La pagella della nonna

Capita di curiosare all'interno di armadi e cassetti nella vecchia casa di famiglia, alla ricerca di tutto quello che potrebbe tracciare la storia dei propri cari.
Una foto ingiallita, una vecchia banconota, dei documenti poco importanti ma che per noi assumono un valore inestimabile perché riportano i nomi dei nonni che non ci sono più.
Ed è così che questa estate dentro il cassetto di una vecchia madia ho trovato una pagella anno scolastico 1917-1918, della bisnonna dei mie figli, la nonna Francesca.
Larga circa 10 centimetri, lunga 20, copertina di color rosso invecchiata e scolorita dal tempo riporta il suo nome scritto in bella calligrafia proprio come si usava un tempo.

È la pagella della III elementare, frequentava una scuola mista, l'unica del paese, le classi erano divise in maschili e femminili.
I bimestri erano 5 e le materie erano suddivise in:
"Prove scritte", "Grafia e pratica", "Prove orali" e "Condotta", dove aveva 8 nel primo bimestre, suppongo sia stata rimproverata dai genitori, visto che poi il suo voto in condotta si è trasformato in un 9 dal secondo sino all'ultimo bimestre.

Le materie erano le seguenti:
Prove scritte:
• Scrittura sotto dettatura
• Calligrafia
• Componimento
• Aritm. sist. metr. geom
• Computisteria

Grafia e pratica:
• Lavori donneschi
• Educazione fisica
• Disegno

Prove orali:
• Lettura
• Spiegazione e riassunto
• Grammatica
• Educazione morale e civile
• Storia
• Geografia
• Aritm. Sist. Met. Geom. Cont.
• Scienze, igiene, economia domestica

Ovviamente l'occhio si è soffermato più a lungo su "lavori donneschi" convinta di aver letto male.

Per secoli l'educazione scolastica ha avuto due percorsi diversi, nelle forme e nei contenuti, uno per i maschi e uno per le femmine. Lavori donneschi è una delle materie che per lunghi anni ha segnato la discriminazione delle donne, il cui ruolo all'interno della società era quello di doversi dedicare unicamente alla propria famiglia, in quanto sposa e madre.

Nell'ultima pagina c'è la descrizione di come deve essere "Lo scolaro dabbene" ;

"Lo scolaro dabbene, sempre lindo della persona, col suo corredino completo, e senza sbocconcellare pane o frutta per la via, si presenta alla scuola durante il tempo d'ingresso, che precede la lezione, depone cappello e cappotto nell'attaccapanni, entra nell'aula salutando il signor maestro, e siede al suo posto con compostezza e silenzio. Presta viva attenzione alla parola dell'insegnate, ne eseguisce prontamente i comandi, si alza in piedi quando è interrogato e quando persone rispettabili entrino nell'aula e ne escano. Con i condiscepoli è cortese, gentile, garbato; pronto all'aiuto e disposto al compatimento; non li disturba mai e non conversa con loro durante la lezione. All'uscita della scuola, se ne va difilato a casa senza correre e senza schiamazzare. Se incontra i signori maestri od altre persone ragguardevoli, saluta levandosi il cappello o berretto. Rientrando in casa saluta i genitori, e le altre persone che fossero presenti, come già la mattina partendo per la scuola; si ricrea un poco e quindi eseguisce, se lo ha, il lavoro assegnato dal signor maestro. E in ogni sua azione, in ogni luogo, in ogni occasione, con ogni persona rivela di essere un fanciullo bene educato. 

C'è anche una nota dedicata "Ai genitori" 

"I genitori debbono:
Mandare alla scuola i loro figli puliti nella persona e negli abiti e provveduti di tutto l'occorrente.
Astenersi dal mandarli quando sono affetti da qualche malattia contagiosa, e presentare il certificato medico quando vi ritornano.
Giustificare presso il maestro, a voce o per iscritto, le assenza dei figli.
Prendere ogni tanto informazioni dal maestro ed aiutarlo nella difficile opera sua e ricordare che la scuola e la famiglia debbono procedere d'accordo verso lo scopo comune della educazione dei fanciulli.


Nonostante siano passati quasi 100 anni e la scuola abbia subito tanti cambiamenti nel corso di questo periodo, l'ultima frase dedicata ai genitori è ancora molto attuale, l'educazione dei nostri bambini è nelle nostre mani e in quelle della scuola.
Per un bambino, la famiglia è senza ombra di dubbio il contesto primario di apprendimento e la scuola ha un grande responsabilità nella crescita e nella costruzione dell'identità personale di ogni bambino.
Insieme, genitori e scuola, attraverso una relazione positiva, possono mettere in atto progetti comuni, indispensabili per una corretta formazione e determinanti per la buona crescita delle nuove generazioni.

Pin It
Accedi per commentare

I figli che aspettano. Testimonianze e normative sull'adozione.

Il mondo è pieno di figli che aspettano di essere figli. Ma essere adottati non è facile, perché non è facile adottare. Eppure si fa, si deve poter fare. Carla Forcolin esplora il territorio in cui si muovono i figli che aspettano, analizza il macroscopico divario che esiste fra la disponibilità ad adottare e le adozioni attuate, scandaglia gli effetti delle nuove leggi, lascia emergere le contraddizioni che ne ostacolano o comunque ne rendono faticosa l’esecuzione.

Leggi tutto...

Città blu città gialla

 

Città Blu e Città Gialla sono vicine e separate solo da un fiume. Una è famosa per i suoi ombrelli variopinti, l’altra per i calzolai che fabbricano scarpe eccezionali.

Gli abitanti hanno sempre vissuto in pace e un ponte permette agli abitanti di passare da una sponda all’altra e tutti andavano d’accordo, finché un giorno non decidono di ridipingere il vecchio ponte che collega le due città: già, ma di quale colore?

Leggi tutto...

Bianco come Dio

Nicolò è un ragazzo italiano che a vent’anni non ha ancora finito il liceo. Insoddisfatto dalla vita, in perenne conflitto con il padre, è alla ricerca della sua strada

 

Leggi tutto...