Bibliografia. Per spiegare la Shoah

"Là dove si danno alle fiamme i libri, si finisce per bruciare anche gli uomini".
H.Heine 

Il 27 gennaio si celebra il Giorno della Memoria, fu quella infatti la data in cui, nel 1945, le truppe sovietiche entrarono nel campo di concentramento di Auschwitz, liberando i pochi sopravvissuti. Il 27 gennaio è divenuta una data simbolo della memoria della Shoah, un'occasione per riflettere, per far sì che non si ripetano mai più tali orrori.
Nonostante questo sia un pezzo di storia molto difficile da raccontare, l'impatto sulle nuove generazioni è molto importante. I giovani, dopo aver letto un libro, guardato un film, si chiedono che cosa avrebbero fatto se fossero stati lì a quel tempo, come avrebbero reagito e da che parte si sarebbero schierati. 

Nella relazione sulle attività svolte dall'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane nel periodo 2006-2010 relative al tema della "Memoria della Shoah" è emerso che, i viaggi nei luoghi simbolo della Shoah, se preceduti da un'adeguata preparazione, rappresentano per i ragazzi una delle esperienze più formative e più forti.

Quante volte proprio noi genitori ci siamo domandati se sia corretto parlare del "male" ai nostri figli, o quale sia il modo "giusto" per poterlo fare. Noi, per primi, non facciamoci spaventare, e partiamo dal presupposto che il racconto serve per non dimenticare e soprattutto per capire ciò che è accaduto, e la logica che ha generato fatti così tragici, perché solo questo può far si che un evento così epocale, non si possa mai più ripetere.
I ragazzi, sin da piccoli, dimostrano di essere interessati e di voler capire ciò che accade intorno a loro, e allora ecco una raccolta di titoli, divisi per età che potranno aiutarci a trovare le parole quando vorremo spiegare loro la tragedia della Shoah:

Libri dai 5 a 10 anni

Libri da 11 sino all'adolescenza, con qualche proposta per gli adulti

 

lustrazione di Sonia MariaLuce Possentini tratta dal libro "Il volo di Sara" edito da Fatatrac.

Ultimo aggiornamento gennaio 2017

Pin It
Accedi per commentare

Facciamo i colori!

Se dipingere, colorare e "pasticciare" sono tra le attività preferite di ogni bimbo, immaginate quanto divertimento nel realizzare da soli i propri colori?

Leggi tutto...

Requiem per il giovane Borgia

 

Si tratta di un romanzo storico e nello stesso tempo di un avvincente giallo scritto da due giovani autrici milanesi esordienti che hanno svolto approfondite ricerche storiche sulla opulenta e maestosa Roma rinascimentale e le ricche corti italiane, soggiogate dalla morale del tempo, individualista e brutale, tesa al conseguimento dei fini senza curarsi dei mezzi con i quali ottenerli.

La vicenda parte dal brutale omicidio di Juan Borgia, duca di Gandia, figlio prediletto di papa Alessandro VI, al secolo Rodrigo Borgia.

Chi è il mandante dell'assassinio? L'indagine non è facile. È possibile il movente politico (il dominio dei Borgia è inviso alle potenti famiglie romane, agli Orsini, agli Sforza di Milano, a Guido da Montefeltro, ai baroni romani e a molti prelati che disapprovano la scandalosa condotta del papa), ma può essere un movente passionale o può essere maturato nell'ambito familiare....

La scrittura è scorrevole e varia e si presta facilmente ad una trasposizione filmica.

autore: Elena Martignoni, Michela Martignoni

editore: TEA

Un computer dal cuore saggio. Considerazioni educative sull’uso consapevole del computer e della rete

Scrivere una fiaba su sicurezza in internet e minori è stato un  percorso  condiviso con Mauro Ozenda esperto in materia e collaboratore  della associazione Mani colorate.

Si sono toccate tematiche delicate come la  potenzialità della rete, il rispetto e  il significato della “Netiquette”  ma anche rischi e pericoli quali la pedopornografia, cyberbullismo,  sexting, sicurezza, tutela della privacy, etc.

Leggi tutto...