Educare alle differenze contro gli stereotipi

"Non piangere che sei un ometto!"
"Stai composta!"
"Mio figlio gioca con le bambole mi devo preoccupare?"
"Le bambine sono più pettegole, i maschi più irruenti."

Fin dalla scuola materna i bambini e le bambine sono sottoposti a un martellamento di questo tipo, ed è quasi inevitabile adeguarsi, almeno esternamente. Tutto ciò si evidenzia nei giochi, in famiglia, e più tardi, nella scuola. L'istruzione e l'educazione, infatti, sono ancorate da sempre alla trasmissione di stereotipi e pregiudizi di cui sono colmi i libri di testo e i contesti educativi.

Gli stereotipi rappresentano giudizi schematici che rendono indifferenziato il proprio ruolo all'interno di un gruppo o categoria e ne immobilizzano i ruoli, rendendo indistinguibili desideri, modi di pensare o di essere.(1) Ad esempio, nei libri scolastici I bambini sono rappresentati per lo più in attività all'aria aperta, le bambine entro le mura domestiche. La disobbedienza, l'intraprendenza sono considerate tollerabili nei maschietti mentre sono caratteristiche negative nelle bambine. I ragazzi emotivi, paurosi, sensibili vengono chiamati "femminucce". Gli stereotipi, infatti, colpiscono anche il mondo maschile: così come le ragazze e le donne sono viste sempre come angeli del focolare o oggetti di seduzione, gli uomini risentono di una schematizzazione altrettanto rigida: sono rappresentati come manager, uomini in carriera o di potere, con un aspetto forte e vincente.
I bambini assorbono questi modelli e vi si adattano fin dalla più tenera età. Non si salva quasi nulla neppure nella letteratura per l'infanzia e l'adolescenza, nelle riviste, non solo nei classici, ma anche nei fumetti più recenti.
Questa è una gabbia da cui non si esce facilmente, i ruoli sono immutabili e dato che ci viviamo dentro sembra impossibile uscirne: ci adattiamo, quando sentiamo dire che le donne non sono razionali, e dunque non sono portate per la tecnica o la matematica, o che sono emotive e sono più capaci di capire le emozioni rispetto agli uomini, amplificando un aspetto che è solo culturale: ragionare per schemi non fa che frustrare i singoli individui, che inevitabilmente possono non riconoscersi in figure generali e standardizzate ma a cui spesso ci si adegua per convenzionalità.

Cosa è natura, cosa, invece è culturale? La bambina fin da piccola si specchia nella mamma: ne imita i gesti, i comportamenti, assorbe le parole che non sempre si accordano con i pensieri che a loro volta risentono di condizionamenti da cui è difficile liberarsi. La stessa cosa vale per il bambino; da sempre i maschietti sono incoraggiati ad essere più intraprendenti, ma anche loro si adeguano alle etichette confezionate, quando sentono le mamme che ironiche e fiere nello stesso tempo dicono: "ma è un maschio, cosa possiamo aspettarci da lui?"
Già, cosa possiamo aspettarci? Sono discorsi che non fanno che perpetuare queste schematizzazioni e rendono più difficile un effettivo cambiamento. Nessuno vuole negare che queste caratteristiche siano effettivamente osservabili in famiglia o a scuola, solo che non sono affatto innate.
Infatti la maggior parte delle ricerche sulle differenze sessuali mancano di rigore scientifico ed epistemologico in quanto gli stereotipi influenzano i risultati stessi; questo è evidenziato dal fatto che le differenze nelle attitudini scompaiono proprio nei paesi in cui si è raggiunta una parità di diritti e di suddivisione dei compiti(2).

Educare alla differenza rispettando quelle che sono le vere inclinazioni individuali, al di fuori di quello che ci si aspetta dal ragazzo o dalla ragazza vuol dire predisporre un tessuto culturale libero da condizionamenti, insegnare a riconoscere i modelli preconfezionati, sviluppando un senso critico che ne prenda le distanze, eventualmente, anche se non vanno demonizzati, l'importante è non esserne vittime inconsapevoli(3). Senza tornare sulle ovvie considerazioni della pubblicità e del mercato, i quali, si sa, non fanno che rispecchiare l'ambiente circostante e riproporre i vecchi schemi culturali di sempre, occorre che la scuola e l'educazione per prime attualizzino i libri di testo: presentare bambine e bambini in tutte le attività ludiche e sportive, proporre donne e uomini in tutti i campi lavorativi; offrire agli alunni contenuti in cui appaia in modo esplicito il contributo storico delle donne allo sviluppo economico, sociale e culturale dell'umanità, focalizzandosi sulla descrizione di tutte le attività umane e non solo di quelle orientate alla realizzazione di un prodotto economicamente redditizio. (4)

Solo un'attenta educazione alle differenze può innescare un meccanismo virtuoso che fa bene non solo alle donne e alle ragazze, ma anche ai futuri padri. Le forme di conciliazione, infatti, falliscono se non sono accompagnate da mutamenti culturali: le leggi sui permessi di paternità ottengono risultati sempre modesti, soprattutto a causa delle culture e comportamenti secolari che li ostacolano, dato che si stenta a legittimare socialmente e culturalmente quelli che sanno rendersi più liberi dallo stereotipo della maschilità tradizionale. Come sono visti nelle aziende i lavoratori che osano fare i padri davvero? Cambiare modo di pensare è il primo passo per aiutare i nostri bambini e le nostre bambine a essere più liberi di essere se stessi e nello stesso tempo creare una società migliore in cui prendersi cura dei bambini, e più in generale delle persone, diventi un valore universale e non soltanto femminile.


Bibliografia

(1) Rosaria Longo, Donne e lavoro Bonanno editore, 2006
(2) Raffaella Rumiati, Donne e Uomini , il Mulino 2010
(3) Barbara Mapelli, Rosa$Azzurro. Genere, differenza e pari opportunità nella scuola Genere e generazioni a cura di Chiar Serra, Rosenberg &Sellier, 2003
(4) V. Burr, Psicologia delle differenze di genere, il Mulino, Bologna 2000

Pin It
Accedi per commentare

TANDEM, due storie che viaggiano insieme

Si dice spesso che il piacere di leggere cresce leggendo. All'inizio però non sempre le cose sono facili per i piccoli lettori alle prime armi. Diventa quindi fondamentale aiutare i bambini a non spaventarsi davanti ad un libro facendo in modo che invece ne siano attratti sentendo il desiderio di toccarlo, sfogliarlo, leggerlo. Impareranno così che i libri sono contenitori di emozioni che aiutano a fantasticare e noi saremo riusciti a trasmettere il desiderio e il piacere della lettura.

Leggi tutto...

Guida al consumo critico

"Il consumo critico e grandi campagne di sensibilizzazione hanno indotto varie imprese a imboccare la strada della responsabilità sociale e ambientale. Ma ancora troppe continuano a violare i diritti umani, sfruttando i piccoli produttori del sud del mondo, volendo imporre gli organismi geneticamente modificati, sostenendo regimi oppressivi, finanziando guerre, rifornendo eserciti. Ecco la necessità di informarci per fare sentire alle imprese tutto il nostro peso di consumatori che dicono no a comportamenti irresponsabili. Questa guida aiuta a stabilire su quali prodotti far ricadere le scelte d’acquisto, per indurre le imprese a comportamenti migliori, perché il consumo ha su di esse potere di vita o di morte."

Autore: Centro Nuovo Modello di Sviluppo
Editore: EMI

Insegnare a vivere. Manifesto per cambiare l’educazione

Una grande Riforma dell’educazione o meglio una vera e propria METAMORFOSI (ultima parola del libro) quella  che auspica il grande pensatore contemporaneo Edgar Morin,  oggetto di analisi anche nei suoi due precedenti saggi:  La testa ben fatta e I sette saperi necessari all’educazione del futuro. 

Partendo dalla massima di Rousseau nell’Emilio: “Vivere è il mestiere che voglio insegnargli”,  Morin si richiama anche alla tradizione filosofica greca che insegnava la saggezza della “vita buona” e lo fa proprio  perché individua nell’umanità odierna l’assunzione di un modello di pensiero legato al dominio, alla conquista di potere, all’individualismo sfrenato,  ad un sapere fatto a compartimenti stagni che determina  una iper-specializzazione  che fa perdere la visione d’insieme e ci conduce al mal-essere, all’incomprensione che regna nelle relazioni tra umani.

 

Leggi tutto...