L'Acquario di Genova

Oggi parliamo dell'Acquario di Genova, per farlo incontriamo uno dei massimi esperti di questa splendida struttura, ormai diventata richiamo turistico a livello europeo per la varietà di specie presenti e per le tante attività proposte: Tommaso, esperto "pesciologo" come ama definirsi, di 9 anni.



Tommaso aveva due anni quando è stato all'Acquario la prima volta ed è stato amore a prima vista. Da allora vi ritorna almeno una volta al'anno per "controllare" la situazione, vedere le novità e partecipare a… Beh, ma sentiamo il diretto interessato. 

Tommaso, parlaci dell'Acquario:
Penso che l'Acquario di Genova sia un luogo molto bello non soltanto per la struttura ma per la varietà di specie che sono in esposizione. L'ultima volta che ci sono andato sono rimasto sbalordito: c'era una coppia di animali nuovi, i lamantini.
Erano in ottime condizioni di salute e mi sono sembrati animali molto intelligenti, il lamantino è vegetariano ed è purtroppo una specie in via di estinzione.
Tutte le vasche riproducono l'habitat naturale delle specie all'interno e c'è molta attenzione nel garantire un'accoglienza ottimale, tanto è vero che proprio qui si sono riprodotte sia le foche che i delfini.
Qui troviamo anche rane, colibrì ed alligatori, una volta ho persino visto il pesce luna ed il pesce martello; sì perché le specie esposte cambiano in continuazione e da una visita all'altra ci sono sempre delle novità. 
Per esempio dopo che al cinema era uscito il cartone animato di Nemo una vasca dell'Acquario è stata dedicata ai pesci che compaiono nel cartone: così ho ritrovato anche Dory e Branchia! 

Quante e quali esperienze ti hanno colpito maggiormente durante le tue varie visite?
Oltre alle normali visite, ho effettuato il giro dietro le vasche durante il quale indossando dei guanti di protezione ho trasferito delle piccole meduse appena nate in una vasca di contenimento dove possono crescere prima di essere esposte al pubblico. Durante questa visita la mia mamma è rimasta affascinata da un tipo di stella marina chiamata stella cuscinetto perché è "gonfia", sembra soffice e morbidosa proprio come un cuscino!
Un'altra volta ho partecipato alla "Notte con gli squali": dopo aver cenato a casa sono entrato all'Acquario insieme ad altri bambini e ragazzi, alcuni erano anche stranieri: l'Acquario era interamente a nostra disposizione, aperto solo per noi, un sogno. 
Sono stato tutta la notte sveglio perché lo squalo toro mi fissava continuamente però è stato bello, ho dormito nel sacco a pelo, ho fatto poi colazione con tutto il mio gruppo e mi hanno regalato una t-shirt, una borsa ed un sacco di materiale "pescioso" che ho appeso in camera mia. 
Sto aspettando che mia sorella compia 7 anni così ci torno insieme a lei!

Due estati fa invece ho partecipato per una settimana al campus estivo e qui oltre alle attività dell'Acquario sono stato anche al Museo del mare che mi è piaciuto perché ho potuto visitare una grande barca ed ho provato a remare proprio come accadeva ai mozzi di una volta; sono stato alla Città dei bambini e se quando ero più piccolo la mia parte preferita era quella del cantiere, adesso devo dire che lo studio televisivo è proprio coinvolgente! 
Un altro giorno ci hanno portato in piscina, proprio davanti all'Acquario che è una cosa strana perché d'estate è una piscina mentre d'inverno viene trasformata in pista di pattinaggio sul ghiaccio; lì vicino poi ci sono il Bigo (un ascensore panoramico), la Biosfera (con un sacco di piante tropicali e di pappagalli e di altri uccelli) e c'è un simpaticissimo trenino rosso per fare il giro di Genova.

Per concludere, tutte le mie esperienze al Porto Antico di Genova sono momenti fantastici ed anche avventurosi che consiglio davvero sia ai grandi che ai piccini.

Sinceramente, il vostro "pesciologo" preferito.

Siti web per approfondire e organizzare al meglio la vostra visita dell'Acquario:

Sito dell'Acquario di Genova  

Sito ufficiale del più grande Museo marittimo del Mediterraneo Galata museo del mare 

Sito del museo che raccoglie opere ed allestimenti del famoso scenografo ed illustratore 
Emanuele Luzzati  

Sito della più grande struttura in Italia dedicata a gioco, scienza e tecnologia, per bambini e ragazzi tra i 2 e i 12 anni d'età Genova. Città dei bambini e dei ragazzi 

Sito che guida i bambini per le vie e le attrazioni turistiche di Genova Genova per i bambini

Pin It
Accedi per commentare

Il volo di Sara

In un grigio pomeriggio autunnale la piccola Sara scende dal treno che la porta insieme a tanti altri verso le baracche di un campo di concentramento.

Leggi tutto...

Requiem per il giovane Borgia

 

Si tratta di un romanzo storico e nello stesso tempo di un avvincente giallo scritto da due giovani autrici milanesi esordienti che hanno svolto approfondite ricerche storiche sulla opulenta e maestosa Roma rinascimentale e le ricche corti italiane, soggiogate dalla morale del tempo, individualista e brutale, tesa al conseguimento dei fini senza curarsi dei mezzi con i quali ottenerli.

La vicenda parte dal brutale omicidio di Juan Borgia, duca di Gandia, figlio prediletto di papa Alessandro VI, al secolo Rodrigo Borgia.

Chi è il mandante dell'assassinio? L'indagine non è facile. È possibile il movente politico (il dominio dei Borgia è inviso alle potenti famiglie romane, agli Orsini, agli Sforza di Milano, a Guido da Montefeltro, ai baroni romani e a molti prelati che disapprovano la scandalosa condotta del papa), ma può essere un movente passionale o può essere maturato nell'ambito familiare....

La scrittura è scorrevole e varia e si presta facilmente ad una trasposizione filmica.

autore: Elena Martignoni, Michela Martignoni

editore: TEA

Mi hanno ucciso le fiabe. Come spiegare la guerra e il terrorismo ai nostri figli.

Durante l'osservazione del comportamento di alcuni bambini del suo Centro giochi di Masal, l'autrice - nota psicoterapeuta, rimane impressionata dalla seguente conversazione: "Secondo me dovrebbero dare il permesso agli americani di usare la bomba atomica così ne sganciano una su Bagdad ed è finita la guerra". Un'altro bambino risponde "Io penso che sia sbagliato perchè se butti una bomba atomica su Bagdad uccidi tutta la gente e poi anche...come si chiama..Aladino. Così uccidono tutte le nostre fiabe e non ci sono più fiabe". Dialogo surreale che mette in evidenza un problema molto serio: guerre, massacri di innocenti, armi chimiche, attacchi kamikaze ed eventi naturali incontrollabili: le notizie dei disastri colpiscono grandi e piccini e nessun mass media riserva spazi a loro adeguati per aiutarli ad impadronirsi della realtà.

In questo libro Masal Pas Bagdadi ha intervistato bambini e fermato i loro pensieri e le loro emozioni ma soprattutto ci insegna a stare loro vicini, a rassicurarli e a decodificare le loro paure sui grandi temi della guerra e della distruzione. Ci dice come dirglielo e cosa dirgli, cosa fargli sapere e cosa non fargli vedere, ci mette in guardia contro le difficoltà che si possono incontrare e ci suggerisce come affrontarle.

Un libro per entrare in sintonia con i propri figli, per comprendere i loro ragionamenti e percepire le realtà che possono provvedere al loro fondamentale bisogno di sicurezza.

autore: Masal Pas Bagdadi

editore: Franco Angeli