Carnevale in tutto il mondo

Nel mese di Febbraio si festeggia in Italia il carnevale, il nostro paese è ricchissimo di tradizioni legate a questo periodo: le maschere, le sfilate dei carri, il carnevale romano, quello di Venezia... In realtà questa ricorrenza è festeggiata anche in molte altre parti del mondo, a volte in date diverse e con tradizioni diverse in ogni paese. Unica caratteristica comune, la trasgressione delle regole e il divertimento.



A Colonia, in Germania 
Il carnevale inizia addirittura l'11 novembre alle 11. In questa giornata vengono eletti i personaggi più importanti del carnevale: il principe, il fante e la Vergine. 
Il centro dei festeggiamenti ha inizio il giovedì grasso, quando per tradizione "comandano le donne" e possono prendersi ogni libertà verso gli uomini: mascherate, catturano i loro compagni e tagliano loro la cravatta. 
Il lunedì grasso (lunedì delle rose) poi ha luogo una grande sfilata con carri, danze, musica, costumi. Dai carri vengono lanciati alla folla fiori e dolciumi. La sfilata inizia alle 11 del mattino e finisce a pomeriggio inoltrato. 
Il mercoledì delle ceneri tutti i ristoranti della città servono pesce. 

A New Orleans, negli Stati Uniti 
La celebrazione del Mardi Gras di new Orleans ha inizio nel 1827, poi a partire dal 1837 fu messa in scena la prima sfilata per le strade della città.
Da allora, i festeggiamenti del carnevale vengono presi molto sul 'serio', tanto che gli organizzatori chiamano questo periodo 'madness' (follia) e, in effetti, è come se la gente fosse colta da temporanea pazzia. Infatti anche le persone più rispettabili, perfettamente inserite nella comunità cittadina, si travestono da Dragor.


A Londra, nel quartiere di Notting Hill 
A Londra il carnevale viene festeggiato nel mese di agosto . 
Qui, migliaia di persone si ritrovano, a fine agosto, a festeggiare il Carnevale nelle strade del quartiere di Notting Hill, da cui prende anche il nome di 'Notting Hill Carnival'.
Le radici del Carnevale di Londra si trovano a Trinidad, dove, durante la schiavitù, alla gente di colore era proibito suonare strumenti musicali e indossare costumi, a meno che non stessero accompagnando i loro padroni. Quando nel 1883 è stata annunciata la libertà dalla schiavitù, i neri hanno occupato le strade con canzoni e balli. Nel 1883 c'è stato il primo Carnival Party con canzoni, danze e costumi. 
Cinque sono le discipline più importanti del Carnevale: Mas (la sfilata delle maschere), Calypso (la musica tradizionale di Trinidad, si pensi ad Harry Belafonte), Soca (il calypso moderno), Steelpan (il tradizionale strumento di Trinidad), Sound Systems (nati in Giamaica e che oggi suonano diversi tipi di musica). 

A Rio de Janeiro in Brasile 
Il Carnevale brasiliano è la la festa più famosa del Brasile, con le sue sfilate organizzate all'interno del Sambodromo, strada costeggiata da gradinate installate appositamente, dove sfilano le migliori scuole di samba della città.
La sua origine è comunque legata ad antichissime tradizioni del luogo, i carri allegorici sono stati invece aggiunti solo in seguito insieme alle maschere 
Il Colore e la musica caratterizzano questo Carnevale, dove tutto il popolo partecipa alla samba (o semba, come veniva scritta un tempo, che significa, in lingua angolana, 'colpo d'ombelico'), che è vera la protagonista del Carnevale. 
Vengono utilizzati anche un gran numero di strumenti improvvisati, come ad esempio gli utensili da cucina, quali la 'frigideira', cioè la padella, o il 'foca-no-prato', un coltello sfregato contro un piatto, oppure tamburi ottenuti con bidoni di benzina vuoti per segnare il ritmo.
Per i brasiliani è l'evento più importante di tutto l'anno, la popolazione risparmia e tira la cinghia per potersi permettere i costumi per la grande sfilata. In tutto il Brasile è festa per quattro giorni: dal sabato al martedì grasso, l'estate brasiliana esplode di colori, feste e balli.

A Sitges in Spagna
Qui si festeggia il carnevale più trasgressivo del mondo: le strade si riempiono di gente mascherata, fino alle 300.000 persone; la festa va avanti per tutta la notte e culmina l'ultima sera con i carri allegorici. Sono presenti anche diverse tra le migliori Drag Queen d'Europa che rendono assolutamente unica la festa.

A Dagor in Danimarca
Dagor è un piccolo centro vicino a Copenaghen. Qui durante il Carnevale si tiene una gara par eleggere il "re dei gatti". Alcuni giovani in costume e a cavallo cercano di colpire una botticella appesa tra due pali con una mazza: un tempo dentro la botticella veniva chiuso un gatto, oggi sostituito con dolci e premi per il cavaliere che per primo riesce, con un solo colpo di mazza, a rompere la botticella.


Il carnevale è una festa grande e festeggiata in tutto il mondo, interessante sarebbe conoscere questi carnevali da vicino per apprezzarli al meglio.
Se decidete di restare a casa, sono molte le tradizioni italiana da apprezzare, a partire dai deliziosi dolci da cucinare che potete trovare nell'articolo: 
http://www.officinagenitori.org/php/content_art.php?id_content=2564

Ecco una serie di eventi che potrebbero fare al caso vostro. 

http://www.folclore.eu/It/Eventi/Italia/Piemonte/Carnevale
http://www.anconatoday.it/eventi/carnevale-ancona-provincia-2013.html
http://www.eventiesagre.it/Carnevale/elenco.html
http://www.foggiatoday.it/eventi/carnevale-2013-foggia.html
http://www.milanotoday.it/eventi/carnevale-ambrosiano-milano-16-febbraio-2013.html
www.carnevale.venezia.it/

 

Pin It
Accedi per commentare

Pane e cioccolato

Nina e Susi sono amiche del cuore, stanno molto bene insieme e hanno molte cose in comune, tranne…il colore della pelle. A scuola tutte le chiamano pane e cioccolato.

Nina sogna una principessa color cioccolato, proprio come lei, ma ha paura di essersi sbagliata perché i suoi compagni dicono che è impossibile: non esiste qui una principessa così. E anche a casa, nel libro di fiabe della mamma, una principessa nera non si trova. Così mamma e papà, insieme alla sua amica Susi organizzano una caccia alla principessa color cioccolato, fanno una spedizione in biblioteca e scoprono che fra le pagine di un libro c'è Akira, una principessa africana, bella e anche coraggiosa.

Questa è l'incantevole storia di una bambina nera, che esprime il suo senso di estraneità in mezzo a gente dalla pelle "bianca come la panna".

Per affrontare un tema delicato come le diverse identità e le varie peculiarità somatiche, è molto utile la chiave di lettura per gli adulti a cura di Mariateresa Zattoni, inserita alla fine del libro, scritto da Lodovica Cima.

Età consigliata dai 6 agli 8 anni

Il libro è inserito all'interno della collana "Parole per dirlo" edita da San Paolo Edizioni, rivolta ai bambini di 6-8 anni. Non sempre è facile trovare le parole giuste per spiegare ai bambini alcuni eventi della vita, situazioni difficili che si incontrano in famiglia, a scuola o con gli amici. Il modo migliore è quello di raccontare loro una storia che gli aiuti a capire ed accettare la novità.

Lodovica Cima vive e lavora a Milano, dove si è laureata in Letteratura italiana comparata alla Letteratura inglese. Ha due figli. Da più di quindici anni lavora nell'editoria per ragazzi, dapprima come redattrice in case editrici librarie (Signorelli, Vita e Pensiero, Cetem, De Agostini, Giunti, PBM Editori) e poi, dal 1996 come autrice/progettista e consulente editoriale. Ha creato e diretto per nove anni la collana di narrativa per ragazzi "La giostra di carta" per Bruno Mondadori Editore. Insegna al Master per L'Editoria istituito dall'Università degli studi di Milano e dalla Fondazione Alberto e Arnoldo Mondadori. Partecipa a giurie di premi letterari riservati ai ragazzi e scrive, oltre a romanzi e fiabe che si trovano in libreria, anche testi scolastici e parascolastici.

Francesca Carabelli, autrice delle illustrazioni, è nata a Roma nel 1969. Ha iniziato la sua attività artistica nel campo dell'animazione e successivamente si è dedicata all'illustrazione per l'infanzia. Ha partecipato a diverse mostre e concorsi. Ha pubblicato i suoi lavori con varie case editrici.

Intervista all'autrice: Lodovica Cima

autore: Lodovica Cima - Illustrazioni Francesca Carabelli

editore: San Paolo Edizioni, 2009

Un computer dal cuore saggio. Considerazioni educative sull’uso consapevole del computer e della rete

Scrivere una fiaba su sicurezza in internet e minori è stato un  percorso  condiviso con Mauro Ozenda esperto in materia e collaboratore  della associazione Mani colorate.

Si sono toccate tematiche delicate come la  potenzialità della rete, il rispetto e  il significato della “Netiquette”  ma anche rischi e pericoli quali la pedopornografia, cyberbullismo,  sexting, sicurezza, tutela della privacy, etc.

Leggi tutto...

Il ritmo del corpo. Muoversi con consapevolezza

Un libro e un percorso sulla consapevolezza del sé, per sintonizzare il proprio corpo e la propria mente con i ritmi interiori e con quelli dell’ambiente che ci circonda attraverso la pratica costante, perseverante e umile del Daoyin Yangshen Gong, la forma del qi gong diffusasi in Cina negli anni 70 al fine di migliorare la salute e acquisire longevità.

Gli autori del libro, uno insegnante di qi gong e operatore tuina e l’altra fondatrice dell’Associazione Culturale ”Centro per lo Sviluppo Evolutivo dell’Uomo”, raccontandoci la propria esperienza personale maturata da contesti diversi, ci conducono passo dopo passo e con estrema chiarezza in questa dimensione caratterizzata da esercizi fisici armonici e rilassanti di estremo beneficio per la nostra salute, ma anche e soprattutto funzionali ad un recupero della capacità del nostro corpo-mente di ascoltarsi lasciando scorrere le energie vitali.

Leggi tutto...