Detersivi ecologici e fai-da-te

Tutti noi usiamo detersivi per il bucato o per la casa , ma pochissimi di noi ne conoscono le caratteristiche chimiche, le dosi indicate, i consigli d'uso. Spesso la scelta di un prodotto si basa esclusivamente sulla pubblicità, più che sulla effettiva conoscenza del prodotto. 

I prodotti chimici in commercio hanno, ognuno alla loro maniera, un fortissimo impatto ambientale.

Per ambiente s' intende : 
-l'ambiente fuori casa: terra, acqua, cielo, ove arrivano i rifiuti tossici dei detersivi che usiamo in casa;

-l'ambiente casa: pochi sanno che esiste e continua ad aumentare l'inquinamento domestico dovuto al largo uso di prodotti chimici quali deodoranti, sbiancanti, candeggine, prodotti specifici per pulizie di ogni cosa. 

Un uso sbagliato, o eccessivo dei detersivi può contribuire all'inquinamento del pianeta. 
È certamente possibile cambiare in meglio, e contribuire così alla salute del nostro pianeta, inserendo qualche piccolo accorgimento nelle nostre abitudini quotidiane .

Di seguito qualche breve indicazione per fare alcuni detersivi in casa, spendendo meno e contribuendo alla salute del nostro pianeta.

Sapone liquido base 
·Mettere a sciogliere in 150 ml di acqua tiepida, 6 cucchiai di sapone di Marsiglia in scaglie, si ottengono 180 ml di pasta molle, alla quale aggiungerete 1 succo di limone e 180ml di acqua distillata, frullate il tutto.

Detersivo Piatti 
Al sapone liquido base aggiungere: 
1 cucchiaino di olio essenziale di limone
1 cucchiaino di chiodi di garofano
Si utilizza sulla spugna bagnata come un normale detersivo per i piatti , e si risciacqua con acqua calda. Non fa schiuma perché ci sono pochi tensioattivi.

Detersivo per pavimenti 
Al sapone liquido base aggiungere: 
1 cucchiaino di olio essenziale di limone
2 cucchiai di ammoniaca 
Si ottiene un ottimo detersivo da utilizzare come sgrassante e disinfettante per la cucina e il bagno. 

Sapone per lavastoviglie 
Ingredienti: 
3 limoni 
400 ml di acqua
200 gr di sale
100 ml di aceto bianco 
Procedimento:
Tagliare i limoni in 4-5 pezzi togliendo solo i semi e mantenendo la buccia (è più facile se tagliate il limone a rondelle). Frullarli con un mixer insieme ad un po' di acqua e al sale.
Mettere la poltiglia in una pentola, aggiungere tutta l'acqua e l'aceto e far bollire per circa 10 minuti girando con una frusta perché non si attacchi.
Quando si è addensato e un po' raffreddato mettere in vasetti di vetro e usarne due cucchiai da minestra per la lavastoviglie.


Pin It
Accedi per commentare

Manuale a uso dei bambini che hanno genitori difficili

Con molto humour Jeanne Van den Brouck, pseudonimo dietro il quale si nasconde una psicoanalista parigina, cerca tutte le situazioni familiari in cui possono incappare i bambini di ogni età, attraverso le quali essi devono costruire la propria personalità e “educare” i loro genitori difficili.

Un estratto:
In breve bisogna aiutare quanto più si può la maturazione dei genitori; in caso contrario saranno soltanto dei “grandi” sempre più decrepiti ma non diventeranno mai adulti. Sembra siano i figli adolescenti quelli che si accollano più volentieri questa parte del lavoro educativo. Si tratta essenzialmente di scuotere le strutture sclerotiche nelle quali i genitori tendono a rinchiudersi appena cessano di venir stimolati. Per permettere ai genitori di conservare l’agilità necessaria, il figlio diventa allora fonte di difficoltà permanenti a tutti i livelli: affettivo, morale, intellettuale, materiale. Il lavoro è enorme, spossante e impegna tutta l’energia del figlio. In molti casi si rivela anche deludente: spesso i genitori non si rendono conto degli sforzi compiuti per loro e non mostrano alcuna riconoscenza. A volte si ribellano, o reagiscono con atteggiamenti quasi paranoici. Soltanto i figli pronti a pagare di persona dovranno dunque intraprendere un lavoro tanto ingrato.

autore: Jeanne Van den Brouck (tradotto da A. Vittorini)

editore: Cortina Raffaello

Che forza papà!

Un gruppo di vivaci bambini conversando tra loro riflettono su quanti tipi di papà ci sono al mondo.

Dai loro racconti viene fuori che le tipologie sono le più variegate; ci sono papà che lavorano vicino e quelli che lavorano lontano, quelli che aggiustano automobili e quelli che "aggiustano" animali. Quelli che fanno la spesa, quelli forti, quelli coraggiosi, quelli che sanno fare tutte le faccende domestiche. Poi c'è chi ha due papà, quello biologico e quello di "cuore", ci sono papà che si frequentano tutto l'anno, altri solo nei fine settimana o nel periodo delle vacanze; alcuni singoli altri doppi...

Sarà Mario, che ha un papà single, ad aiutarli a capire che, quale che sia la tipologia del proprio papà, è importante ed unico il forte legame che unisce un padre al proprio bambino.

Una tenera storia da leggere insieme ai bambini, priva di stereotipi, piena d'ammirazione per i diversi tipi di papà, e che fa certamente sorridere e riflettere.

autore: Autore Isabella Paglia - Illustratore Francesca Cavallaro

editore: Fatatrac

Ti mangio!

Mentre si avventura in bici per i boschi, insieme alla sorella Sara, il piccolo Leo viene inghiottito all’improvviso da un grande e pelosissimo mostro: il temibile INGHIOTTONE dei BOSCHI!

Sara, senza perdersi d’animo, si lancia all’impazzata sulla sua bicicletta in un’operazione di soccorso ma proprio mentre sta per raggiungerlo, quel tondo mostro vorace viene inghiottito a sua volta da un mostro ancora più grande: un enorme GNAMMETE ALATO! Sara non si dà per vinta, accelera sulla sua bicicletta, ma mentre sta per raggiungere lo Gnammete Alato, un gigante ACCHIAPPONE MARINO balza fuori dal mare e se lo pappa in un sol boccone!

Ma non può immaginare che un mostro ancora più grande, il celebre SLURPANTE SPINATO, abbia già messo gli occhi su quell’enorme e prelibato... ehm... bocconcino marino!

Come farà Sara a tirar fuori Leo da tutte quelle voraci fauci?! E sembra non esserci mai fine, perché ecco balzar fuori perfino un immenso e affamatissimo ZOMPONE DAI DENTI A SCIABOLA!

Ora basta! Bisogna intervenire! E con astuzia e intraprendenza i due fratellini riusciranno a trovare una soluzione davvero geniale! I mostri, anche quelli più grandi, sono avvisati: mai sottovalutare l’intelligenza, la fantasia e la furbizia dei bambini!

Il libro, TI MANGIO! di John Fardell, edito in Italia dal Castoro, ha vinto come Miglior libro nella sezione “Crescere con i libri” nell’ambito della 4^edizione del premio Nazionale Nati per Leggere (Miglior libro per bambini tra i 3 e i 6 anni, relativo al tema "Il coraggio"), con la seguente motivazione:

Per la scintillante inventiva che dimostra come chi ha coraggio sa tenere gli occhi ben aperti sulla realtà senza chiudere quelli della fantasia.

 

autore: John Fardell

editore: Il Castoro