Conciliare i tempi di vita e lavoro, qualche novità

Voucher per asili nido, albi comunali di badanti e babysitter, corsi di formazione per la figura della tagesmutter (mamma di giorno): sono questi alcuni dei progetti che le Regioni si sono impegnate a realizzare all'interno di un più ampio quadro di interventi denominato "Italia 2020. Programma di azioni per l'inclusione delle donne nel mercato del lavoro", sottoscritto dal Ministro per le Pari Opportunità e dal Ministro del Lavoro. Il tutto con l'obiettivo di riuscire a conciliare l'attività lavorativa con gli impegni familiari, potenziando l'occupazione femminile, migliorando l'organizzazione del lavoro, la rete dei servizi, la qualità della vita.


Hanno sottoscritto per prime l'impegno Emilia Romagna, Piemonte, Sicilia, Toscana e Umbria, hanno aderito poi Marche, Lombardia, Veneto, Liguria, Lazio e Abruzzo e si stanno adeguando anche le altre amministrazioni.. 

Come abbiamo anticipato in apertura, con questa firma, le Regioni si sono impegnate a creare o potenziare i servizi per l'infanzia; a incentivare l'acquisto di voucher per servizi di cura all'infanzia o di cura e assistenza per disabili e anziani; a facilitare il rientro al lavoro dopo un periodo di congedo per esigenze di conciliazione (ad esempio percorsi di formazione e aggiornamento); a sostenere modalità di lavoro e tipologie contrattuali come il telelavoro, il part-time, la banca ore); a sostenere eventuali altre tipologie di intervento in linea con le finalità dell'Intesa. 
Tra questi interventi ci sono i corsi di formazione per tagesmutter (mamma di giorno in tedesco): un'assistente materna, adeguatamente formata, che accudisce ed educa i bambini da zero a sei anni, presso la propria abitazione, con orari flessibili a seconda delle esigenze familiari e del progetto educativo concordato con i genitori dei piccoli. 
Per diventare 'tagesmutter' bisogna frequentare corsi di formazione professionale e tirocinii negli asili: non si tratta di semplici babysitter ma di professioniste spesso riunite in cooperative, assicurate contro i danni e che garantiscono abitazioni perfettamente a norma e certificati di idoneità per tutti gli impianti.

Un altro progetto sempre volto a conciliare i tempi di vita con quelli di lavoro è il voucher per gli asili nido, che sarà destinato alle famiglie a basso reddito, monogenitoriali o dove entrambi i genitori sono occupati, che servirà a favorire l'accesso, abbattendone il costo, ai servizi nido di strutture private autorizzate, in possesso dei requisiti richiesti dalla normativa vigente (micronidi, sezioni primavera, nidi part time, nidi aziendali, piccoli gruppi educativi ed educatrici domiciliari.


Pin It
Accedi per commentare

Tommaso e i cento lupi cattivi

E' notte. Una notte nera come la pece. Le raffiche di vento fischiano alle finestre, quasi volessero spalancarle.

Ed è proprio in notti come questa che - feroci e affamati - i lupi cattivi vanno a caccia di bambini... per mangiarseli!

Cento lupi famelici... no, forse erano cinquanta.
Cinquanta lupi assetati di sangue... beh, forse erano dieci.
Dieci lupi mannari... o era soltanto uno? Comunque, con una cacciatrice di lupi esperta come la mamma, si può dormire tranquilli!

Un libro molto bene illustrato, molto bella la scena della mamma che fa tanto rumore con la scopa contro... i bidoni della spazzatura per cacciare i lupi di cui Tommaso, e di conseguenza i suoi fratellini che poco prima dormivano tranquilli, hanno paura.

Molto adatto per i bambini che hanno timore ad addormentarsi!

Età prescolare.

autore: Valeri Gorbachev

editore: Nord-Sud

Il bambino perduto e ritrovato. Favole per far la pace col bambino che siamo stati.

“Gli adulti ritengono comunemente di poter pensare e agire in modo libero nei loro comportamenti abituali, mentre in realtà sono spesso condizionati dal bambino che sono stati, con la sua vitalità e creatività, ma anche con le sue realtà irrisolte, che possono interferire con le loro attuali relazioni, quella con i figli innanzi tutto.


Forse nel desiderio di evitare, ai figli, fatiche eccessive, gli adulti a volte spianano loro troppo la strada, impedendogli così di confrontarsi con le difficoltà che invece aiutano a crescere e a rinforzarsi: Altre volte, anche, aspettano da loro quei successi che invece a loro sono mancati e che consolino la loro basa autostima, e questo complica la vita sia a loro che ai figli.


Questo libro vorrebbe aiutare noi adulti, sempre attraverso delle favole costruite su molte storie reali condensate in una, a cercare di evitare che le ombre del nostro passato interferiscano troppo con la nostra relazione con i bambini e i ragazzi condizionandoli eccessivamente e involontariamente nelle loro scelte e nella disposizione mentale con cui affronteranno la vita.”

autore: Alba Marcoli

editore: Mondadori (collana Oscar saggi)

 

Il bambino nascosto. Favole per capire la psicologia nostra e dei nostri figli.

“Sono due bambini nascosti protagonisti di queste pagine: quello che sta dietro ogni comportamento e sintomo infantile e quello che ognuno di noi adulti si porta dentro, proiettandolo spesso inconsapevolmente sui bimbi che ci camminano accanto nella vita.

Il libro vuole aiutare a scoprire attraverso la rielaborazione fantastica di effettive storie infantili come ogni comportamento, dal punto di vista psicologico, si strutturi in maniera del tutto inconscia nel mondo interno fin dai primissimi anni della nostra esistenza.

La fatica di crescere viene analizzata a partire da temi diversi (l’abbandono dell’infanzia, la nostalgia, la perdita, il tradimento, la paura), tutti ugualmente significativi del disagio infantile. Ed è così che la scoperta del mondo interno di un bambino attraverso la riappropriazione delle nostre stesse emozioni di una volta costituisce una valida chiave d’accesso al mondo dei ragazzi, per poterli capire e aiutare meglio”

autore: Alba Marcoli

editore: Mondadori (collana Oscar saggi)