Cupcakes dell'uomoragno di Ladyfrago

Ingredienti per 24 Cupcakes

 

  • 200 grammi di farina 00
  • 250 grammi di ricotta o formaggio simile
  • 200 grammi di zucchero
  • 3 uova
  • 1 bustina lievito per dolci
  • Pizzico di sale
  • Aroma a piacere

Procedimento


Unire uova (intere) con lo zucchero e montare con le fruste elettriche.
Aggiungere il formaggio, amalgamare bene.
Unire la farina setacciata con il colino, il lievito, il sale e l'aroma.

Amalgamare il tutto e versare* nei pirottini di carta (inseriti nell'apposita placca da muffins).

180° per circa 15 minuti.

*si può versare l'impasto a cucchiaiate, anche se con questo metodo si rischia di impiastrare dappertutto.
il modo più facile per dosare e fare un lavoro pulito è trasferire l'impasto (non tutto, un po' alla volta) in una sac a poche o in mancanza in un sacchetto del freezer, chiudere arrotolando la parte superiore e tagliare via l'angolino inferiore, un taglietto piccolo, 1 cm massimo.
posizionandosi sopra i pirottini, premere leggermente la parte superiore del sacchetto: l'impasto uscirà dal taglietto inferiore come il dentifricio dal tubetto!
Con questo metodo riempire tutti i cestini di carta risulterà più semplice e più preciso.

DECORAZIONE CON PASTA DI ZUCCHERO

per ricoprire 24 cupcakes sarà sufficiente una sola dose di pasta di zucchero.

Ingredienti:
-450 grammi di zucchero a velo
-70 grammi di miele
-6 grammi di gelatina in fogli
-30 ml di acqua
-16 grammi di burro
-qualche goccia di glicerina per far brillare i colori
-coloranti alimentari liquidi , in gel o in pasta

a) versare lo zucchero a velo in un robot da cucina
b) mettere i fogli di gelatina in ammollo nei 30 ml di acqua
c) sciogliere il miele nel microonde per qualche secondo.

In un pentolino far sciogliere acqua e gelatina a bagno maria.
Una volta che la gelatina si sarà sciolta (fiamma bassa!) aggiungere il miele liquido, il burro e la glicerina.
Mescolare senza mai far bollire.
Ottenuto un composto liscio, versarlo sopra lo zucchero a velo e azionare il mixer.
In pochi secondi si formerà una palla tutta da un lato.
Spegnere, togliere la palla e lavorarla sul piano cucina con un po' di zucchero a velo.

Ora che la palla ha la consistenza del didò, la si divide in varie parti e si aggiunge ad ogni parte il colorante desiderato.
per ottenere dei colori uniformi bisogna lavorare (manipolare) la pasta a lungo, eventualmente servendosi di altro zucchero a velo per evitare che le mani si appiccichino.

Per stendere la pasta di zucchero bisogna prima di tutto avere un piano di lavoro liscio, cospargerlo generosamente di zucchero a velo e iniziare piano piano con il mattarello.
Con la calma e pazienza di un monaco tibetano, mattarellare, mattarellare delicatamente, capovolgendo più volte il disco di pasta che man mano si assottiglia (non importa se diventa opaco e pieno di zucchero a velo, si può lucidare dopo).
raggiunto uno spessore di 2/3 mm, con un bicchiere si ritagliano dei dischi e si applicano sopra ogni tortina (per farli aderire si possono spalmare le tortine con nutella, crema di burro, miele, panna, quel che si vuole).

Ecco, ora ci sono 24 cupcakes colorati di rosso e di azzurro.
Se volete dare una lucida alla pasta di zucchero è sufficiente una passata di vapore (con il vaporetto, il centogradi, una teiera che sbuffa, qualsiasi cosa produca vapore), spruzzando da una distanza di circa 30 cm.
Magicamente tutte le macchie bianche e opache di zucchero a velo spariranno e la pasta brillerà.

E le ragnatele?

Io le ho fatte con la glassa tinta di nero.
Si possono fare anche con il cioccolato fuso.

Per fare la glassa ho seguito le istruzioni sulla confezione dello zucchero a velo.
Una volta raggiunta la consistenza denso/solida necessaria ho aggiunto il colorante e trasferito il tutto in una sac a poche alla quale avevo applicato preventivamente una punta da decorazione molto fine.
Ho fatto delle prove su un piatto e poi sono partita a mano libera.

Per evitare questo sbattimento esistono i pennarelli alimentari.
Solo che io non li ho (non ancora!): con quelli si disegna direttamente ed è molto più facile.

Foto di Eleonora Bettinelli

Pin It
Accedi per commentare