Feste di luce

In molte case in questo periodo è una vera festa di luci e lucine accese intorno all'albero o alle finestre, lungo le strade e nelle piazza d'Italia, in attesa del Natale. Le feste delle tradizioni religiose, nel mondo, sono spesso caratterizzate dalla luce, simbolo di verità e gioia contrapposto all'oscurità del male e dell'ignoranza. 
Abbiamo voluto raccoglierne alcune esempi. 

Festa della Luce: Festa di Santa Lucia in Svezia
Il 13 dicembre è la notte più lunga dell'anno in Svezia. Durante l'inverno ci sono solo poche ore di sole ogni giorno. Ed è per questo che in quel giorno, viene celebrata Santa Lucia; migliaia di bambine vestite di bianco, con una candela accesa in mano e una coroncina di candele elettriche in testa, illuminano il lungo inverno buio svedese. Le processioni sono guidate da una bambina che impersona Lucia seguita da damigelle e paggetti che indossano vesti bianche e cappelli con stelle dorate. Il corteo è chiuso da bambini vestiti come folletti. Lungo tutto il percorso, Lucia e le sue damigelle donano brioche allo zafferano chiamato Lussekatter cioè i "gatti di Santa Lucia", e biscotti allo zenzero agli spettatori.

Festa delle luci: Natale in Francia
In Provenza, la vigilia di Natale, poco prima del cenone, il più anziano e il più giovane membro della famiglia, vanno a prendere un grosso ciocco di legno (bûche de Noël in Francia e Yule Long nei paesi nordici) fanno tre giri intorno al tavolo. Il ciocco di legno viene bagnato tre volte con il vin brulé, poi viene messo nel camino dove prende fuoco continuando ad ardere per parecchi giorni per portare luce, vita e calore nelle case, proprio nel periodo più buio e freddo dell'anno, appunto durante il solstizio d'inverno.

Festa delle luci: Hanukkah
Hanukkah o Chanukah, è una festività ebraica conosciuta anche con il nome Festa delle luci.
Si svolge a cavallo tra due mesi: inizia infatti a Kislev e finisce in Tevet, che corrispondono indicativamente ai nostri medi di novembre e dicembre.
Commemora la consacrazione del nuovo altare nel Tempio di Gerusalemme avvenuta nel 161 a.C.
A quei tempi il re greco Antioco Epifane, ordinò agli ebrei di rinunciare alla propria religione in nome della religione greca.
Vennero distrutti tutti i tempi giudaici. Non tutti però ubbidirono ad Antioco Epifane, fra questi Giuda Maccabeo, che insieme a quattro suoi compagni, gli fece la guerra. Dopo tre anni riuscirono a sconfiggere Antioco Epifane, e per prima cosa purificarono il Tempio e per ri-dedicarlo (Hanukkah significa infatti "dedica") al proprio Dio. 
Per riuscirci però avevano bisogno di una grande quantità di olio benedetto che potesse illuminare il tempio, trovarono però solo una piccola ampolla, che miracolosamente tenne accesa la luce per ben otto giorni.
Ecco perché la festività dura ancora oggi otto giorni. La particolarità sta nell'accensione dei lumi del candelabro ad otto braccia chiamato chanukiah.
Negli ultimi anni l'accensione delle candele è divenuta molto sentita presso le comunità ebraiche che celebrano la festività con grandi celebrazioni pubbliche. 


Festa della Luce: il giorno di San Martino (Sint Maarten) in Olanda
11 novembre nel bel mezzo dell'autunno quando gli alberi sono spogli e fa buio presto, si celebra in Olanda, il giorno di San Martino (Sint Maarten Feest in Olandese). I bambini dopo il tramonto vanno in processione per le case, con delle lanterne (lampionnenoptocht) di carta o cartone con dentro un lumicino realizzate da loro. Davanti ad ogni porta si fermano a cantare delle tipiche canzoni di San Martino (Sint Maarten liedjes) in cambio ricevono dei doni (caramelle e dolcetti), proprio come aveva fatto San Martino regalando il suo mantello al mendicante. Lo spirito di questa celebrazione è proprio quello d'insegnare ai bambini di condividere con gli altri quello che si possiede.

Festa della Luce: Loi Krathong (loy-Kruh-thong) in Thailandia
Questa festa viene celebrata in Thailandia nel mese di novembre. "Loy" significa "galleggiare" e un "Krathong" è un vaso a forma di loto fatto di foglie di banano. Il Krathong di solito contiene una candela, tre bastoncini d'incenso, dei fiori e delle monete. La festa inizia di notte, quando c'è la luna piena nel cielo. Le persone portano i loro Krathongs lungo il corso di un fiume. Dopo aver acceso le candele ed aver espresso un desiderio, si mettono le Krathongs in acqua lasciandoli scivolare via, come dono alla Dea delle Acque. Si ritiene che i Krathongs portino via la sfortuna e che i desideri che le persone esprimono per il nuovo anno si avvereranno. È un momento di grande allegria e felicità perché le sofferenze sono andate via lontano galleggiando. 

Festa della Luce: Diwali in India
Diwali (luci in Indiano) è una "festa delle luci", indù. Simboleggia il trionfo del bene, la luce, sul male, le tenebre. Si tratta di una delle celebrazioni più importanti in India ed è una festa di famiglia, che si svolge in nel mese indù di ashwavaia a cavallo fra ottobre e novembre e dura per cinque giorni.
La legenda narra che al ritorno del Re Rama nella città di Ayodhya dopo 14 anni di esilio, il popolo decorò le case con migliaia di luci in suo onore. Ecco perché ancora adesso le persone decorano le loro case con migliaia di lampade ad olio, le case vengono pulite accuratamente e le finestre lasciate aperte per accogliere Laxmi, la dea della ricchezza. Durante il Diwali, gli indiani comprano del riso soffiato che offrono alla dea della Prosperità Lakshmi.

Festa della Luce: Natale nelle Filippine
Le Filippine sono l'unico paese in Asia a prevalenza cristiana. La festa della luce è caratterizzata dalla vista di "parols" o lanterne stella. Le parols sono delle lanterne ornamentali di bambù e carta fatte a forma di stella di Natale, che evoca la stella di Betlemme che guidò i Re Magi alla presepe. Simboleggia anche la vittoria della luce sulle tenebre, augurando speranza e 'buona volontà durante il periodo natalizio. La vigilia di natale si celebra con processioni dove Maria e Giuseppe, vanno in cerca di un riparo, il loro cammino è illuminato da un corteo di persone che portano le parols accese.
Le parols sono di tutte le dimensioni e durante le feste di Natale decorano le case dei Filippini. Vengono organizzati dei concorsi per scegliere le parols più belle ed originali. Inoltre le famiglie tramandano di generazione in generazione i segreti per costruirle. 

Festa della Luce: Natale in Cina
I Cristiani in Cina festeggiano il Natale con l'accensione di lanterne di carta nelle loro case.
Hanno anche gli alberi di Natale chiamati "Alberi di Luce", decorati con catene di carta, fiori, e lanterne. I bambini cinesi appendono le calze e aspettano la visita di Babbo Natale, che chiamano "Dun Che Lao Ren" (dwyn c'un-lau-oh-run) che significa "Vecchio Natale".
La maggior parte dei cinesi non sono cristiani, la festa invernale più grande in Cina è il Capodanno cinese che si svolge verso la fine di gennaio. In quell'occasione, i bambini ricevono vestiti nuovi, giocattoli, e assistono a fuochi pirotecnici favolosi.

Festa della Luce: Natale in Messico 
Durante i nove giorni prima di Natale, ogni sera i messicani celebrano la "posada", che in italiano vuol dire locanda, locale dove si fermavano i viaggiatori per mangiare e dormire.
Le famiglie messicane marciano di casa in casa con le candele accese, impersonando Giuseppe e Maria verso la strada per Gerusalemme, alla ricerca di una "posada" che li ospiti. I cattolici più osservanti ospitano gli amici e i parenti nella loro casa trasformata in "posada".
I viandanti, si fermano davanti alla casa dei parenti, e cominciano a cantare, mentre i patroni da casa chiusi dentro, rispondono con altri versi attraverso la porta d'ingresso, alla fine aprono le porte della casa e ad ogni invitato regalano un piccolo cestino pieno di dolci, poi si procede al rito della "Piñata" per i bambini.
La "Piñata" è una sagoma realizzata in cartapesta, durante le feste natalizie di solito è fatta a forme di stella, al suo interno ci sono caramelle dolci e frutta. Viene appesa con una corda al soffitto, ogni bambino la colpisce a turno sino a quando non si rompe lasciando cadere in terra e sulla testa dei bambini i dolciumi.

Pin It
Accedi per commentare

Rosi e Moussa

Rosi si è appena trasferita in città con la sua mamma, in un grande palazzo, molto alto, pieno di scale e di vicini che sembrano scontrosi. Non si farà mai degli amici, lo sa già!

E invece arriva Moussa: grande giacca, cappello sempre in testa, tanti fratelli, e un cane che in realtà è... un gatto. Il loro incontro nasce con una sfida: salire sul tetto proibito per guardare tutta la città dall'alto – in barba al bisbetico vicino signor Tak.

E dalle sfide, si sa, nascono le migliori amicizie e le avventure più belle.

Una delicata storia di amicizia e multiculturalità, scritta con naturalezza e senza ipocrisie.

Romanzo perfetto per le prime letture.

Autore: Michael de Cock e Judith Vanistandael

Editore: Il Castoro

Il segreto della resistenza psichica

Quante volte ci siamo detti che sarebbe bello avere una corazza dell’anima, una difesa contro le pressioni lavorative, le forti richieste che arrivano dalla famiglia, dai figli, da questa vita che sembra diventare sempre più stressante. Sarebbe bello avere fiducia in se stessi, così da farci scivolare via le critiche che spesso sentiamo su di noi, oppure avere le risorse per superare le crisi, avere le energie necessarie per affrontare non solo i piccoli problemi quotidiani, ma le inevitabili grosse difficoltà che la vita ci pone davanti. Ci sono persone che hanno tutte queste caratteristiche:  sono le persone resilienti.

Leggi tutto...

L’arte di essere normale

L’arte di essere normale, romanzo pluripremiato d’esordio dell’autrice inglese Lisa Williamson, tradotto in 9 lingue, ha dato avvio a un importante dibattito su tematiche LGBT, trattando la storia di un adolescente transgender. 

Lisa Williamson ha lavorato a lungo in un centro di supporto a ragazzi adolescenti nell’ambito dell’identità di genere e ha riportato la sua esperienza personale in questo racconto.

Narrato con estrema semplicità dello stile, ironia e leggerezza, è senza ombra di dubbio una storia forte, su un adolescente transgender in conflitto con la sua identità.

Leggi tutto...