Bibliografia. Per spiegare la Shoah

"Là dove si danno alle fiamme i libri, si finisce per bruciare anche gli uomini".
H.Heine 

Il 27 gennaio si celebra il Giorno della Memoria, fu quella infatti la data in cui, nel 1945, le truppe sovietiche entrarono nel campo di concentramento di Auschwitz, liberando i pochi sopravvissuti. Il 27 gennaio è divenuta una data simbolo della memoria della Shoah, un'occasione per riflettere, per far sì che non si ripetano mai più tali orrori.
Nonostante questo sia un pezzo di storia molto difficile da raccontare, l'impatto sulle nuove generazioni è molto importante. I giovani, dopo aver letto un libro, guardato un film, si chiedono che cosa avrebbero fatto se fossero stati lì a quel tempo, come avrebbero reagito e da che parte si sarebbero schierati. 

Nella relazione sulle attività svolte dall'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane nel periodo 2006-2010 relative al tema della "Memoria della Shoah" è emerso che, i viaggi nei luoghi simbolo della Shoah, se preceduti da un'adeguata preparazione, rappresentano per i ragazzi una delle esperienze più formative e più forti.

Quante volte proprio noi genitori ci siamo domandati se sia corretto parlare del "male" ai nostri figli, o quale sia il modo "giusto" per poterlo fare. Noi, per primi, non facciamoci spaventare, e partiamo dal presupposto che il racconto serve per non dimenticare e soprattutto per capire ciò che è accaduto, e la logica che ha generato fatti così tragici, perché solo questo può far si che un evento così epocale, non si possa mai più ripetere.
I ragazzi, sin da piccoli, dimostrano di essere interessati e di voler capire ciò che accade intorno a loro, e allora ecco una raccolta di titoli, divisi per età che potranno aiutarci a trovare le parole quando vorremo spiegare loro la tragedia della Shoah:

Libri dai 5 a 10 anni

Libri da 11 sino all'adolescenza, con qualche proposta per gli adulti

 

lustrazione di Sonia MariaLuce Possentini tratta dal libro "Il volo di Sara" edito da Fatatrac.

Ultimo aggiornamento gennaio 2017

Pin It
Accedi per commentare

Il ciliegio di Isaac

La storia comincia con un nonno e un nipotino, ma andando avanti nelle pagine la vita di questo bambino, raccontata in prima persona quando ormai lui è diventato adulto, entra in una specie di sogno orribile: è il ricordo di fili spinati dentro un turbine di colori freddi. Fa molto freddo, ci sono neve e fango ovunque, si vede “un lungo inverno che sembra non finire mai”, nei visi tristi, nelle ombre a righe, nelle stelle gialle sopra gli abiti, nelle mani protese in cerca di aiuto, nella ciminiera fumante di un campo di concentramento.Leggi tutto...

Facili da amare difficili da educare

autore: Becky A. Bailey
editore: Apogeo

Noi genitori amiamo i nostri bambini, ma non sempre il loro comportamento. E talvolta neppure la nostra reazione al loro comportamento.Così ci sforziamo di trovare modi o strategie per far sí che i nostri figli facciano esattamente ciò che ci aspettiamo, o desideriamo o riteniamo più giusto per loro, spesso con risultati scarsi o nulli, o a costo di conflitti e sensi di colpa.

Leggi tutto...

Cappuccetto rosso, verde, giallo, blu e bianco

Cappuccetto Rosso è la fiaba dei fratelli Grimm, le altre sono versioni alternative alla fiaba classica, ognuna delle quali monocolore, rispettivamente verde, gialla, blu e bianca.

Cappuccetto Verde, con l'amica ranocchia e il lupo cattivissimo nascosto tra le siepi; quello Giallo nella giungla d'asfalto della città sembra un po' i nostri bimbi; quello Blu vive sul mare e è alle prese con uno squalo; quello Bianco è tutta da ... disegnare.

Il tema conosciuto pur con le fantasiose varianti aiuta il bambino nella lettura: sanno cosa succede e questo è rassicurante ma sono incuriositi dalla diversa ambientazione colorata e divertente.

Consigliato a partire dai sei anni.

autore: Bruno Munari, Enrica Agostinelli

editore: Einaudi