Bibliografia. Abbasso i bulli

Il bullismo è un fenomeno molto diffuso che coinvolge sempre più giovani, anche molto piccoli.

Una delle armi per sconfiggerlo è l'educazione, a partire dalla famiglia, per allargarsi sui vari contesti educativi in cui un bambino vive. Spesso però gli adulti non sanno come spiegare questo fenomeno, o come affrontare eventuali campanelli d'allarme sull'argomento. 

Nel panorama editoriale le proposte destinate sia agli educatori che a bambini e ai ragazzi sono fortunatamente tantissime, perché conoscere il fenomeno del bullismo è il primo passo per prevenirlo. 

Di seguito un elenco di titoli che affronta il problema, suddiviso per fascia di età.



Età di lettura: da 4 anni

S. Serrelli “Chi ha paura dei bulli? Tea” Ed. Giunti Kids, 2014

Tea ha sei anni, una famiglia che le vuole bene, un gatto e tanti amici. Va a scuola volentieri, ma non le piace la matematica. Preferisce andare a judo e al parco a giocare. Tea è una bambina dei giorni nostri, allegra, tenera e molto divertente. Come ogni bambino della sua età, si guarda intorno con occhi curiosi e si ritrova a vivere tante avventure ogni giorno, cercando di rispondere alle piccole grandi domande che la vita le pone davanti. Perché quel bambino mi fa i dispetti? Perché fa sempre l'antipatico? Tea proprio non capisce: quel suo compagno di classe è prepotente e non piace a nessuno! Questa volta Tea avrà a che fare con un bullo... Come se la caverà?


A. Canalis; M. Campanella "Aiuto ci sono i bulli" Ed. Dami 2012
Il fenomeno del bullismo comincia ad essere sempre più diffuso persino tra i bambini dell'asilo. In questa nuova storia ne fa le spese il povero Topo Tip, angariato dai compagni più grandi e prepotenti. Ma la sua mamma e la maestra sapranno come aiutarlo e il nostro simpatico topolino troverà anche una compagna carina con cui fare amicizia.

F. Flores "Zumik" Ed Mammeonline, 2011 
Il libro narra la storia di un piccolo animale, Zumik, che vorrebbe giocare con i più grandi, ma viene cacciato via. Zumik, dopo la delusione iniziale, riesce a trovare una nuova amica e, con uno stratagemma, a farsi accettare da tutti.

A. Baccellieri "Alina e l'orco Ulrico" Ed Mammeonline, 2011
Gli orchi non esistono solo nella fiabe. Spesso, purtroppo, sono molto più vicini a noi di quanto si possa immaginare. Niente paura, però! Nella vita, come nel mondo della fantasia, ci sono sempre un principe buono o una fata madrina pronti ad aiutare le bambine e i bambini che si trovano in difficoltà. Pur senza cavallo bianco o bacchetta magica, gli eroi del nostro tempo trovano sempre una soluzione adatta. L'importante è prendere coraggio e confidarsi con la persona giusta proprio come fa Alina, protagonista di una fiaba delicata che offre a genitori, educatori e insegnanti uno strumento idoneo per insegnare alle bambine e ai bambini a proteggersi dalle violenze.

T. Robberecht, P. Goossens "Benno non ha mai paura" Ed. Clavis, 2009
Un'istruttiva storia sulla paura e sul bullismo, temi affrontati con dolcezza e serenità.

E. Carle "La coccinella prepotente" Ed. Mondadori, 2008
C'era una mattina una coccinella prepotente che voleva battersi a tutti i costi, ma trovava tutti troppo piccoli per lei. Finché a sera incontrò qualcuno con cui fare la voce grossa proprio non serviva. Per fortuna, però, esistono anche le coccinelle gentili e così la coccinella prepotente, dopo aver attaccato briga con una vespa, un cervo volante, una mantide, un passero, un astice, una puzzola, un boa, una iena, un gorilla, un rinoceronte, un elefante e una balena quando si ritrova stanca e affamata può ugualmente sfamarsi con qualche appetitoso afide offertole dalla sua collega gentile! 
Da un maestro della favola contemporanea un breve racconto per giocare con le grandezze e il tempo, scoprire animali sconosciuti, ma soprattutto per imparare che sentirsi forti non significa diventare prepotenti.


Età di lettura: da 6 anni


A. Pellai "Scarpe verdi d'invidia. Una storia per dare un calcio al bullismo. Con CD Audio" Ed. Centro Studi Erickson, 2011
Marco è un bambino di sette anni che si è appena trasferito in una città a 900 chilometri dal suo paesino di origine. Le cose però non stanno andando come vorrebbe lui: inserirsi in una classe di 22 bambini che si conoscono già da un anno non è affatto facile, soprattutto per colpa di due bulletti che lo prendono in giro per il suo accento. Persino le favolose scarpe verdi che papà gli regala per il compleanno non fanno che peggiorare la situazione, suscitando l'invidia degli altri! Per fortuna mamma, papà e una maestra molto intraprendente avranno una fantastica idea che cambierà tutto. 

V. Lamarque "La bambina bella e il bambino bullo" Ed. Enaudi Ragazzi, 2011
La poetessa e narratrice Vivian Lamarque conosce bene i bambini e il loro mondo, che è vero e immaginato nello stesso tempo. E in questa raccolta di piccole storie ci presenta, così come sono e come loro si immaginano, i bambini di oggi. Bambini con brutti vizi, come la bambina sirena dalle urla continue, e bambini con strane passioni, come il bambino domatore di zanzare; bambini particolari come la bambina di cognome Maestra e bambini che tutti hanno in mente, come quello che consuma un metro di cerotti a settimana. E bambini buoni e bambini meno buoni, che l'autrice non esita a chiamare cattivi. In questa sorta di catalogo divertente e un po' onirico, la grande poetessa gioca con le immagini e il linguaggio, ma è molto seria quando attribuisce tanta importanza all'allegria, alla buona educazione, al senso dell'umorismo, alla capacità di rispettare gli altri, e quando sottolinea con forza quali siano i modelli validi e quali debolezze si celino nei modelli da non imitare, come nel caso del bambino bullo.

M.L. Giraldo; N. Bertelle "Anna i bulli non sono belli" San Paolo Edizioni, 2010
Una storia quotidiana che ci fa vivere le piccole tensioni di una classe di bambini che hanno un primo approccio al concetto di bullismo. Prendendo spunto da un fatto accaduto alle medie, i bambini si accorgono che piccole prepotenze portate avanti fin dalla tenera età potrebbero anche diventare bullismo. Tanti compagni di Anna prendono parte alla discussione con la maestra Michela e i punti di vista si moltiplicano dando corpo al concetto di bullismo e a come difendersene.

R. Polverini "Il sogno di Bilù" Ed, Kaba, 2009
La vita quotidiana di un piccolo e dolce alieno che sogna la Terra, per parlare di temi importanti come l'integrazione razziale, la collaborazione ed il bullismo. 
In questo primo libro della serie Bilù, il piccolo ascolta il racconto di nonna Farfa su un bambino di colore che si ritrova a vivere in città, dove tutto e tutti sono diversi. La malinconia lascia lentamente il posto a nuovi sentimenti, le piccole e grandi difficoltà vengono superate e Hamed si sente finalmente integrato e stimolato dalle insegnanti e dall'ambiente, a volte però ancora un po' ostile. Ma i suoi compagni lo difenderanno dai bulli di turno e la forza dell'amicizia segnerà il lieto fine della storia, mentre Bilù sogna amici come quelli di Hamed. 

N. Tipping "Il bullismo. Libro pop-up" Ed. La nuova Frantiera, 2008
Un libro pop-up che affronta il problema del bullismo, sia fisico sia psicologico, e che rappresenta un utile strumento anche per gli adulti. Le informazioni sono presentate in maniera molto chiara e diretta, con illustrazioni vivaci, permettendo così sia una lettura da soli sia in presenza di un adulto. Le ultime pagine del libro servono per annotare eventuali episodi di bullismo e lo scopo principale è proprio quello di incoraggiare i bambini ad aprirsi e parlare delle proprie esperienze. Il libro inoltre si caratterizza per la presenza di tanti piccoli suggerimenti concreti per affrontare queste situazioni, incluso il numero verde antibullismo istituito dal Ministero della Pubblica Istruzione. 

M. A. Garavaglia "Un bullo da sballo" Ed. San Paolo, 2005
Davide e Simone adesso sono amici, ma non è sempre stato così! Simone, il bullo della classe, fino a poco tempo prima era l'incubo di Davide. Cosa fare per evitare le intimidazioni, le botte e quel terribile malessere prima delle lezioni? Fuggire, nascondersi? Tutto va storto fino al giorno in cui i due ragazzini scoprono di avere un problema in comune: gli amici! Troppo sottomessi e riverenti quelli di Simone e praticamente inesistenti quelli di Davide che a causa dei continui trasferimenti lavorativi del padre non è mai riuscito a farsi degli amici veri. Le acute riflessioni di Davide sull'amicizia, e l'aiuto degli insegnanti saranno la strada giusta per risolvere il problema della classe.


Età di lettura: da 7 anni


M. Briad "Il bullo Sparacaccole" Ed. Piemme, 2011
L'amicizia fra Urk e Will diventa sempre più solida. Insieme i due combattono i mostri (quelli veramente cattivi) che mirano a conquistare il mondo degli umani. Ma nemmeno la lettura dell'infallibile Libro dei Mostri li ha preparati alle incursioni dell'orrido bullo Sparacaccole! 


Età di lettura: da 8 anni


Daniele Giancane "Al bullo? Mi ribello. Fiabe e racconti sul bullismo" Ed. Adda, 2012
Un lavoro a più mani che invita a riflettere in modo soft nelle scuole attorno al problema del bullismo. A prendere coscienza, attraverso narrazioni ora realistiche ora fantastiche, della necessità – ove il problema esistesse – di parlarne, di prevenire atti di bullismo. Storie, quindi, che vogliono divertire, avvicinare piacevolmente alla lettura e al contempo far pensare. 

D. Valente "Dura la vita da duro" Caccole e Coccole, 2011
Due storie, solo all'apparenza parallele, che si incrociano nel mondo dei nostri ragazzi. Il fenomeno del bullismo, trattato con sensibilità dall'autrice, osservato attraverso due punti di vista, in un racconto fatto di fragilità e durezza, sconfitte e vittorie, silenzi e parole". 

A. Petrosino "Essere o apparire?" Ed. Piemme, 2011
È più importante essere se stesse o essere accettate dalle amiche? Rosaria, una compagna di Valentina, pur di apparire emancipata e brillante agli occhi di tre antipatiche ragazzine viziate, si mette in pericolo. Valentina sa che Rosaria è una brava ragazza e decide di "salvarla" dalle grinfie delle tre "bulle".

A. Lavatelli "Tito stordito" Ed. Giunti Junior, 2008
Tito Lope, bambino intelligente ma ingenuo, sembra proprio il bersaglio perfetto per tutti i suoi compagni, ma soprattutto per la ''banda'' capeggiata da Carlo e composta anche dai gemelli Mino e Lele. Dopo una serie di vicissitudini (e una rissa!), finalmente i tre bulli scopriranno sulla loro pelle la grande e astuta rivincita architettata di Tito ''stordito'' nei loro confronti... Elemento davvero interessante: la storia è raccontata da Carlo, il bulletto...!

Alida Cassol "Bullismo? No, grazie! - Ovvero come riuscire a sopravvivere a un bullo o a non diventarlo" Ed. Giraldi, 2009
Una piccola storia scritta e illustrata dall'autrice per spiegare a bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie il problema del bullismo, come affrontarlo e come evitarlo.

A.Pellai "Il bullo Citrullo... e altre storie di tipi un po' così e un po' cosà. Con CD Audio" Ed. Centro Studi Erickson, 2010
I bambini hanno bisogno di un'accurata e approfondita educazione alle emozioni, che deve essere promossa sin dall'infanzia. La collana Cantami del cuore propone a genitori e insegnanti testi e materiali per aiutare chi sta crescendo a potenziare la propria intelligenza del cuore. Le canzoni dello Zecchino d'Oro forniscono l'ispirazione per un emozionante percorso fatto di musica, storie, giochi, test in cui mente e cuore del giovane lettore apprendono l'ABC dell'alfabetizzazione emotiva. Questo primo volume racconta la storia di Rodolfo, il piccolo ma coraggioso protagonista della canzone "II bullo citrullo" che trova la forza di ribellarsi ai dispetti e alle prepotenze di un compagno di classe particolarmente aggressivo.

M. C. Borsini, C. Ricci "Metti giù le mani. Bullismo: né vittime né prepotenti" Ed progetti Educativi, 2006
Un piccolo libro che insegna a cavarsela nelle situazioni difficili che possono capitare a scuola. Suggerimenti, consigli e riflessioni per non essere né vittime di chi vuole fare del male, né prepotenti.

M. Di Pietro, M. Dacomo "Fanno i bulli, ce l'hanno con me... Manuale di autodifesa positiva per gli alunni" Ed. Centro Studi Erickson, 2005
A quasi tutti capita, prima o poi, di essere presi di mira da un compagno di scuola o da qualcuno più grande che, per mascherare le proprie insicurezze e debolezze, si comporta da bullo, diventando aggressivo e prepotente. Quando succede, ci si sente indifesi, spaventati e soli, e spesso si ha paura di reagire o di chiedere aiuto. Ma chi sono questi bulli? E che cosa si può fare per impedire loro di continuare a farci del male? Scritto con un linguaggio semplice e scorrevole, adatto a ragazzi tra gli 8 e i 16 anni, questo volume risponde a queste e a molte altre domande e suggerisce a tutte le vittime del bullismo dei semplici strumenti per imparare a difendersi in modo positivo.


Età di lettura: da 9 anni

 

M.Fry “Tolleranza zero. La banda degli strambi. Vol. 2” Ed. il Castoro, 2015

Un libro che con grande sensibilità e umorismo tratta il complesso problema del bullismo. Tempi duri per Nick: a scuola è arrivata una nuova tipa che mette tutti contro tutti, e le cose peggiorano quando lui reagisce e viene sospeso. Riuscirà Nock a salvare l suo buon nome? O sarà costretto ad andare in esilio sull'isola di Guam con una nuova identità?


I. Paglia "Dante Pappamolla" Ed. Camelozampa, 2012
Per Dante Tertuli, la sua vita è un disastro. Tra i nuovi compagni che lo prendono in giro, dei genitori che si preoccupano per lui ma non hanno mai tempo per ascoltarlo davvero, la timidezza cronica e la perdita del suo unico punto di riferimento, la nonna Leopoldina, sembra proprio che le cose non possano andare peggio. Ma Dante non ha fatto i conti con l'eredità lasciatagli dalla nonna: un misterioso sasso, capace di trasportarti, in un battibaleno, in capo al mondo... Ben presto, Dante si ritroverà catapultato, addirittura, al Polo Nord! E qui dovrà imparare a pescare, a fare la pipì nel ghiaccio, a scappare dagli orsi polari... ma soprattutto, a fare amicizia e ad avere fiducia in se stesso.
Dante Pappamolla è stampato con un carattere di scrittura speciale adatto a facilitare la lettura di tutti i bambini, anche quelli con problematiche specifiche come la dislessia.

D. Pichford "Compleanni, bulli e altri disastri" Ed. Piemme, 2010
Charley sogno da tutta la vita di festeggiare alla grande il suo decimo compleanno, con tanti amici e una grossa torta. Peccato che fra gli invitati si nasconda un compagno guastafeste.

Età di lettura: da 10 anni

 

T. Benedetti; D. Morosinotto “Cyberbulli al tappeto. Piccolo manuale per l’uso dei social” Editoriale Scienza, 1016

Il pianeta WWW è immenso e pieno di sorprese. Con i suoi social network, i videogiochi e le app è il posto perfetto per divertirsi, scoprire cose nuove e restare in contatto con gli amici, anche quelli più lontani! La rete, però, è anche un mondo pericoloso popolato da troll, fake, hater e stalker. In una parola, cyberbulli. Sono loro il "lato oscuro" della vita digitale: si nascondono dietro a uno schermo e da lì attaccano con armi micidiali, facili e immediate come un click. Per affrontarli ci vuole un allenamento speciale o, meglio, un manuale per riconoscerli, combatterli e metterli al tappeto. Un manuale leggero, da tenere in tasca o nello zainetto, veloce da leggere e pieno di piccoli trucchi. Insomma, un manuale come questo.

C. Gutman “Rose non è una tartimolla” Ed San Paolo, 2008

Rose ha difficoltà di linguaggio, dice parole strane e tutti ridono di lei. Neanche gli insegnanti comprendono i suoi problemi ed è costretta a cambiare spesso scuola. Nella sua nuova scuola però qualcosa cambia, Rose - che ha un coraggio da leoni - diventa il nemico numero uno dei bulli delle medie e si attira le simpatie dei compagni. Anche il nuovo maestro comprende le sue difficoltà, ma soprattutto riconosce il suo valore e la vita comincia a sorriderle.



Età di lettura: da 11 anni

 

P. Varriale “Ragazze cattive” Ed. Piemme, 2015

Silvia ha quattro amiche e insieme fanno tutto, dai compiti alle scorpacciate di gelato. E anche prendere in giro Baffi, che un giorno si presenta a scuola con i baffetti schiariti con l'acqua ossigenata e sta sempre per conto suo. Così decidono di pubblicare qualche sua foto su internet. Magari Baffi inizierà a capire qual è il modo giusto di comportarsi...

 

E. Kahn Gale “The Bully book. Il libro segreto dei lulli” Ed. San Paolo, 2013

Le leggi che regolano la sesta classe delle elementari (una prima media per noi) sono misteriose, ma per Eric Haskins questo mistero deve essere svelato. Era un ragazzino normale, ma quest'anno un gruppetto di compagni ha cominciato a rendergli la vita impossibile chiamandolo Grunt, lo sfigato della classe. Tra loro c'è anche Donovan, che era suo amico fino all'anno prima. Eric viene continuamente umiliato di fronte a tutti e i bulli cercano anche di rovinare la sua amicizia con Melody Miller, la sua compagna preferita. Eric non capisce quello che sta succedendo finché non sente parlare del misterioso Libro del Bullo e comincia a indagare.


H. Vignal "Passare col rosso" Ed. Camelozampa, 2012
Già dai primi giorni nella scuola media, Boris capisce che non avrà vita facile: subire le angherie dei compagni o uniformarsi e passare dalla parte dei prepotenti? Ma osservando lo sguardo deluso di suo padre, Boris capisce che una scelta è sempre possibile...

J. Wilson "Piantatela! Chi l'ha detto che il bullismo esiste solo tra maschi" Ed. Salani, 2010
Quando si tratta di perseguitare, inseguire e sbeffeggiare una bambina un po' più impacciata delle altre, anche le ragazzine più insospettabili possono essere terribili. E pericolose. Molto pericolose, soprattutto se si è tante contro una. Dopo essere sfuggita per un pelo a un incidente quasi mortale, Mandy rischia di rimanere sola, intrappolata tra la cattiveria delle compagne e l'amore - forse troppo soffocante - di due genitori che si rifiutano di comprendere la gravità della situazione. Ma spunterà Tanya, ragazzina coraggiosa e fuori da ogni schema, che con occhio sicuro vede da che parte sta il vero male. 

M. G. Bauer "Non chiamatemi Ismael" Ed. Mondadori, 2008
Isrnaele è un quattordicenne timido e goffo, impegnato nella difficile arte di passare inosservato soprattutto da quando sulla sua strada ha incrociato quel tritasassi di Barry Bagsley, il bullo della scuola, che non perde occasione per rendergli la vita difficile. Spintoni, scherzi e prese in giro diventano per Ismaele pane quotidiano e le vacanze un momento di pace che aspetta per tutto l'anno e finisce in un minuto. Ma un giorno in classe arriva un nuovo alunno, un tipo strano: Scobie a prima vista sembra un ragazzo un po' imbranato, il bersaglio perfetto per Barry, invece è uno tosto, che non ha paura di niente. Con lui tutto sembra possibile: parlare di fronte a centinaia di persone, conoscere la ragazza dei suoi sogni e forse perfino tenere testa a Barry e ai suoi scagnozzi. Per Ismaele si prepara l'anno in assoluto più incredibile, difficile e meraviglioso della sua vita. 


Età di lettura: da 12 anni

A.Pellai “Bulli e pupe. Come i maschi possono cambiare, come le ragazze li possono cambiarli” Ed. Feltrinelli, 2016

Un libro che partendo dai falsi miti che spesso condizionano la crescita dei giovani maschi, smantella stereotipi di genere e aiuta ad acquisire un pensiero critico verso modelli di identità che inseguendo il mito del "vero uomo" impediscono ai nostri figli di diventare "uomini veri". Un libro che aiuta i lettori maschi a diventare chi vogliono essere e non ciò che la pressione sociale e il mercato, a volte, li costringono a essere. Un libro che fa riflettere e che insegna come sconfiggere il bullismo, l'omofobia, ad andare oltre la legge del taglione e il ricorso alla violenza come strategie di soluzione del conflitto. Un libro che aiuta i giovani maschi a comprendere che si è più felici quando si fa l'amore piuttosto che quando si fa sesso. Un libro che aiuta a capire che non ci sono più professioni maschili e professioni femminili: ma che ognuno può conquistare i propri obiettivi, se ci mette l'impegno e la costanza necessari. Ma questo libro non sarebbe completo senza l'elemento femminile: ogni capitolo infatti si apre con una descrizione di quel che le ragazze vedono quando osservano il comportamento dei maschi. Il loro punto di vista spesso incredibilmente distante da quello maschile può essere un'occasione di riflessione e forse una traccia da seguire per cambiare.

P. Rinaldi; M. Baroni ”Adesso scappa” Ed Sinnons, 2014

Maddalena è una sfigata. 0 almeno così pensano Zago e la sua banda di ragazze terribili. Poi c'è Alessandro, bello come un principe azzurro, che Zago considera suo. E poi c'è Maddalena che ama Alessandro. E c'è la vita. Una storia di bullismo tutta al femminile

M.A. Murail “Crack! Un anno in crisi” Ed. Giunti Scuola, 2014

Charline Doinel ha 14 anni e si fa chiamare Charlie. A scuola si sente come fosse trasparente e le è più facile innamorarsi del suo idolo manga che di un compagno di scuola. Esteban, il fratellino che non si lamenta mai, è la vittima perfetta per i bulli della scuola. Papà Marc è in piena crisi lavorativa, da quando l'azienda che dirige è stata rilevata da una multinazionale olandese. Mamma Nadine è un'insegnante di scuola materna tormentata dalla paura di trascurare i suoi figli. Insomma, quella di Charlie è una famiglia in crisi! All'insaputa l'uno dell'altro, tutti i Doinel vengono un giorno affascinati da una foto in una rivista: una tenda tradizionale mongola, chiamata yourta, piantata in una radura bretone. E per loro comincia uno strano sogno: fuggire dalla città e cominciare una nuova vita.

R. Carù; L. Santoro ”Bullstop. Come difenderti e uscire dal bullismo“ Ed. In Dialogo, 2013

Per te che vuoi difenderti o cerchi di uscire dal bullismo; che a volte ti senti debole e insicuro; che qualche volta hai paura e cerchi di capire da che parte cominciare per essere una persona apprezzata dagli altri e sicura di sé?


E. Castiglioni Giudici Elisa "La ragazza che legge le nuvole" Ed Il Castoro, 2012
La vita di Leela è a una svolta: deve lasciare l'India per trasferirsi negli Stati Uniti con la sua famiglia. Un nuovo Paese da conoscere, una nuova scuola, nuovi amici l'aspettano - forse anche un nuovo amore? Leela ha sempre potuto contare su una guida sicura: il cielo e le nuvole, che l'amata Nonna le ha insegnato a leggere con gli occhi del cuore. Ma il cielo del New England è molto diverso. E tra le sfide da affrontare c'è anche il bullismo delle compagne di scuola. Un affascinante romanzo di formazione, che invita a custodire le proprie radici e a lottare per restare fedeli a se stessi. 

A.Chambers "Ladre di regali" Ed. Giunti Junior, 2008
La vita è un inferno per Lucy, da quando Melanie Prosser e la sua cricca di bulle le hanno messo gli occhi addosso: furti, spintoni, compiti rubati e "regali" obbligatori... Avere dodici anni e dover affrontare angherie non è facile. Ti senti sola. Difficile sperare nell'aiuto dal timido Angus... Ma chi sembra ancora più debole di te forse non lo è affatto, e poi insieme qualcosa si può fare.


Età di lettura: da 13 anni



R. Cormier "La guerra dei cioccolatini" Ed. Bru Biblioteca Univ. Rizzoli, 2012
Nella scuola cattolica di Trinity, ogni anno ai ragazzi si chiede di vendere scatole di cioccolatini per raccogliere fondi. Il nuovo arrivato, Jerry Renault, si rifiuta, scatenando la reazione feroce dei Vigilanti, una banda di spietati che si muove incontrastata tra i banchi di scuola. Nessuna atrocità gli sarà risparmiata, fino al culmine della violenza. Il romanzo che ha portato al successo Robert Cormier, ha fatto discutere e ha diviso la critica. 

S.T. Williams "Tookie. Un vero duro contro il bullismo e le sue conseguenze" Ed. Gallucci 2009
Stanley "Tookie" Williams ha provato sulla propria pelle come sia difficile la vita in prigione. Condannato a morte nel 1981 per quattro omicidi e rapina a mano armata, ha deciso di raccontare la sua esperienza. Perché sia da monito e aiuti a fermare la guerra fra bande rivali degli slums americani. Una carneficina assurda, feroce, che ha come prime vittime proprio i ragazzi dei ghetti delle grandi metropoli. Il libro è il resoconto della quotidianità dietro le sbarre, dell'umiliazione e delle persecuzioni corporali. Una testimonianza che, svelando la cruda realtà, mette in discussione le leggende sulla vita da duri. 

A.MCGowan "Il Coltello che mi ha ucciso" Ed. Rizzoli, 2009
C'è una linea come una bugia che separa giustizia e perdizione. Sono anni che Paul ci cammina sopra, facendo attenzione a non pensare e a tenere gli occhi bassi, perché così bisogna fare se vuoi che gli altri - i genitori, i bulli, gli insegnanti - ti lascino in pace. Ma una mattina, a scuola, reagisce all'ennesimo scherzo, e all'improvviso stare in equilibrio su quella linea affilata come una lama non è più possibile. A chiamarlo verso la salvezza è Shane, il leader di un gruppo di ragazzi che ascoltano buona musica e si tengono lontano dai guai. Ma sono gli emarginati, quelli che tutti odiano. Dall'altra parte, dove è buio, c'è Roth, il ragazzo più violento della scuola, con il suo fascino oscuro e il rispetto misto a terrore che incute. Paul deve decidere da che parte stare. Ma precipitare da una parte o dall'altra dipende davvero da lui? Dipende davvero da noi?

M. Fontana "Il gioko" Ed. Salerno, 2009
Una volta alla settimana Roberto e i suoi amici si riuniscono per sfidarsi a compiere imprese umilianti, esaltanti, difficili: performance sessuali. Gesti, contatti, rapporti fisici che i ragazzi non hanno imparato nelle consuete tappe dell'adolescenza, in una graduale scoperta del corpo proprio e dell'altro, ma direttamente dalla pornografia su Internet. È sul computer che Fabio, il leader naturale, fa scorrere le centinaia di immagini porno, esibizioni che l'estratto a sorte dovrà riprodurre fedelmente sotto gli occhi di tutti. Per dimostrare di non aver paura, di essere parte del gruppo, per imbrigliare le regole dell'attrazione e della relazioni in un gioco che cancella i rischi della vita vera. Ma che fa provare un brivido diverso, scatena gli istinti, crea conflitti e complicità, nella confusione di ruoli tra vittime e carnefici, fino a eccessi sconosciuti e terribili. "Il gioko" è una storia corale sull'ineducazione sentimentale, sull'ignoranza, sul bullismo giovanile. Raccontata dal punto di vista di Roberto, il personaggio più schivo e contemporaneamente il più osservatore, ennesima incarnazione dell'archetipo letterario moderno e postmoderno: apatico e amorale nelle azioni, è portatore di una moralità e di un senso critico latenti quanto inconsapevoli. La pura invenzione letteraria si mescola nella memoria alle decine di storie riportate a getto continuo sulle pagine di cronaca, costruendo una lettura efficace, cruda e smascherata di un fenomeno generazionale e sociale.

Filippo B. "Bulli. Il romanzo choc di un adolescente" Ed. Ugo Mursia Editore, 2008
Diego, primo anno di liceo a Firenze, si misura per tutto l'anno con la sottile e spietata persecuzione dei "Ragazzi di Tigliano" e, soprattutto, con la solitudine. Qual è il peccato di Diego? Non veste jeans trucidi, porta gli occhiali, ha la pettinatura con l'onda senza cresta e tinture, è dolce, va bene a scuola. Inevitabile la voce è che sia "frocio". Diego si sfoga con il suo diario e racconta il tormento di una "vita che fa schifo" sospesa tra un mondo di ragazzi che lo rifiuta e un mondo di adulti che non lo capisce. Diego vuole farsi degli amici, è pronto a diventare un bullo per difendersi dai bulli. Ha voglia di essere come gli altri, meglio degli altri.

S. Rondinelli "Camminare, correre, volare" Ed. El 2008
Asja ha quattordici anni, l'aria spavalda e gli occhi inquieti. Vive in un quartiere popolare con una madre sempre depressa e va male a scuola. Ruba nei negozi e chatta con ragazzi più grandi. Esce di nascosto e si accanisce contro la sua compagna di classe Maria, troppo remissiva, troppo studiosa, troppo per bene. Asja è una ragazza difficile, cammina con fatica e non si separa mai dalle amiche del cuore. Poi un giorno si mette nei guai e tutto cambia. Inizia così una corsa alta ricerca della vera se stessa. Un romanzo sul bullismo al femminile raccontato dal punto di vista della "ragazza cattiva". Sul significato dell'amicizia, della luce che accende dentro il primo amore e del valore del perdono. 


ADULTI

G. Daffi; C. Prandolini  "Mio figlio è un bullo? Soluzioni per genitori e insegnanti" Ed. Centro Studi Erickson, 2012
Sono numerosi i testi che affrontano il fenomeno del bullismo e che si focalizzano sull'importanza di rilevare tempestivamente i comportamenti di prevaricazione più nascosti, sostenere le vittime, coinvolgere le diverse agenzie educative in progetti di intervento ampi e integrati. Questo volume muove da una prospettiva differente, ponendosi dal punto di vista di quei genitori che sono chiamati a confrontarsi con il dubbio/sospetto che sia il proprio figlio a essere un bullo. Le relazioni tra i partner, lo stile educativo utilizzato con i figli e le risposte messe in atto dal nucleo familiare rivestono un ruolo determinante rispetto alla gestione di situazioni potenzialmente a rischio. Distinguere tra episodi scherzosi o manifestazioni di antipatia da agiti riconducibili all'ambito del bullismo permette di identificare le situazioni realmente problematiche. Rivolto a genitori e insegnanti di bambini e ragazzi tra i 5 e i 17 anni, il libro invita a una riflessione personale sulla propria situazione specifica; non fornisce liste di strategie ma esempi dai quali prendere spunto per creare strumenti personalizzati e personalizzabili.

A. Civita "Cyberbullying. Un nuovo tipo di devianza" Ed. Francoangeli, 2011
Il bullismo è un fenomeno sociale che coinvolge i giovani di tutte le età. Rappresenta una forma particolare di prevaricazione, che spinge un individuo o un gruppo di individui a manifestare il desiderio di dominio nei confronti dei più deboli. Il bullismo tradizionale trova maggiore visibilità in ambito scolastico. Al bullismo tradizionale si affianca, in tempi molto recenti, il bullismo elettronico, o cyberbullying, una "evoluzione" del "vecchio" fenomeno che si manifesta attraverso l'aggressione informatica. Anche il cyberbullying è un fenomeno sociale, che riscuote maggiore sconcerto rispetto a quello tradizionale per le sue peculiarità. Esso, infatti, può colpire il destinatario dovunque e in ogni momento perché le nuove tecnologie infrangono le barriere fisiche che mettono al riparo il soggetto vittima, con gravi ripercussioni di tipo psichico e sociale. Il volume integra, proprio alla luce dell'evolversi delle dinamiche socio-culturali del nostro tempo, Il bullismo come fenomeno sociale e si rivolge a quanti abbiano il desiderio di approfondire le caratteristiche del bullismo tradizionale, con uno sguardo attento al cyberbullying, per valutarne le differenze e le analogie. Una panoramica sulla normativa in vigore nel nostro Paese consente infine di valutare la volontà delle Istituzioni di agire in proposito e di comprendere quanto ancora ci sia da fare per contrastare le prevaricazioni. 

M. Calabretta "Le fiabe per... affrontare il bullismo. Un aiuto per grandi e piccini" Ed. Franco Angeli, 2009
A molti ragazzi capita di essere presi di mira da un compagno di scuola o di gioco. A volte sono derisi perché troppo studiosi o troppo precisi, altre perché troppo per bene. A volte ci sono bambini che fanno i bulli solo a parole, con ingiurie e pettegolezzi. A volte ci sono quelli che danno pugni, schiaffi o bastonate: Ma chi sono veramente questi bulli? Come riconoscere i segnali di disagio dei ragazzi e come intervenire in modo efficace, evitando che chi fa e chi subisce prepotenza possa andare incontro a seri problemi in età adulta? Il bullismo non è una problematica di singoli individui e singole famiglie, ma è molto di più. È il risultato di una dinamica complessa nella quale scuola e famiglia sono chiamate in prima persona ad intervenire. L'autrice di questo volume conduce allora il lettore nei meandri labirintici delle dinamiche giovanili, suggerendo all'adulto - genitore, amico o insegnate che sia - di "ascoltare" attentamente il ragazzo, di capirlo e di guidarlo con strumenti adeguati. Fermiamoci, allora, e leggiamo una fiaba... L'utilizzo della fiaba favorisce lo sviluppo psico-affettivo ed aiuta ad elaborare il disagio, soprattutto quando si ha a che fare con bambini che hanno chiuso per paura il loro cuore. I piccoli e i grandi lettori sia quelli più "fragili" che quelli già "forti", potranno identificarsi nei vari personaggi fiabeschi per ripensare al proprio modo di agire e cercare di modificarlo con l'aiuto dell'adulto.

N. Iannaccone "Né vittime, né prepotenti. Una proposta didattica di contrasto al bullismo" Ed. La Meridiana, 2007
A proposito di bullismo, sono in molti a ripeterlo: "C'è sempre stato". Sì, forse, sarà anche vero. Ma non per questo le ferite del bullismo sono meno gravi. Semplicemente, oggi abbiamo più consapevolezza. Ed è positivo. Ben venga, dunque, l'attenzione al fenomeno. Purché non tutto divenga "bullismo". Sapere che cosa significhi e in che modo si possa prevenire richiede conoscenze e capacità specifiche che costringono a uscire dai luoghi comuni. Ad esempio, occorre acquisire abilità socio-affettive e in generale delle life skills, non solo per interventi preventivi, ma per la promozione del benessere a scuola. Ecco, allora questo libro. Il percorso si snoda mediante le caratteristiche di 10 animali, per offrire a bambini e ragazzi la possibilità di sperimentare le proprie competenze sociali e le abilità di comunicazione con se stessi e con gli altri, in situazioni che riproducono le principali modalità di interazione fra le persone. Ad ogni animale corrisponde una specifica abilità socio-affettiva, che dovrà essere sperimentata ed esplorata. Come uno strumento da inserire nella "valigia" degli insegnanti, questa proposta è utile non solo per affrontare il tema delle prepotenze in ambito scolastico, ma anche per constatare le enormi potenzialità del gioco nella conoscenza dei mondi emozionali più complessi. Come quelli di un bullo e della sua vittima, appunto. 

 Ultimo aggiornamento settembre 2016

Pin It
Accedi per commentare

Bianco come Dio

Nicolò è un ragazzo italiano che a vent’anni non ha ancora finito il liceo. Insoddisfatto dalla vita, in perenne conflitto con il padre, è alla ricerca della sua strada

 

Leggi tutto...

E l'eco rispose

L’eco è la propria voce che si ripete all’infinito. Qui si tratta di vite di uomini e donne che si intrecciano come le radici di un albero e che nel libro sembrano riflettersi come in uno specchio. All’inizio una sorella sarà strappata al proprio fratello in un piccolo paese dell’Afghanistan  e da questo dolore nasceranno le storie di tanti personaggi che dal passato arrivano al presente: quella di Sabur il padre, amato da due sorelle gemelle, la più bella Masuma e la meno bella Parawami, quella dello zio Nabi , fedele domestico della ricca, ma infelice coppia di Nali e Wahdati, quella di Idris e di Roshi, quella del medico volontario Marcos , di sua madre e della ragazza sfigurata, quella di un ragazzo e della sua disillusione nei confronti di un padre  e quella delle due Pari una figlia e l’altra sorella di Abdullah che alla fine del libro, ormai vecchio e malato di demenza, riuscirà a re-incontrare .

 

Leggi tutto...

DIVERGENT

Ho sempre adorato i libri per gli adolescenti, ma ultimamente ho sviluppato un nuovo amore per una serie in particolare. Divergent, é il primo dell’omonima trilogia di libri di Veronica Roth. Popolarissima tra i giovani, é l’ennesima serie di libridistopici. O almeno credo si dica così...non conoscevo questo termine finché mia figlia Penelope ha iniziato a leggere questo nuovo genere di romanzi. Utilizzando un linguaggio ed una classificazione ‘tradizionale’ potremmo definirli romanzi di fantascienza, con delle sfumature di significato un pò particolari. Ambientati nel futuro, offrono la rappresentazione di una società fittizia nella quale alcune tendenze sociali, politiche e tecnologiche avvertite nel presente sono portate a estremi negativi. Il padre di questo genere potrebbe essere considerato1984(G. Orwell) oFahrenheit 451(R. Brandbury). The Hunger Gamesne é un’altro esempio contemporaneo popolarissimo, già diventato un cult.

Leggi tutto...