I piccoli lettori crescono

La maggior parte dei genitori lettori ha trascorso gran parte del tempo con i figli leggendo loro storie, libri, creando momenti piacevoli e unici nella speranza che i bambini e le bambine seguissero la loro passione. 

In effetti quasi tutti sanno che leggere ai bambini fin dalla prima infanzia è uno stimolto grandissimo affinché crescendo diventino poi buoni lettori, ma certo non è sufficiente e a volte neppure necessario. Tutti quelli che hanno più di un figlio sanno che, mentre hanno trascorso molto tempo con il più grande leggendo, spesso si lasciano prendere dai sensi di colpa perché non altrettanto tempo hanno speso con quelli più piccoli; in presenza di molti figli, poi, capita che la possibilità di leggere loro libri sia quasi nulla. 
Eppure non è affatto detto che i secondogeniti o i terzogeniti abbiano meno probabilità di diventare buoni lettori. Leggere ai bambini aiuta certamente, ma non è tutto. Lo sanno bene i genitori di adolescenti che si lamentano delle (mancate) letture dei figli, rimpiangendo i tempi d'oro dell'infanzia. 

Ma quando si inceppa il meccanismo che fa passare da bambini lettori a ragazzi che non leggono (più)? Non so, però è naturale che le imposizioni non funzionino con i ragazzi, inoltre, non si possono amare le cose imposte, quasi sempre i ragazzi che amano leggere si scelgono da sè i libri. 

Fin da piccolì la cosa migliore è creare degli appositi scaffali alla loro portata con libri tematici, anche plastificati, con molte figure, che possono smangiucchiare, rompere, buttare giù per esserne quasi sommersi. 
Una volta che hanno imparato a leggere, può essere un modo divertente per passare il tempo insieme, andare in biblioteca, dove sempre più sono allestiti appositi spazi per i più piccoli. In questo modo imparano a scegliersi i libri, che non devono mai essere imposti, neppure quando sono più grandi. Lasciamo alla scuola il compito di fornire spunti e titoli, noi limitiamoci ad accompagnarli e lasciamoli scegliere.

Certo è che sceglieranno fumetti, o libri che a noi non piacciono. Evitiamo di dire loro Hai già undici anni e leggi ancora Geronimo Stilton? Qualunque cosa leggano va bene. Non leggeranno come piace a noi, e certo non quello che vorremmo. A volte leggono lo stesso libro decine e decine di volte, mentre quello per la scuola a malapena riusciranno a finirlo. Eppure tutti da ragazzi hanno letto i fumetti, impedire loro di leggerli vuol dire creare sicuramente dei lettori scontenti. 
Lo scrittore Vassalli (1), a questo proposito, ha scritto qualche giorno fa sul Corriere della Sera su come i grandi lettori si siano formati leggendo di tutto, imparando col tempo ad affinare le scelte.

La passione, inoltre, si trasmette anche per imitazione. Quando una cosa ci entusiasma e cerchiamo in ogni modo di farla è probabile che i figli seguano l'esempio. Può sembrare paradossale, ma la televisione non è da proibire, semmai siamo noi che dobbiamo tenerla spenta più spesso per noi stessi per riscoprire un silenzio di letture: se non ci vedono interessati, se vedono che possiamo fare a meno di assopirci passivamente davanti alla tv, si chiederanno perché noi che siamo i loro modelli preferiamo il fascino di un racconto scritto a un telefilm televisivo. Certo non deve essere un'imposizione ma una scelta libera e naturale. Per contro, vedere un film o uno spettacolo insieme può essere fonte di discussione e di spunto. 
Gli atteggiamenti assoluti, come non accendere mai la televisione possono essere controproducenti; meglio vedere insieme un programma e commentarlo, piuttosto. Tu che ne pensi? Cosa ti è piaciuto? Cosa ti ha colpito? L'apprezzare una storia, sentirla raccontare, ravviva la voglia di cercarla e di apprezzarla anche nei libri. In fondo non c'è come proibire una cosa per renderla appetibile, avete mai provato a impedire a vostro figlio di leggere un libro o di nasconderlo perché non adatto? Viceversa, noi lettori e lettrici, quante volte ci siamo nascosti da adolescenti con una lucina sotto le coperte per continuare a leggere oppure ci siamo arrampicati su alti scaffali per raggiungere Lamento di Portnoy o Paura di volare che i nostri genitori cercavano di nascondere?

È stato più volte ribadito che c'è una stretta correlazione tra libri posseduti in famiglia e percentuale di lettori tra i figli, perfino il rendimento scolastico di quest'ultimi è legato al numero di volumi nella biblioteca di casa. Ma non è questo il problema, perché chi vorrebbe che i figli leggessero hanno ovviamente libri in casa, titoli accattivanti, belle copertine attireranno la loro attenzione. Quello che davvero trasmettiamo ai nostri figli sono le passioni sincere; perciò, anche se adesso i nostri bambini pare che si allontanino dai libri, oppure dopo un'infanzia passata ascoltando leggere, ora, da adolescenti, pare siano attratti da altro, non rammarichiamoci, è normale. 
Tutti possiamo avere alti e bassi nella lettura, ma arriva sempre il momento in cui i libri rappresentano un rifugio sicuro, uno svago impagabile. Possiamo stare ragionevolmente tranquilli: se noi amiamo leggere e per noi è un valore, loro lo riscopriranno.


(1)L'articolo di Vassalli sul Corriere.

 

Pin It
Accedi per commentare

Il ritmo del corpo. Muoversi con consapevolezza

Un libro e un percorso sulla consapevolezza del sé, per sintonizzare il proprio corpo e la propria mente con i ritmi interiori e con quelli dell’ambiente che ci circonda attraverso la pratica costante, perseverante e umile del Daoyin Yangshen Gong, la forma del qi gong diffusasi in Cina negli anni 70 al fine di migliorare la salute e acquisire longevità.

Gli autori del libro, uno insegnante di qi gong e operatore tuina e l’altra fondatrice dell’Associazione Culturale ”Centro per lo Sviluppo Evolutivo dell’Uomo”, raccontandoci la propria esperienza personale maturata da contesti diversi, ci conducono passo dopo passo e con estrema chiarezza in questa dimensione caratterizzata da esercizi fisici armonici e rilassanti di estremo beneficio per la nostra salute, ma anche e soprattutto funzionali ad un recupero della capacità del nostro corpo-mente di ascoltarsi lasciando scorrere le energie vitali.

Leggi tutto...

Il ciliegio di Isaac

La storia comincia con un nonno e un nipotino, ma andando avanti nelle pagine la vita di questo bambino, raccontata in prima persona quando ormai lui è diventato adulto, entra in una specie di sogno orribile: è il ricordo di fili spinati dentro un turbine di colori freddi. Fa molto freddo, ci sono neve e fango ovunque, si vede “un lungo inverno che sembra non finire mai”, nei visi tristi, nelle ombre a righe, nelle stelle gialle sopra gli abiti, nelle mani protese in cerca di aiuto, nella ciminiera fumante di un campo di concentramento.Leggi tutto...

Ai bambini piace leggere

"Scegliendo questo libro, avete dimostrato di essere interessati all'amore dei bambini per la lettura... Spero che i miei suggerimenti possano suscitare in voi nuove idee, stimolandovi a sviluppare nuovi metodi che contribuiscano al tentativo di educare i figli alla passione per la lettura."

Lettori non si nasce, lo si diventa, ma, come c'insegna Kathy Zahler, non è detto che il diventarlo debba essere noioso, faticoso o difficile. In questo libro ci presenta cinquanta attività divertenti, facili e pratiche che possono aiutare i banbini a sviluppare un amore duraturo per i libri. Ogni attività è descritta in modo semplice ed esauriente. Le istruzioni spiegano cosa fare, che materiale procurarsi e come incoraggiare i ragazzi a voler sapere sempre di più. Un manuale utilissimo per genitori ed insegnanti.

autore: Kathy A. Zahler (traduzione di A. Zabini)

editore: TEA