Pasta di sale senza glutine

Tutti i bambini adorano manipolare e modellare. La pasta di sale è la soluzione migliore per dare libero sfogo alla fantasia senza spendere troppo.

Facile da fare ed economica, è una sostanza a base di acqua, sale e farina.

 

Di seguito segnaliamo la ricetta per realizzare una “Pasta di sale senza glutine”, tratta dal sito: “Glu.fri cosas varias sin gluten”, perfetta per i bambini celiaci, così che anche se venisse ingerita  non crea nessun problema.

PASTA DI SALE SENZA GLUTINE


Ingredienti

1 tazza di farina di riso
1/2 tazza di amido di mais
1/2 tazza di sale fin
1 cucchiaino di cremor tartaro
1 cucchiaio e mezzo di olio
1 tazza di acqua tiepida
Colorante alimentare vegetale 
In un ciotola mescolare tutti gli ingredienti secchi, poi aggiungere l'olio e l'acqua poco alla volta sempre mescolando.
Trasferire il mix in un pentolino e scaldare l'impasto per 3/4 minuti a fuoco lento sino a che si addensi e si stacchi dalle pareti, girando l'impasto con una spatola costantemente.
Trasferire la pasta ottenuta su un foglio di carta oleata o carta forno e dividerla in 5/6 pezzi.
Lasciare raffreddare prima di lavorala.
Per colorarla fare delle palline con la plastilina e con il pollice formare una fossetta da riempiere con il qualche goccia di colorante alimentare. Chiudere la pallina e impastarla sino a che il colorante affiori in superficie, se necessario usare amido di mais per impastare. La pasta deve essere morbida ma non deve appiccicarsi alle mani,quindi abbondanti con l'amido.
Per conservarla avvolgerla nella pellicola o in sacchettini di plastica.

Un'altra versione senza cottura prevede:

2 tazze di amido di mais
1 e 1/2 tazza di sale
2 cucchiai di xantano
Acqua q.b.
Colorante alimentare
Mescolare tutti gli ingredienti e aggiungere acqua poco alla volta sino a ottenere un impasto simile alla plastilina e piuttosto gommoso.
Suddividerlo e colorarlo con il colorante alimentare.
Conservare avvolto in plastica.

Pin It
Accedi per commentare

La mia mamma guarirà

Questa è la storia di Alvise un bambino di sei anni e della sua mamma Maria.

Alvise racconta di alcuni episodi di vita quotidiana, l'insorgenza e la progressione della malattia della mamma. Quando la mamma ha i primi malori, Alvise è ancora piccolo e va in prima elementare, quindi vede solo i sintomi, non riesce a collegare fra loro i singoli eventi, ma ascolta con interesse e timore le parole dei genitori e dei medici.

Leggi tutto...

Il giardino dei giochi dimenticati

"Giocare non è solo giocare: è cercare (quello che serve per realizzare un'idea), è immaginare (qualcosa che nessuno ha mai fatto), è costruire (un oggetto che sarà per noi indimenticabile)".
In questo manuale i due autori restituiscono a genitori smemorati e a bambini curiosi i giochi che i padri e i nonni facevano per strada e nei cortili: giochi contadini, giochi rari, giochi storici, giochi dimenticati e soprattutto insegnano loro a costruirli con divertenti e dettagliate illustrazioni.

In realtà oltre a essere un libro per bambini è un libro per i loro genitori e per chi continua a essere un po' bambino; raccoglie infatti un patrimonio culturale che ci tramandiamo, e che ricordiamo con nostalgia. I giochi descritti hanno due ingredienti fondamentali: i costi bassissimi di realizzazione e la fantasia. Per dirla con le parole dell'autore: "un bambino rimane piccolo per poco tempo, poi ha tutta la vita per ricordare chi ha passato del tempo a giocare con lui".

Giorgio F. Reali è il fondatore dell'Accademia del gioco dimenticato.

La prefazione è di Stefano Bartezzaghi.

autore: Giorgio F. Reali, Niccolò Barbiero

editore: Salani

Desiderare un figlio, adottare un bambino

L'adozione di un bambino è una scelta complessa ed articolata che inizia dal desiderio di prendersi cura di un figlio nato da altri. Il nostro lavoro, che ci mette in contatto quotidianamente con questa realtà, ci ha fornito uno spazio privilegiato di osservazione, e ci ha indotte a riflettere su quale ruolo possano svolgere i servizi per sostenere le famiglie adottive. Abbiamo cercato di dare voce a tutti i protagonisti dell\'adozione: i genitori, i bambini, gli operatori, gli insegnanti e gli educatori delle case-famiglia, proponendo una chiave di lettura in cui ognuno possa ritrovare un terreno di confronto e trasformare le peculiarità in risorse.

Autore: Simonetta Cavallie Maria Cristina Aglietti

Editore: Armando