Sacchetti di plastica: tempo scaduto

Finalmente, dopo un anno di proroga, il 1° gennaio 2011 anche l'Italia ha adottato un provvedimento che va contro la cultura dell'usa e getta e che contribuirà certamente a lasciare un ambiente un po' migliore ai nostri figli: è stata messa al bando la produzione di buste e sacchetti di plastica, lasciando però la possibilità a negozi e supermercati di smaltire le scorte in loro possesso (senza farle pagare ai clienti!). Purtroppo l'impressione è che molte persone facciano molta fatica a liberarsi da una sorta di dipendenza e ad adeguarsi alla novità.



Questa impressione pare suffragata dai dati, dall'osservazione che ognuno di noi può fare tutti i giorni in negozi, mercati e supermercati e dai molti servizi su giornali e telegiornali che sono apparsi negli ultimi mesi.
I dati ci dicono che il nostro paese ha il record negativo in Europa per l'uso dei sacchetti di plastica: ogni cittadino ne usa in media circa 300 all'anno, per un totale di circa 20 miliardi di pezzi su un consumo totale in Europa di circa 100 miliardi di pezzi.
In effetti ognuno alle casse di un qualsiasi supermercato può constatare che poche sono ancora le persone che arrivano munite delle loro borse riutilizzabili o che spesso dal panettiere per riporre anche solo un sacchettino di pane si chiede il sacchetto di plastica o, adesso, di materiale biodegradabile.

Infine i servizi su giornali e in televisione: negli ultimi mesi del 2010 ci hanno mostrato negozianti che avendo provato ad eliminare i sacchetti di plastica anche in anticipo sulla fatidica data del 1° gennaio 2011, sconsolati affermavano che i clienti continuavano a chiederli e ora ci mostrano clienti di supermercati quasi arrabbiati di dover scegliere tra sacchetti biodegradabili o di carta e di non poter più avere a disposizione i più resistenti sacchetti di plastica.

Eppure molti sondaggi ci dicono che una delle preoccupazioni più grosse delle persone negli ultimi anni è proprio quella sulla situazione ambientale del nostro pianeta. Come mai però quando si chiede un piccolo sforzo in prima persona, un piccolissimo mutamento nelle abitudini di tutti i giorni, tutto sembra diventare difficilissimo, quasi impossibile? Le persone riescono a percepire il legame tra le grandi preoccupazioni che tutti abbiamo sul futuro del pianeta e le piccole abitudini di tutti i giorni?

Basta davvero un po' di organizzazione e un piccolo cambiamento di mentalità: ecco quindi alcuni semplici suggerimenti pratici nei quali possiamo e dobbiamo coinvolgere anche i nostri bambini.

- Quando si esce per fare la spesa, insieme alla lista della spesa, ai soldi, alle carte fedeltà dei vari punti vendita, prendere l'abitudine di portare sempre anche le borse riutilizzabili in stoffa, iuta o altri materiali resistenti sicuramente preferibili anche ai sacchetti biodegradabili o di carta ora disponibili al posto di quelli di plastica

- Tenere sempre una borsa riutilizzabile con sé: ce ne sono ormai di tutti i tipi, anche molto capienti che una volta appallottolate, ripiegate, richiuse tengono pochissimo spazio e si possono portare anche nelle borsette meno capienti

- Lasciare qualche grossa borsa riutilizzabile nel bagagliaio della macchina in modo da averne sempre a disposizione anche quando si fa una spesa imprevista

- Se si è comunque sprovvisti di borsa riutilizzabile o di sacchetto portato da casa, evitare, per quanto possibile, di chiedere un sacchetto per riporre poche cose e rifiutarlo quando il negoziante vuole a tutti i costi fornircelo (a volte bisogna essere un po' decisi, ma con il tempo e la pratica ci si abitua e si ha la meglio anche con il negoziante più insistente)

- Anche in tempo di saldi uscire con qualche grosso sacchetto che sicuramente abbiamo in casa da precedenti acquisti di vestiario e rifiutare i sacchetti nuovi che tanto andrebbero ad intasare ulteriormente il nostro ripostiglio o arrivati a casa sarebbero buttati nel contenitore della carta.

- Anche i sacchettini fini delle verdure si possono riutilizzare se sono puliti, basta avere l'accortezza di attaccare la nuova etichetta con peso, prezzo e codice a barre sopra quella precedente

- Per alcune verdure o per alcuni frutti (melanzane, cavolfiori, banane, meloni) i sacchettini si possono proprio evitare attaccando l'etichetta direttamente sul prodotto

Aspettiamo anche i vostri suggerimenti! 
Scrivete a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vi invitiamo a visitare il sito della campagna Porta la sporta, un sito di ricco di informazioni, iniziative e proposte rivolte a tutti: istituzioni, associazioni, negozianti, semplici cittadini.

Per conoscere e approfondiore l'esperienza di altri paesi, visita il sito Eco dalle città

Pin It
Accedi per commentare

Jack il puzzone

Immagina la scena: sei in classe, e tutto sembra tranquillo. All’improvviso, qualcuno sgancia una puzza terrificante. Silenzio. Ora immagina questo: tutti si voltano, e danno la colpa a TE!
E’ quello che succede a Jack, ed è la fine: diventa il puzzone più famigerato della scuola. Ma lui non si perde d’animo e chiede aiuto alla scienza. Obiettivo: liberare se stesso e il mondo dalle puzza delle puzze! Chissà che non riesca davvero a brevettare l’invenzione del secolo? Tappatevi il naso e preparatevi a ridere! Una lettura esilarante, accompagnata dalle illustrazioni di AntonGionata Ferrari, Premio Andersen 2007 come miglior illustratore italiano.

L’autore: Raymond Bean è un insegnante di quarta elementare (la classe di Jack!). Questo è il suo primo libro. Uscito come un’autoproduzione, Jack il Puzzone ha scalato le classifiche ed è stato già tradotto in cinque Paesi. Raymond ha sempre sognato di scrivere libri. Nato a New York, nel Queens, prima di insegnare e scrivere, ha lavorato in produzioni televisive e cinematografiche. Ama ridere. Sposato, con un figlio, vive a New York.

autore: Raymond Bean

editore: Il castoro

Genitori fatti ad arte. Prepararsi all'arrivo di un bambino

Questo libro è un diario, una storia, un prezioso scrigno di suggerimenti, idee, proposte, esercizi, riflessioni che accompagnano e si intrecciano al percorso che ogni donna e ogni uomo fanno nelle 40 settimane di attesa.

Dalla scoperta dell'esistenza di una nuova vita all'emozione del primo vagito.

Leggi tutto...

Io sono Malala. La mia battaglia per la libertà e l'istruzione delle donne

Malala Yousafzai è una ragazza nata in Pakistan nella valle dello Swat. Nel libro descrive con orgoglio la bellezza della sua terra: la natura meravigliosa, la bellezza delle montagne e delle sue acque; racconta con sguardo attento anche la storia del suo paese e del suo popolo: i Pashtun, suddivisi in varie tribù sparse nel Pakistan e nell’Afghanistan dove l’ospitalità e l’onore sono i valori fondamentali. Malala ci racconta della sua famiglia, di suo padre e di sua madre che si sono sposati per amore e non attraverso un accordo stipulato dalle rispettive famiglie.

Il padre, in particolare, figlio di un Imam insegnante di teologia, è un padre diverso dagli altri che usano violenza contro le loro mogli. Suo padre condivide ogni scelta di vita con la propria moglie. Anche il nome Malala fu scelto da lui perché era il nome di un’eroina afghana che nel 1880 incitò le truppe del suo paese che stavano per essere sconfitte dall’esercito inglese: innalzò una bandiera afghana, venne uccisa, ma il suo coraggio servì a vincere una sanguinosa battaglia.

Leggi tutto...