La riscoperta dei sensi

Tema: riscoprire tutti i 5 sensi, con particolare attenzione alle sensazioni tattili 

Attività: frottage

Età: dai 2 anni in su

Opera: Sacco 5P

Autore: Alberto Burri 

Che gli stimoli sensoriali rivestano un ruolo importante nella vita dei bambini non è certo una novità. Purtroppo però spesso ce ne dimentichiamo o non prestiamo sufficiente attenzione.

Avere un figlio è un'esperienza prima di tutto sensoriale. Tattile senza ombra di dubbio (i 9 mesi di gestazione si basano soprattutto sul con-tatto, ed il primo anno di vita è tutto coccole, carezze ed abbracci), ma anche sonora (è proprio vero che la capacità di riconoscere i diversi tipi di pianto si affina in pochissimi giorni!), olfattiva (chi può resistere al profumo della pelle dei neonati?), visiva e perfino un pò gustativa (li vorremmo mangiucchiare tutti questi trottolini!).
L'aspetto sensoriale permea l'intera esperienza dei nostri bambini nei primi anni di vita ed imparare a coglierne i tratti fondamentali può essere utile per avvicinarci un pò di più al loro modo di percepire ed interpretare la realtà.

L'opera di oggi si intitola "Sacco 5P" ed è di un artista italiano, Albero Burri, che amava dipingere con i materiali. È un dipinto da toccare, più che ammirare! 
Alleniamoci a riscoprire il piacere di toccare gli oggetti, di strisciare il palmo delle nostre mani su tutte le superfici che ci circondano, proprio come fanno i bambini. Vi invito a fare un gioco insieme ai vostri figli, un gioco che sono certa vi riporterà alla vostra infanzia. 
Tecnicamente si chiama "Frottage" ed è uno strumento molto usato nella pratica artistica.
Vi ricordate quando da bambini appoggiavate un foglio sopra una monetina o la corteccia di un albero e sfregavate sopra un pastello a cera? Senza saperlo facevate Frottage.

Vi servono soltanto fogli e pastelli a cera di diversi colori per essere pronti a partire con la caccia alle superfici interessanti! Il gioco funziona bene un pò con tutte le età. Con i piccolini sarà utile creare un pò di atmosfera invitandoli a toccare e scoprire la "pelle delle cose" e a fare una magia con il pastello a cera. I più grandi fingeranno disinteresse e noia, ma verranno presto coinvolti nella frenetica euforia della scoperta di inaspettati effetti grafici. Una volta affinata la tecnica e capito il meccanismo del gioco potete sbizzarrirvi sperimentando sovrapposizioni di texture e colori diversi.

Gli ambienti naturali si prestano bene a questa attività, ma anche camminare per le vie di una città si rivela interessante: tombini, cartelli, monumenti e placche commemorative offrono una miriade di superfici in rilievo. Nel caso esauriste le possibilità, ci sono sempre le suole delle scarpe! Buona caccia! 

L'immagine dell'opera di Alberto Burri, "Sacco 5P" è di Sarteanesi.Alex pubblicatasu Wikipedia:

 http://it.wikipedia.org/wiki/File:SACCO.jpg 


Consigi di approfondimento


Libri:
Bruno Munari "I laboratori tattili" Ed. Corraini
Beba Restelli "Giocare con-tatto" Ed. FrancoAngeli 

Pin It
Accedi per commentare

Città blu città gialla

 

Città Blu e Città Gialla sono vicine e separate solo da un fiume. Una è famosa per i suoi ombrelli variopinti, l’altra per i calzolai che fabbricano scarpe eccezionali.

Gli abitanti hanno sempre vissuto in pace e un ponte permette agli abitanti di passare da una sponda all’altra e tutti andavano d’accordo, finché un giorno non decidono di ridipingere il vecchio ponte che collega le due città: già, ma di quale colore?

Leggi tutto...

L'aggancio

L'incontro casuale in un garage di Cape Town tra una ricca ragazza bianca e un giovane arabo, colto ma povero, mette in moto una serie di eventi inimmaginabili. Abdu, l'uomo del garage, si chiama in verità Ibrahim ibn Musa. È immigrato illegalmente in Sudafrica da un misero paese africano con una laurea in economia. La ragazza è Julie Summers, insofferente al proprio ambiente privilegiato ma culturalmente ristretto.

La loro relazione è sostenuta all'inizio da una forte attrazione sessuale che è quasi l'unico linguaggio comune tra due mondi assolutamente diversi. Ma la loro storia si rafforza al punto che, quando le autorità obbligano Ibrahim a tornare nel suo paese, Julie sorprende la famiglia, gli amici e soprattutto se stessa decidendo di seguirlo come moglie.

In una piccola città sommersa dalla polvere e circondata dal deserto, Julie lotta per essere accettata dalla sua nuova famiglia mussulmana. Ibrahim, intanto, continua a lottare per emigrare ancora, verso gli Stati Uniti. Quando finalmente arriva il momento della partenza, la scelta di Julie sarà ancora una volta sorprendente: decide infatti di restare. Con questo nuovo romanzo, Nadine Gordimer indaga le ragioni dell'amore, esplora l'incontro tra culture diverse e racconta la condizione dei disperati, privati di ogni certezza.

[Descrizione tratta dal sito dell'editore La Feltrinelli]

autore: Nadine Gordimer

editore: Feltrinelli Editore - Universale Economica

 

Intelligenza emotiva per un figlio

Questo libro è l'applicazione all'educazione dei figli della teoria che Goleman illustra nel suo famoso saggio "Intelligenza Emotiva".

L'intelligenza emotiva è una facoltà il cui quoziente intellettivo si fonde con virtù morali quali l'autocontrollo, la pervicacia, l'empatia e l'attenzione per gli altri e che, opportunamente coltivata, può permettere a tutti di condurre una vita migliore.

A prima vista può sembrare un manuale, visto che si propone di insegnare ad essere dei buoni "allenatori emotivi" per i figli. In realtà ci sono molti spunti interessanti e informazioni molto utili riguardo le varie fasi dell\'età evolutiva. Gottman divide schematicamente i genitori in quattro categorie: il genitore "censore", modello autoritario per intenderci; il genitore "noncurante", quello che si disinteressa delle emozioni del figlio; il genitore "lassista", che nonostante comprenda il figlio non offre indicazioni di comportamento né aiuta il figlio a risolvere il problema; il genitore "allenatore emotivo" che oltre a comprendere e a rispettare le paure e sentimenti del figlio riesce a porre dei limiti e aiuta a risolvere i problemi.

autore: John Gottam con Joan De Claire (tradotto da A. Di Gregorio e B. Lotti)

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli