Visita al campo di concentramento di Dachau

Numeri: da quando sono stata a visitare il centro commemorativo ricordo con un dolore, ancora non completamente elaborato, i numeri di tutto quello che successe all'interno del campo di concentramento eretto proprio a Dachau, a 15 km a nord di Monaco.

 

 
Numeri inconcepibili e crudeli di tutti gli internati, di tutti i torturati, di tutti i bambini, di tutte le donne, di tutti coloro che vennero usati come cavie umane per esperimenti medici, di tutti i morti. Ma sopra ad ogni cosa l'atroce atto di attribuire un numero, a tutti i detenuti per cancellare l'identità di chiunque varcasse da internato la porta recante la famosa scritta Arbeit macht frei.
Ne appunto qualcuno, di questi numeri, dei 12 anni di apertura del campo di concentramento dal 22 marzo 1933:
un'area di 300 per 600 mt., progettata per ospitare circa 5mila detenuti ma dal 1942 il numero non scese mai al di sotto dei 12mila, stimato un totale di 206.206 internati, 30mila morti, il giorno della liberazione erano presenti 30.442 persone di cui 3.388 italiani. 

Varcando quella porta ci si rende conto che i sorrisi e la leggerezza restano fuori automaticamente e senza sforzi, pur non essendo realmente pronti a vedere le tracce di ciò che fu fatto.
Qualsiasi cosa io avessi letto precedentemente, non mi aveva fatto capire fino in fondo cosa volesse dire l'espressione "campo di concentramento" finché non ho superato quel recinto e ho collocato tutti quei numeri letti sulla carta.

Nel 1965, a vent'anni dalla liberazione, è stata aperta al pubblico l'area del centro commemorativo dove fino al 29 aprile 1945 esisteva il Campo di Concentramento di Dachau - allora esempio di rigore per tutti gli altri lager - per far capire, per non dimenticare, per dire "mai più": e queste ultime due parole le ho ritrovate, senza bisogno di leggerle, espresse in ogni cosa per tutta la visita. E le ho anche lette in diverse lingue, infine, sul libro dei visitatori, scritte da tanti ragazzi. 


Questo è uno dei motivi per cui trovo giusto portare i nostri figli a visitare questi luoghi, preparandoli soprattutto a capire ed affrontare con consapevolezza una visita simile: che sia ben chiaro che questo "mai più" lo si conferma ogni giorno, insieme.

La visita è completamente gratuita e grazie ad un'ottima guida audio (costo 3,50 €) ho potuto seguire con una cartina tutte le tappe in modo libero tra i vari luoghi: le baracche (ricostruite) e le file dei basamenti dove una volta ne sorgevano trentaquattro, il piazzale degli appelli, il palazzo dell'economato (ora museo), il forno crematorio e le camere a gas, il bunker, i memoriali religiosi (memoriale ebraico, cappella dell'agonia di Gesù, monastero carmelitano del Preziosissimo Sangue, chiesa evangelica della Riconciliazione, cappella votiva ortodossa russa).
In tanti punti sono esposti dei pannelli che riportano fotografie dell'epoca con spiegazioni di approfondimento in lingua inglese e tedesca.


Ma non solo le tracce di spiegazione aiutano a capire: quelle più interessanti – e anche più dure da ascoltare – sono le registrazioni dei sopravvissuti nelle loro lingue originali, che trasmettono molto bene al visitatore le loro sensazioni, di come arrivarono là senza capire nulla, di come furono ridotti a numeri e di come sopravvissero a condizioni impensabili. Ma anche di quanto tempo gli sia occorso dopo, per ritornare ad una vita semi-normale.

Ci sono molte immagini di ciò che videro gli americani quando liberarono il campo di concentramento: alcune sono molto forti – non solo dei morti, ma soprattutto dei visi e delle condizioni dei vivi - però nulla ti impressiona più del sapere che proprio nel luogo in cui ti trovi, nell'altro secolo, succedeva un tale orrore.
Il tempo si ferma mentre si cammina in silenzio, ci si accorge a mala pena di incurvarsi verso se stessi con un dolore indefinibile e non curabile, se non continuando a dire e impegnandoci a far in modo che non succeda "mai più". 

Indirizzo:
KZ Gedenkstätte Dachau
Alte Römerstraße 75, Dachau
www.kz-gedenkstaette-dachau.de

Apertura: Tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle 9 alle 17

Mezzi pubblici: Metropolitana S2 "Dachau" + bus 726

Campo di Concentramento di Dachau
Sito del comune di Dachau

Pin It
Accedi per commentare

Rosi e Moussa

Rosi si è appena trasferita in città con la sua mamma, in un grande palazzo, molto alto, pieno di scale e di vicini che sembrano scontrosi. Non si farà mai degli amici, lo sa già!

E invece arriva Moussa: grande giacca, cappello sempre in testa, tanti fratelli, e un cane che in realtà è... un gatto. Il loro incontro nasce con una sfida: salire sul tetto proibito per guardare tutta la città dall'alto – in barba al bisbetico vicino signor Tak.

E dalle sfide, si sa, nascono le migliori amicizie e le avventure più belle.

Una delicata storia di amicizia e multiculturalità, scritta con naturalezza e senza ipocrisie.

Romanzo perfetto per le prime letture.

Autore: Michael de Cock e Judith Vanistandael

Editore: Il Castoro

L'ombra del vento

"Una mattina del 1945 il proprietario di un modesto negozio di libri usati conduce il figlio undicenne, Daniel, nel cuore della città vecchia di Barcellona al Cimitero dei Libri Dimenticati, un luogo in cui migliaia di libri di cui il tempo ha cancellato il ricordo, vengono sottratti all'oblio. Qui Daniel entra in possesso del libro "maledetto" che cambierà il corso della sua vita, introducendolo in un labirinto di intrighi legati alla figura del suo autore e da tempo sepolti nell'anima oscura della città. Un romanzo in cui i bagliori di un passato inquietante si riverberano sul presente del giovane protagonista, in una Barcellona dalla duplice identità: quella ricca ed elegante degli ultimi splendori del Modernismo e quella cupa del dopoguerra."

Un'ottima opera prima, di questo scrittore che finora si era cimentato solo nella narrativa per bambini; un libro che, uscito in sordina, è diventato un best-seller grazie al passaparola dei lettori. Un romanzo a tratti inquietante, che mescola mistero, Storia e vita vissuta; e che ha, soprattutto, un grande pregio: è sempre coerente alla trama e ai riferimenti. Ogni rimando, ogni indizio, alla fine trova una sua collocazione, ogni mistero ha una spiegazione, ogni rapporto una sua conclusione. Bellissime le descrizioni di una Barcellona cupa, invernale e lontana dall'idea che si può avere di questa città, vittima di un triste dopoguerra ed un ancor più triste strascico del regime. Ancor più belle, seppur drammatiche alcune, le descrizioni delle coppie: coppie di padri e figli, coppie di amici, coppie di fidanzati, e degli intrecci che li legano.

Da leggere d'un fiato, e rileggere con calma una seconda volta.

autore: Carlos Ruiz Zafon

editore: Mondadori

Il mondo è tuo

Un albo illustrato per grandi e piccini, che insegna ai più piccoli, e ricorda ai più grandi che, si è liberi di essere e fare quello che si vuole, nonostante la strada non sarà priva di difficoltà che ci faranno crescere.

Leggi tutto...