancora terminata non possiede ancora un numero civico: per una casa è come non avere un nome. Per questo i grandi grattacieli grigi la prendono in giro e la chiamano Senza Numero.
Mentre Senza Numero sogna qualcuno che la voglia abitare, ogni giornata sembra ripetersi triste e vuota finché, una notte, la luna le fa un dono straordinario.

Inne Van den Bossche "Un bacio per Bicio" Almayer Edizioni 2006 
Fabrizio, detto Bicio, non scrive molto volentieri. Non riesce a ricordare l'ordine delle lettere, la loro disposizione e la loro forma. Sbaglia perfino a scrivere il suo nome. Bicio crede che gli altri bambini lo considerino stupido. Ma, per fortuna, la sua maestra capisce il problema. 

Associazione Italiana Dislessia "Il mago delle formiche giganti. La dislessia a scuola: tutti uguali, tutti diversi" Ed. Libri Liberi, 2006
Durante una gita scolastica, alcuni bambini vengono messi in trappola da un formicone che, credendosi un mago infallibile, è in realtà un grande pasticcione che confondendo le parole magiche, riesce solo a trasferire i "difetti" di ciascun bambino a un altro. È così che alcuni di loro capiscono cosa significhi vederci poco, o essere troppo alti, o ciccioni, o dislessici. Come far sapere ai bambini (ma anche ai genitori e agli insegnanti) che cos'è la dislessia? Libri Liberi in collaborazione con l'Associazione Italiana Dislessia, ha pensato di farlo attraverso una storia semplice e divertente. 
Nuova edizione in formato più grande, un cd con la registrazione vocale del testo e un modulo didattico sulle difficoltà specifiche di apprendimento.

Età di lettura: da 8/14 anni

Il carattere EASY READING creato dalle Edizioni Angolo Manzoni che presenta specifiche caratteristiche grafiche utili ad agevolare la lettura ai dislessici, e viene utilizzato per stampare sempre dallo stesso editore, una collana di libri parascolastici "Junior D" che si differenzia in due fasce di età: fiabe, 6/9 anni, classici e narrativa contemporanea, 10/14.
Queste le sue caratteristiche, carattere bastone, graficamente essenziale per poter meglio percepire otticamente la differenza tra le lettere e i numeri. Differenziazione grafica delle lettere e dei numeri simili per forma (es. b-d / p-q / m-n / r-n / 1-4 – 6-9) Ascendenti e discendenti delle lettere aumentate in altezza, per ridurre la difficoltà di percezione visiva nell'individuarle. Ampi spazi bianchi tra le lettere, le parole e la punteggiatura, ampia interlinea, la ridotta distanza tra le righe può causare lo scivolamento ottico da una riga all'altra e la conseguente perdita della riga nel corso della lettura. Il testo non giustificato per evitare di spezzare le parole. Capitoli e paragrafi brevi per facilitare la comprensione del testo. Utilizzo nel testo del carattere neretto e del corsivo per evidenziare parole chiave, inusuali, o volutamente sgrammaticate.
Titoli in collana:
M. Witcher "Geno il Sigillo Nero di Madame Crikken"
R. Moriondo "È dislessico… proprio come Einstein"
D. Messi "Quattro casi per Minna Levi"
D. Messi "10 favole per Omer"
A. Tridente "Amicizia e inimicizia, umani e animali. Due mondi in costante duello ma inseparabili"
J.K. Rowling "Harry Potter e la camera dei segreti"
J.K. Rowling "Harry Potter e la pietra filosofale"

I libri di seguito elencati, per bambini dagli 8 agli 11 anni, fanno parte della collana Leggimi, frutto di una coedizione fra Sinnos Editrice e Biancoenero Edizioni. Libri di narrativa, piacevoli e divertenti per tutti, anche per chi fatica a leggere. Strutture sintattiche semplici, carta color crema e opaca che stanca meno la vista e un font pensato per evitare confusioni, dedicato a tutti coloro che hanno difficoltà di lettura, in particolare ai ragazzi dislessici. Caratteristiche di base del font sono: la particolare spaziatura tra le lettere, decisamente più larga rispetto alle comuni norme di composizione tipografica, che facilita la lettura dei singoli caratteri; l'esagerazione delle differenze tra caratteri soggetti a confusione di lettura: si tratta delle lettere speculari (d-b, q-p) e di quelle che hanno forme simili che si ripetono (a-o, t-l). In questi casi si ricorre alla presenza o assenza delle grazie, alla differenziazione nell'orientamento dell'anello o nella conclusione delle ascendenti e delle discendenti; lo spessore del carattere, che per quanto possibile è costante, evitando assottigliamenti che possono provocare confusione. 

J. Strong "Non scendete in cantina" Ed. Biancoenero e Sinnos 2009
J. Pete "Che vergogna" Ed. Biancoenero e Sinnos 2008
K. Umansky "Dalla parte delle sorellastre" Ed. Biancoenero e Sinnos 2008
Janna Carioli "Detective in bicicletta" Ed. Biancoenero e Sinnos 2008
K. e C. Mould "Troppo stramb" Ed. Biancoenero e Sinnos 2008
J. Donalson "Una giungla in giardino" Ed. Biancoenero e Sinnos 2008
D. Narinder "Cresci papà" Ed. Biancoenero e Sinnos 2007
L. Levi "L'amica di carta" Ed. Biancoenero e Sinnos 2007
U. Kaye "Situazioni Stramb" Ed. Biancoenero e Sinnos 2007
U. Kaye "Ti presento gli Stramb" E. Biancoenero e Sinnos 2007
T. Bradman "I due Jack" E. Biancoenero e Sinnos 2007
A. Geras "Via delle favole" E. Biancoenero e Sinnos 2007
M. Morgan "Pompon, un cane a sorpresa" Ed. Biancoenero e Sinnos 2007

Inoltre la Biancoenero Edizioni pubblica una serie di classici come "Il richiamo della foresta" e "Il giro del mondo in 80 giorni" all'interno della collana "Raccontami"corredati da CD audio.

Biancoenero Edizioni 
Sinnos Editrice
Edizioni Angolo Manzoni

Età di lettura: da 10 anni

R. Grenci e D. Zanoni "Storie di normale dislessia" Ed. Angolo Manzoni 2007
"Perché abbiamo preso la decisione di "scrivere" questo libro? Non certo per farvi dispetto, ma perché crediamo che, nonostante tutte le difficoltà, la lettura possa arrivare a coinvolgere l'immaginazione più di molti altri mezzi. Infatti il lettore deve mettere una parte di sé, della sua immaginazione e della sua creatività in ciò che legge, e questo è importante"
Le 15 storie di dislessici famosi, che proponiamo, le abbiamo definite di "normale dislessia", perché in fondo queste persone hanno avuto una vita come quella di tanti. I geni dislessici sono stati persone particolarmente speciali perché hanno superato o aggirato gli ostacoli incontrati, realizzando i propri sogni e desideri.

Per gli adulti

R. Donini, F. Brembati "Come una macchia di cioccolato. Storie di dislessie"Ed. Erickson 2007
Una scoperta comune, la dislessia, che diventa compagna di viaggio non invitata di otto giovani vite, raccontate in questo libro da chi, occupandosi della loro riabilitazione, sa di non poterlo fare senza mettersi in ascolto della persona e della sua storia, fatta di sofferenza e forza, di ricordi e di speranze. Le storie narrate, così simili e così diverse fra loro, diventano occasione per riflettere su temi che spesso si accompagnano alla dislessia: la paura di non essere "normale", la difficoltà d'incontro con insegnanti e compagni, il duro scoglio dell'orientamento scolastico, la sofferenza emotiva, la preoccupazione dei genitori, il coraggio di credere nelle possibilità di cambiamento. Ma sopra a tutto sta l'invito a rispettare l'essere speciale che c'è in ogni persona: non a caso quelle presentate sono storie non di una generica dislessia ma, appunto, di dislessie, ciascuna individuale e unica.

L. Garnero "Dislessia: una Definizione in Positivo" Ed. Libri liberi 2006
L'autrice intende fornire con questo libro, agli insegnanti e ai riabilitatori di bambini con Disturbi Specifici di Apprendimento, uno strumento circostanziato per indagare e individuare non solo le specifiche difficoltà manifestate dai singoli bambini nell'accesso ai tre diversi canali di ingresso dello stimolo, ma soprattutto le loro abilità particolari su cui far leva per stimolare la consapevolezza del loro specifico stile cognitivo senza, peraltro, porsi delle aspettative del tutto irraggiungibili e per questo solo frustranti e controproducenti. 

R. Medeghini "Perché è così difficile imparare? Come la scuola può aiutare gli alunni con disturbi specifici di apprendimento" Ed.Vannini 2005 
Perché è così difficile apprendere? Alunni e famiglie si pongono spesso questo interrogativo, soprattutto quando si trovano di fronte a insuccessi in compiti scolastici ritenuti semplicissimi: leggere un testo, scrivere numeri, fare calcoli a mente, scrivere velocemente e correttamente. Dislessia e discalculia si presentano anche in alunni che non hanno problemi psicologici o neurologici. Pertanto, conoscere, comprendere e gestire tali difficoltà è un obiettivo prioritario per la scuola. Il libro si rivolge agli insegnanti, proponendo una lettura dei disturbi di apprendimento e offrendo indicazioni operative per la prevenzione e la costruzione di procedure didattiche.

R. Grenci "Le aquile sono nate per volare" Ed. La Meridiana
Cos'ha in comune Leonardo da Vinci con Steven Spielberg, oppure Agatha Christie con John Lennon? La loro dislessia. 
Anzi, la tenacia con la quale sono riusciti a sprigionare tutte le potenzialità creative della loro dislessia. Anche le più recenti ricerche offrono una lettura inedita della dislessia, secondo la quale, con un approccio adeguato, questo disturbo può divenire straordinaria condizione per lo sviluppo del genio creativo. Questo libro, contiene un'agile ma completa rassegna delle riflessioni sul fenomeno della dislessia e propone un inedito approccio positivo, di tipo multisensoriale, al bambino dislessico valido sia in ambito pedagogico che riabilitativo. Non solo. A chi opera con i bambini dislessici, questo volume offre una guida con numerosi suggerimenti pratici per stimolarne le abilità. Mentre, a tutti gli scettici dedica la sorprendente galleria delle biografie di personalità illustri del passato e del presente, ritenute o accertate come dislessiche.

G. Friso, A. Molin, S. Poli "Difficoltà di lettura nella scuola media" Ed. Erickson 1998 
Le abilità di decodifica, date spesso per scontate negli alunni della scuola media, sono cruciali nella lettura di testi relativamente complessi. Il volume presenta un programma di recupero di tali abilità, adatto per alunni dai 9 ai 14 anni. Si focalizza in modo particolare sulle abilità di lettura decifrativa, con un sistematico lavoro di accesso alla parola e al testo. Consente un accurato approccio didattico preparatorio alla comprensione vera e propria. Le ricerche indicano una percentuale di disturbi di lettura in età adolescenziale che varia dal 10 al 26% degli allievi.
Questo dato basta a segnalare la rilevanza del fenomeno, in termini non solo didattici ma anche sociali, se si tiene conto che i maggiori disturbi di decodifica non risolti portano alla rapida perdita, dopo la scuola, di ogni interesse e capacità di leggere. Questo programma è il primo strumento di recupero didattico centrato sulla decodifica di testi rivolto agli alunni della scuola media.

Foto di Withlove Angelamae

Pin It
Accedi per commentare

L'aggancio

L'incontro casuale in un garage di Cape Town tra una ricca ragazza bianca e un giovane arabo, colto ma povero, mette in moto una serie di eventi inimmaginabili. Abdu, l'uomo del garage, si chiama in verità Ibrahim ibn Musa. È immigrato illegalmente in Sudafrica da un misero paese africano con una laurea in economia. La ragazza è Julie Summers, insofferente al proprio ambiente privilegiato ma culturalmente ristretto.

La loro relazione è sostenuta all'inizio da una forte attrazione sessuale che è quasi l'unico linguaggio comune tra due mondi assolutamente diversi. Ma la loro storia si rafforza al punto che, quando le autorità obbligano Ibrahim a tornare nel suo paese, Julie sorprende la famiglia, gli amici e soprattutto se stessa decidendo di seguirlo come moglie.

In una piccola città sommersa dalla polvere e circondata dal deserto, Julie lotta per essere accettata dalla sua nuova famiglia mussulmana. Ibrahim, intanto, continua a lottare per emigrare ancora, verso gli Stati Uniti. Quando finalmente arriva il momento della partenza, la scelta di Julie sarà ancora una volta sorprendente: decide infatti di restare. Con questo nuovo romanzo, Nadine Gordimer indaga le ragioni dell'amore, esplora l'incontro tra culture diverse e racconta la condizione dei disperati, privati di ogni certezza.

[Descrizione tratta dal sito dell'editore La Feltrinelli]

autore: Nadine Gordimer

editore: Feltrinelli Editore - Universale Economica

 

George e Sam

Una madre, due figli autistici e il racconto di un intensa quotidianità.

È la storia dell'infanzia di due fratelli autistici, descritta con obiettività e anche ironia. È interessante e illuminante, anche per chi non ha figli autistici; attraverso le parole dell'autrice si colgono tante cose che fanno meditare.

Dall'introduzione:

George e Sam è un libro illuminante. Non ci fornisce quel tipo di riscatto sentimentale che permette di piangere e dimenticare, ma propone e, cosa più impressionante, risponde a una serie di domande importanti che sono valide per tutti noi.

Fino a che punto siamo preparati ad accogliere i nostri bambini?

Siamo in grado di amarli così come sono?

Se la nostra vita non è come ce l'aspettavamo, qual è il modo migliore di viverla?

Charlotte Moore ha le risposte.

autore: Charlotte Moore

editore: Penguin

Requiem per il giovane Borgia

 

Si tratta di un romanzo storico e nello stesso tempo di un avvincente giallo scritto da due giovani autrici milanesi esordienti che hanno svolto approfondite ricerche storiche sulla opulenta e maestosa Roma rinascimentale e le ricche corti italiane, soggiogate dalla morale del tempo, individualista e brutale, tesa al conseguimento dei fini senza curarsi dei mezzi con i quali ottenerli.

La vicenda parte dal brutale omicidio di Juan Borgia, duca di Gandia, figlio prediletto di papa Alessandro VI, al secolo Rodrigo Borgia.

Chi è il mandante dell'assassinio? L'indagine non è facile. È possibile il movente politico (il dominio dei Borgia è inviso alle potenti famiglie romane, agli Orsini, agli Sforza di Milano, a Guido da Montefeltro, ai baroni romani e a molti prelati che disapprovano la scandalosa condotta del papa), ma può essere un movente passionale o può essere maturato nell'ambito familiare....

La scrittura è scorrevole e varia e si presta facilmente ad una trasposizione filmica.

autore: Elena Martignoni, Michela Martignoni

editore: TEA