Articolo 7. Convenzione ONU sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza

Articolo 7

"Il fanciullo è registrato immediatamente al momento della sua nascita e da allora ha diritto a un nome, ad acquisire una cittadinanza e, nella misura del possibile, a conoscere i suoi genitori e a essere allevato da essi."

Purtroppo però non sempre questo basilare diritto viene rispettato.

Se nasci in Italia da un genitore clandestino, oltre al colore della sua pelle, quando compi 6 mesi erediti anche il suo status: diventi un clandestino. 

Il "pacchetto sicurezza", infatti, ha introdotto in Italia il reato di clandestinità, attraverso la legge 94/2009 "disposizioni in materia di sicurezza pubblica" entrata in vigore l'8 agosto 2009. La norma introduce nel Testo unico immigrazione - d.lgs. 286/98 - l'articolo 10 bis "ingresso e soggiorno illegale in Italia" che stabilisce che lo straniero che entra o si trattiene nel territorio dello Stato irregolarmente, commette reato. 
All'interno del pacchetto sicurezza è inserita una norma che obbliga i clandestini a mostrare il permesso di soggiorno negli atti di Stato civile, quali matrimonio, registrazione di morte e registrazione delle nascite. 

Di conseguenza i genitori senza permesso di soggiorno sono impossibilitati a riconoscere i propri figli al momento della nascita; questi bambini rimangono quindi senza i diritti di base, con il rischio di cadere nella rete del racket e dello sfruttamento insieme alle loro madri. 

La legge italiana istituisce l'assistenza sanitaria per stranieri clandestini indigenti meglio conosciuta come STP, Straniero Temporaneamente Presente, che dà diritto alle prestazioni sanitarie essenziali. STP è un tesserino che può essere richiesto anche in forma anonima e deve essere rinnovato ogni sei mesi. 

Alle donne irregolari che partoriscono un figlio in Italia viene dato un permesso di soggiorno temporaneo, estendibile anche al padre, per l'intera durata della gravidanza, e i primi sei mesi di vita del bambino, ma non rinnovabile né convertibile. 

Non possiamo ignorare quanto il reato di clandestinità possa di fatto scoraggiare gli stranieri irregolari a presentarsi a qualunque ufficio pubblico, non solo, chiedendo questo permesso di soggiorno speciale, la donna incinta si autodenuncia, con il rischio di venire espulsa dopo i sei mesi dalla nascita del suo bambino, se nel frattempo non si è ricongiunta con un familiare già regolarizzato sul territorio, o se il papà del bambino in questi sei mesi non è riuscito a trovare un lavoro che lo metta in regola. 

Questo rende a tutti gli effetti un bambino nato in Italia "clandestino" se nasce da genitori clandestini. Un bambino per il quale, l'articolo 7 della Convenzione non è valido. 

Per scaricare il testo della Convenzione ONU sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza

Pin It
Accedi per commentare

Mi fido di te

Attenzione! La lettura di "Mi fido di te" di Gea Scancarello può causare smodati accessi di entusiasmo in chi da sempre segue con interesse gli stili di vita sostenibili e l'affermarsi dell'idea che un mondo diverso, non dominato dall'economia e dal denaro sia possibile. Perché in questo saggio il mondo dell'economia collaborativa non è solo immaginato, auspicato o sognato, ma è il mondo reale e concreto in cui si muove l'autrice nella sua vita di oni giorno. 

Leggi tutto...

L'aggancio

L'incontro casuale in un garage di Cape Town tra una ricca ragazza bianca e un giovane arabo, colto ma povero, mette in moto una serie di eventi inimmaginabili. Abdu, l'uomo del garage, si chiama in verità Ibrahim ibn Musa. È immigrato illegalmente in Sudafrica da un misero paese africano con una laurea in economia. La ragazza è Julie Summers, insofferente al proprio ambiente privilegiato ma culturalmente ristretto.

La loro relazione è sostenuta all'inizio da una forte attrazione sessuale che è quasi l'unico linguaggio comune tra due mondi assolutamente diversi. Ma la loro storia si rafforza al punto che, quando le autorità obbligano Ibrahim a tornare nel suo paese, Julie sorprende la famiglia, gli amici e soprattutto se stessa decidendo di seguirlo come moglie.

In una piccola città sommersa dalla polvere e circondata dal deserto, Julie lotta per essere accettata dalla sua nuova famiglia mussulmana. Ibrahim, intanto, continua a lottare per emigrare ancora, verso gli Stati Uniti. Quando finalmente arriva il momento della partenza, la scelta di Julie sarà ancora una volta sorprendente: decide infatti di restare. Con questo nuovo romanzo, Nadine Gordimer indaga le ragioni dell'amore, esplora l'incontro tra culture diverse e racconta la condizione dei disperati, privati di ogni certezza.

[Descrizione tratta dal sito dell'editore La Feltrinelli]

autore: Nadine Gordimer

editore: Feltrinelli Editore - Universale Economica

 

La vera storia del pirata Long John Silver

La biografia - raccontata in prima persona - di Long John Silver, il temibile pirata con una gamba sola dell'Isola del Tesoro, fatto sparire da Stevenson nel nulla che riappare ora vivo e ricco in Madagascar intento a scrivere le sue memorie.

E così ci si ritrova - adulti - a leggere una storia di pirati, con lo stesso gusto con cui lo facevamo da bambini, sognando ancora di porti affollati di vascelli, taverne fumose, tesori, arrembaggi, tempeste improvvise.

Ma non c'è solo questo, c'è anche la scoperta del mondo all'epoca della pirateria, i legami con il commercio ufficiale, le condizioni atroci dei marinai, i soprusi dei capitani, il codice egualitario dei pirati, le loro efferatezze e quelle contro cui si ribellavano.

 

Un grande affresco di un'epoca e di un mondo che ha sempre affascinato grandi e piccoli.

autore: Larsson Björn (traduzione K. De Marco)

editore: Iperborea