Per Natale regala un gesto d’amore

Natale è arrivato. Natale, la festa che nelle tradizioni popolari è sinonimo di gioia e allegria, puntuale come ogni anno, ci immerge in un mare scintillante di luci, suoni, colori, addobbi variopinti e corsa all'abbondanza. E così, colmi di buoni propositi, ci scambiamo auguri e aneliamo un futuro migliore, inconsapevoli e forse no, del contrasto evidente tra il nostro presente e buona parte del resto del mondo. 


Altrove migliaia di bambini muoiono vittime della guerra, della fame e delle malattie, non ci sono tavole traboccanti, leccornie, né alberi sommersi di regali costosi e spesso inutili. 
Quest'anno, dunque, tra lucciole e pacchettini prodotti di un consumismo sempre più dilagante, vorremmo augurare a voi e a noi: un natale diverso. 
Un natale all'insegna della solidarietà e che boicotti il consumismo. Come? 
Acquistando i prodotti equo solidali ed equo sostenibili (Il Commercio Equo e Solidale promuove giustizia sociale ed economica, sviluppo sostenibile, rispetto per le persone e per l'ambiente), oppure sostenendo una delle tante associazioni, senza fine di lucro, che hanno come obiettivo la tutela dei diritti umani, dell'infanzia, il disarmo. 

Ricordiamo che le associazioni spesso partecipano ai mercatini di natale cittadini. Di seguito alcuni esempi.

I negozi ed i mercatini di "Altromercato" trattano prodotti provenienti dai paesi in via di sviluppo, dagli articoli per addobbare la casa fino ai cestini natalizi intrecciati dagli artigiani del sud del mondo. 
www.altromercato.it 

La Vidas, che si occupa di assistenza gratuita ai malati terminali, suggerisce come regali libri singolari che potrai ricevere anche a casa. 
www.vidas.it 

L'Unicef anche quest'anno lancia l'iniziativa "Adotta una pigotta": per tutto il mese di dicembre, in oltre 500 piazze, con una donazione minima di 20 euro sarà possibile adottare una delle migliaia originali Pigotte e garantire così a un bambino della Guinea Bissau un kit di aiuti salvavita. 
www.unicef.it 

Il Telefono Azzurro nel suo sito ha a disposizione una vasta scelta di biglietti natalizi e articoli per la scuola. 
www.azzurro.it 

L'associazione "Albero della vita", che si occupa di infanzia, oltre ai regali natalizi ha a disposizione anche una vasta scelta di bomboniere per ogni occasione. 
www.alberodellavita.org 

Acquistando la candela di Amnesty International contribuirai a dare speranza a tutte le persone che vedono i propri diritti violati ogni giorno. 
www.amnesty.it 

I gadget di Emergency contribuiscono ad offrire assistenza medico-chirurgica gratuita, di elevata qualità, alle vittime civili delle guerre, delle mine antiuomo e della povertà. 
www.emergency.it 

Una donazione a MSF. I Medici Senza Frontiere prestano la loro opera di soccorso alle popolazioni in situazioni di pericolo, alle vittime delle catastrofi di origine naturale o umana, alle vittime della guerra, senza discriminazione alcuna. 
www.msf.it 

Save the Children sviluppa progetti che consentono miglioramenti sostenibili e di lungo periodo a beneficio dei bambini, lavorando a stretto contatto con le comunità locali; porta aiuti immediati, assistenza e sostegno alle famiglie e ai bambini in situazioni di emergenza, createsi a causa di calamità naturali o di guerre; parla a nome dei bambini e promuove la loro partecipazione attiva, intervenendo per far pressione su governi e istituzioni locali, nazionali ed internazionali. 
Propone diverse idee regalo: 
www.savethechildren.it 

E ancora buone idee possono essere: 
- Regalare o regalarsi un sostegno a distanza. 
- Aiutare gli animali con un sostegno a distanza; di un cane, un gatto, ma anche di animali esotici come un panda o una tigre, tramite il WWF, la Lav, l'Enpa. 
- Fare una donazione all'Avis, ai Vigili del Fuoco, alla Protezione Civile o alla casa di riposo vicino casa. 

Per Natale regala un gesto d'amore.

Pin It
Accedi per commentare

1940-1945 Gioele, fuga per tornare

Un viaggio a ritroso nel tempo, basato su documenti originali e su frammenti di memoria, dove l'autore Giulio Levi, trova la forza di ritornare alla sua infanzia per raccontare ai bambini di oggi, sono passate due generazioni, la storia della sua famiglia; siamo negli anni bui che vedono le leggi razziali applicate anche in Italia.

Leggi tutto...

Desiderare un figlio, adottare un bambino

L'adozione di un bambino è una scelta complessa ed articolata che inizia dal desiderio di prendersi cura di un figlio nato da altri. Il nostro lavoro, che ci mette in contatto quotidianamente con questa realtà, ci ha fornito uno spazio privilegiato di osservazione, e ci ha indotte a riflettere su quale ruolo possano svolgere i servizi per sostenere le famiglie adottive. Abbiamo cercato di dare voce a tutti i protagonisti dell\'adozione: i genitori, i bambini, gli operatori, gli insegnanti e gli educatori delle case-famiglia, proponendo una chiave di lettura in cui ognuno possa ritrovare un terreno di confronto e trasformare le peculiarità in risorse.

Autore: Simonetta Cavallie Maria Cristina Aglietti

Editore: Armando

Pane e cioccolato

Nina e Susi sono amiche del cuore, stanno molto bene insieme e hanno molte cose in comune, tranne…il colore della pelle. A scuola tutte le chiamano pane e cioccolato.

Nina sogna una principessa color cioccolato, proprio come lei, ma ha paura di essersi sbagliata perché i suoi compagni dicono che è impossibile: non esiste qui una principessa così. E anche a casa, nel libro di fiabe della mamma, una principessa nera non si trova. Così mamma e papà, insieme alla sua amica Susi organizzano una caccia alla principessa color cioccolato, fanno una spedizione in biblioteca e scoprono che fra le pagine di un libro c'è Akira, una principessa africana, bella e anche coraggiosa.

Questa è l'incantevole storia di una bambina nera, che esprime il suo senso di estraneità in mezzo a gente dalla pelle "bianca come la panna".

Per affrontare un tema delicato come le diverse identità e le varie peculiarità somatiche, è molto utile la chiave di lettura per gli adulti a cura di Mariateresa Zattoni, inserita alla fine del libro, scritto da Lodovica Cima.

Età consigliata dai 6 agli 8 anni

Il libro è inserito all'interno della collana "Parole per dirlo" edita da San Paolo Edizioni, rivolta ai bambini di 6-8 anni. Non sempre è facile trovare le parole giuste per spiegare ai bambini alcuni eventi della vita, situazioni difficili che si incontrano in famiglia, a scuola o con gli amici. Il modo migliore è quello di raccontare loro una storia che gli aiuti a capire ed accettare la novità.

Lodovica Cima vive e lavora a Milano, dove si è laureata in Letteratura italiana comparata alla Letteratura inglese. Ha due figli. Da più di quindici anni lavora nell'editoria per ragazzi, dapprima come redattrice in case editrici librarie (Signorelli, Vita e Pensiero, Cetem, De Agostini, Giunti, PBM Editori) e poi, dal 1996 come autrice/progettista e consulente editoriale. Ha creato e diretto per nove anni la collana di narrativa per ragazzi "La giostra di carta" per Bruno Mondadori Editore. Insegna al Master per L'Editoria istituito dall'Università degli studi di Milano e dalla Fondazione Alberto e Arnoldo Mondadori. Partecipa a giurie di premi letterari riservati ai ragazzi e scrive, oltre a romanzi e fiabe che si trovano in libreria, anche testi scolastici e parascolastici.

Francesca Carabelli, autrice delle illustrazioni, è nata a Roma nel 1969. Ha iniziato la sua attività artistica nel campo dell'animazione e successivamente si è dedicata all'illustrazione per l'infanzia. Ha partecipato a diverse mostre e concorsi. Ha pubblicato i suoi lavori con varie case editrici.

Intervista all'autrice: Lodovica Cima

autore: Lodovica Cima - Illustrazioni Francesca Carabelli

editore: San Paolo Edizioni, 2009