L'adolescente e la sua tana. Bussare prima di entrare!

Non c'è niente da fare, prima o poi ci passiamo tutti e bisogna abituarsi alla nuova realtà: quella piccola creatura che sino a qualche mese prima pendeva dalle nostre labbra, improvvisamente prende le distanze, preferisce trascorrere il suo tempo con i coetanei, non vuole avere niente a che fare con noi e con quelli della nostra generazione. 

Ora non siamo più noi il fulcro della sua vita, i suoi amici hanno preso tutto lo spazio e occupano gran parte del suo quotidiano, tanto che molte delle attività che d'ora in poi svolgerà il vostro adolescente gli saranno state suggerite dagli amici. Questo è il suo modo di costruire la sua identità e a volte avrete l'impressione che per farlo abbia bisogno di cancellarvi dalla sua vita.

Anche se da piccolo vostro figlio o vostra figlia era in grado di tenere in ordine la propria camera da letto, tra i dodici e i diciotto anni tenderà a mettere in discussione le regole e l'organizzazione familiare, la sua stanza diventerà il riflesso di ciò che sta vivendo dentro la sua testa. Non riordinare la stanza è per lui un modo per delimitare il territorio e dirvi "Non entrate!". A questo punto un po' di disordine diventa comprensibile, quindi non esagerate imponendogli l'ordine, soprattutto non fatelo in modo radicale o senza scendere a compromessi.

Non riordinate la stanza al suo posto, soprattutto non fatelo quando non è in casa, potrebbe viverla come un'intrusione; bussate alla sua porta ed aspettate prima di entrare. Comportandovi in questo modo gli farete capire che rispettate la sua intimità e che prestate attenzione alle sue attuali preoccupazioni.

E anche quando sbatterà la porta della sua camera chiudendosi dentro e lasciandovi fuori, restate nei paraggi, ha comunque bisogno di voi per crescere.

Una volta che la porta è chiusa ci trascorrerà ore interminabili: certo, meglio lì dentro piuttosto che in giro per strada, ma quante volte ci siamo chiesti che cosa fanno tutto quel tempo chiusi lì dentro...

La stanza diventa così la sua tana. Le camere delle ragazze sembrano essere leggermente più ordinate, e soprattutto un pochino più pulite rispetto a quelle dei ragazzi. Ed ecco che la vostra vita sembra diventare monotematica al suono di "Metti in ordine la tua stanza, butta via le cartacce…" immaginando che da qualche parte ci sia un pezzo di panino dimenticato che sta già ammuffendo!

La sua stanza diventa un vero campo di battaglia fra noi e loro, ma non dovremmo preoccuparcene perché come dice Giovanni Bollea neuropsichiatra infantile:"…il disordine della camera dell'adolescente rispecchia il dramma della transizione della crescita. Un genitore dovrebbe spaventarsi di più quando non c'è, che quando c'è!"

Ma perché è cosi difficile tollerare il disordine nella camera degli adolescenti? 

Per prima cosa, per i genitori è estremamente difficile comprendere come mai il loro adolescente, che pur avendo molto tempo da dedicare alla cura di se stesso e dello spazio che lo circonda, si dimostri così negligente nei confronti della camera da letto. 
A maggior ragione quando la stanza è il luogo dove fanno anche i compiti e potrebbe essere salutare per loro riordinare per ristabilire ordine nelle loro idee.

Pascale Roux, psicologo francese, nel suo libro "Les ados: le mystère expliqué", spiega che spesso i genitori sono molto spaventati dal disordine che dilaga nelle camere dei propri adolescenti, perché "hanno soprattutto l'impressione che il disordine esteriore dei propri figli possa in qualche modo corrispondere a un disordine interiore" .

Ma sino a quando il caos nella loro stanza non li infastidisce, non serve urlare, implorare o promettergli dei soldi perché mettano in ordine.
Chiudete la porta per non farvi aggredire dal caos e portate pazienza.

La stanza è la stessa che occupano da quando sono piccoli, ma crescendo diviene la loro zona franca e nonostante voi siate i proprietari di casa, se loro non vogliono, voi non potete entrare. 
Si trasforma nel loro angolino dove possono nascondere i segreti e sognare ad occhi aperti. Come dice Marcel Rufo, professore di psichiatria infantile; "La camera di un adolescente, è anche un luogo per giocare, per la sessualità, di apertura al mondo, soprattutto se c'è un computer. E' anche un luogo segreto dove può nascondere il suo diario dietro un mobile. Paradossalmente, la stanza di un adolescente è un luogo per evadere senza uscire di casa."

Infine la camera è il luogo dove gli adolescenti possono annoiarsi, ascoltando magari sempre la stessa canzone, a piccole dosi, l'ozio aiuta a sviluppare l'immaginazione, la creatività, e la conoscenza di sé, quindi non pensiate che stanno perdendo il loro tempo.

Dunque, fermo restando che nella maggior parte delle camere degli adolescenti vige il caos, e che rimproverarli in continuazione è controproducente, vi proponiamo di seguito un decalogo dell'ordine, stilato da Jim Fay, fondatore del Love and Logic Institute, un centro di consulenze familiari:

1- Ragionate con i ragazzi: se la camera è in ordine, sarà più facile vestirsi, studiare e giocare
2- Fissate una scadenza: la camera deve essere in ordine ogni giorno entro una certa ora
3- Stabilite conseguenze: le la scadenza non viene rispettata togliete loro qualcosa
4- Gratificateli: Se mettono in ordine volontariamente la camera ringraziateli
5- Aiutateli a organizzarsi: mettete etichette su dove va riposta la roba
6- Non pretendete che la loro stanza sia più in ordine della vostra
7- Non fate minacce che sapete di non poter mantenere
8- Non lasciate accumulare nella loro stanza troppe cose inutili
9- Non cercate né accettate scuse per il loro comportamento inaccettabile
10- Non fate la ramanzina e non lamentatevi


Bibliografia:
Pascale Roux "Les ados: le mystére expliqué" Ed. Favre
Giovanni Bollea "Genitori grandi maestri di felicità" Ed. Feltrinelli
Jim Fay, fondatore del Love and Logic Institute http://www.loveandlogic.com/
Intervista a Marcel Rufo su www.Cotemaison.fr "Oui, l'adolescent doit être libre dans sa chambre"
http://www.cotemaison.fr/chambre-et-bureau/marcel-rufo-oui-l-adolescent-doit-etre-libre-dans-sa-chambre_6562.html

Pin It
Accedi per commentare

mario ha risposto alla discussione #2 07/03/2016 18:24
bell'articolo, m'è piaciuto molto
qualcosa già lo attuavo, altro devo attivare un fine tuning
da quel che sento c'è profonda ignoranza su come relazionarsi con gli adolescenti, in particolare con i giovani ragazzi maschi
laseiv ha risposto alla discussione #3 08/03/2016 17:54
"Chiudete la porta per non farvi aggredire dal caos e portate pazienza."
io sono in questa fase
e non pulisco, riordino o altro

il decalogo finale l'ho trovato più adatto a un bambino (etichette come sui quaderni di prima elementare????) che non ad un adolescente
gratifichiamoli gli adolescenti, concordo, ma per cose più rilevanti di una camera in ordine
cnadia ha risposto alla discussione #4 09/03/2016 16:01

laseiv ha scritto: "Chiudete la porta per non farvi aggredire dal caos e portate pazienza."
io sono in questa fase
e non pulisco, riordino o altro

il decalogo finale l'ho trovato più adatto a un bambino (etichette come sui quaderni di prima elementare????) che non ad un adolescente
gratifichiamoli gli adolescenti, concordo, ma per cose più rilevanti di una camera in ordine

Io invece sto seriamente pensando alle etichette, ma non solo per l'adolescente e il quasi pubere, ma anche per l'ormai ultra-quarantenne... Non che io sia una persona ordinata, ma non ne azzeccano una, voglio dire se devi mettere via le cose, mettile al loro posto no? Non parlo solo della camera dei ragazzi, ma di tutta la casa: sto seriamente pensando in quella nuova di mettere delle etichette carine ovunque per indicare il contenuto, anche in cucina, bagno ecc
mario ha risposto alla discussione #5 09/03/2016 16:31

cnadia ha scritto:

laseiv ha scritto: "Chiudete la porta per non farvi aggredire dal caos e portate pazienza."
io sono in questa fase
e non pulisco, riordino o altro

il decalogo finale l'ho trovato più adatto a un bambino (etichette come sui quaderni di prima elementare????) che non ad un adolescente
gratifichiamoli gli adolescenti, concordo, ma per cose più rilevanti di una camera in ordine

Io invece sto seriamente pensando alle etichette, ma non solo per l'adolescente e il quasi pubere, ma anche per l'ormai ultra-quarantenne... Non che io sia una persona ordinata, ma non ne azzeccano una, voglio dire se devi mettere via le cose, mettile al loro posto no? Non parlo solo della camera dei ragazzi, ma di tutta la casa: sto seriamente pensando in quella nuova di mettere delle etichette carine ovunque per indicare il contenuto, anche in cucina, bagno ecc


il mio sogno :cheer: nel box l'ho realizzato: quasi tutti i cartoni hanno un bel cartello che comunica cosa c'è dentro B)
matita ha risposto alla discussione #6 11/03/2016 11:05

laseiv ha scritto: "Chiudete la porta per non farvi aggredire dal caos e portate pazienza."
io sono in questa fase
e non pulisco, riordino o altro

il decalogo finale l'ho trovato più adatto a un bambino (etichette come sui quaderni di prima elementare????) che non ad un adolescente
gratifichiamoli gli adolescenti, concordo, ma per cose più rilevanti di una camera in ordine


concordo ....
sulla pulizia, avendo aiuto mercenario, mi limito a dire domani viene P. se volete che le vostre camere siano pulite, togliete la roba in giro e fatelo per rispetto di quella povera donna che non potrà fare nulla con quel casino

per il discorso di rispettare i suoi spazi, lo faccio e l'adolescente femmina passa ore in camera sua ... al piccolo ogni tanto qualche bliz lo faccio, perchè lui si rintana a giocare con cell/ipad per ore e bisogna dargli un freno.
teresina ha risposto alla discussione #7 21/03/2016 14:37
La tana di un'adolescente è ovunque, perché l'adolescente è come una tartaruga, la sua tana vive in lui e tu molto spesso non ci puoi accedere. L''adolescente è tana di se stesso, la stanza una propaggine.
Non ci puoi accedere neanche verbalmente se vuoi sapere qualcosa.
Sovente:
Scocciati
Urtati
Stanchi (solo per gli adulti)
Aggressivi
Saccenti
Supponenti
Polemici all'ennesima potenza

Si trasformano in un attimo in un essere che non corrisponde a quello che fino ad un momento prima credevate vostro figlio.
Questo scatena in ogni genitore le più disparate emozioni e reazioni.
Io mi sono scoperta allergica in questo periodo :S
teresina ha risposto alla discussione #8 21/03/2016 14:39
....tutto questo nonostante voi rispettiate spazi, tempi, umori.....e quant'altro.
Spesso i tentativi di far dialogo si trasformano in un urticante botta e risposta.

Certo ....è l'adolescenza....ma anche agli sbalzi ormonali c'è un limite, un limite alle rispostacce, alla polemicità

Si vede che vengo da una domenica delle palme indimenticabile? :sick:
mario ha risposto alla discussione #9 23/03/2016 17:00
ho dichiarato che sono d'accordo a rispettare la tana dell'adolescente, ok

se però la tana dell'adolescente ospita anche l'unico pc collegato ad una stampante...e capita di doverlo usare...non è carino mettersi alla scrivania mentre per tutta la cameretta è scoppiato il maracanà :sick: io ho un fastidio fisico

è capitato di dover usare quel pc, e c'era anche un amico di mia figlia n°1 che ci doveva aiutare a risolvere un problema su quel pc, una persona per niente intima insomma

cito "nun sia mai venga quarcuno..." di brignaniana memoria...

mentre i ragazzi stavano sul pc, in cinque minuti ho messo pantaloni e felpe su una sedia ed ho rifatto il letto, diciamo che la cameretta ha ripreso un decoro minimo :whistle:

boh...non lo so mica se tutto questo rispetto sacrale della tana dell'adolescente sia cosa positiva oppure no :whistle:

Il viaggio di Caden

“Quando tocchi il fondo puoi solo risalire”

 

“Il viaggio di Caden” è un romanzo commovente, ma anche divertente, un vero inno alla vita, che racconta la discesa negli abissi della mente del giovane protagonista, Caden, un ragazzo come tanti, affetto da schizofrenia.

Leggi tutto...

La mia mamma guarirà

Questa è la storia di Alvise un bambino di sei anni e della sua mamma Maria.

Alvise racconta di alcuni episodi di vita quotidiana, l'insorgenza e la progressione della malattia della mamma. Quando la mamma ha i primi malori, Alvise è ancora piccolo e va in prima elementare, quindi vede solo i sintomi, non riesce a collegare fra loro i singoli eventi, ma ascolta con interesse e timore le parole dei genitori e dei medici.

Leggi tutto...

Città blu città gialla

 

Città Blu e Città Gialla sono vicine e separate solo da un fiume. Una è famosa per i suoi ombrelli variopinti, l’altra per i calzolai che fabbricano scarpe eccezionali.

Gli abitanti hanno sempre vissuto in pace e un ponte permette agli abitanti di passare da una sponda all’altra e tutti andavano d’accordo, finché un giorno non decidono di ridipingere il vecchio ponte che collega le due città: già, ma di quale colore?

Leggi tutto...