Un esperto in Officina. Separati in casa?

Nel caso in cui due genitori desiderino separarsi, ma non possano permettersi di raddoppiare le spese di alloggio e sostentamento, esiste una normativa che disciplina la separazione "in casa"? In caso contrario, esiste un'alternativa percorribile che tenga conto delle condizioni economiche dei separandi?


La risposta al primo quesito è NO!
La ratio della separazione personale tra coniugi è quella di creare una scissione del nucleo familiare in conseguenza dall'esaurimento dell'affectio coniugalis. 
In altre parole, l'intollerabilità della convivenza costituisce il presupposto per l'insorgenza del diritto dei coniugi di accesso ad una tutela giudiziale attraverso il ricorso all'istituto della separazione personale.
Il primo comma dell'articolo 151 del Codice Civile recita: "la separazione può essere chiesta quando si verificano, anche indipendentemente dalla volontà di uno o di entrambi i coniugi, fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza o da recare grave pregiudizio alla educazione della prole".
In effetti, il primo e principale provvedimento reso dal Tribunale dinnanzi al quale si incardina il giudizio di separazione, è quello di autorizzazione dei coniugi a vivere separatamente.
È evidente quindi, che se il Giudice autorizzasse i coniugi a proseguire la convivenza, sarebbe tradito lo spirito stesso dell'istituto giuridico della separazione personale tra coniugi.
Questo, tuttavia, non preclude che i coniugi che si trovino nella impossibilità di fronteggiare un raddoppio delle spese necessarie per vivere, una volta ottenuta la omologazione della separazione, e pur manifestando l'intenzione di tenerne fermi gli effetti, si accordino per condividere gli spazi casalinghi.
È bene tuttavia precisare che la sentenza di separazione è destinata a perdere la propria efficacia laddove uno o entrambi i coniugi possano dimostrare la semplice ripresa del legame di coniugio; la prosecuzione della convivenza materiale può pertanto fornire la stura per il coniuge che volesse opporsi ad una successiva domanda di divorzio, per dimostrare che oltre alla convivenza materiale non sia mai cessata la convivenza spirituale.

Si deve quindi concludere che non esista un previsione normativa della "separazione in casa", che al più potrà essere frutto di una futura elaborazione giurisprudenziale laddove gli attuali disagi economici dovessero diventare sì conclamati da indurre la magistratura ad occuparsi della questione; tuttavia, tale evenienza non trova limiti in divieti espressamente previsti dalla legge ma, al più, espone i coniugi ad eventuali problemi dimostrativi in ordine alla persistenza dello stato di separazione. Ciò rende opportuno che i coniugi, una volta ottenuta la pronuncia giudiziale, sottoscrivano una scrittura privata con cui si diano reciprocamente atto dei motivi e dello scopo della prosecuzione della convivenza meramente materiale ribadendo la cessazione della comunione spirituale.

Anche al secondo quesito deve essere fornita una risposta negativa, non esistendo alcuno strumento normativo utilizzabile per sopperire alle difficoltà economiche dei coniugi.

Risposta a cura dell'Avvocato Floriana Rendina

Pin It
Accedi per commentare

L’arte di essere normale

L’arte di essere normale, romanzo pluripremiato d’esordio dell’autrice inglese Lisa Williamson, tradotto in 9 lingue, ha dato avvio a un importante dibattito su tematiche LGBT, trattando la storia di un adolescente transgender. 

Lisa Williamson ha lavorato a lungo in un centro di supporto a ragazzi adolescenti nell’ambito dell’identità di genere e ha riportato la sua esperienza personale in questo racconto.

Narrato con estrema semplicità dello stile, ironia e leggerezza, è senza ombra di dubbio una storia forte, su un adolescente transgender in conflitto con la sua identità.

Leggi tutto...

Flicts

Flicts è un colore triste e solitario perché nessuna cosa intorno ha quel colore e nessuno vuole giocare con lui. Flicts non è rosso, non è giallo, non è verde, non è blu. Il sole è giallo, il cielo è azzurro, i fiori sono rossi, arancioni, rosa. Ma niente è flicts. Nessun colore lo invita a fare il girotondo, tutti hanno da fare quando lui li cerca. Finché non scopre che .... la luna è flicts. Pochi hanno visto il vero colore del suolo lunare, ma Armstrong, il primo astronauta che ha messo piede sul nostro satellite, garantisce che la luna ha quel colore, con tanto di autografo. 

Un librino bello, colorato. Flicts in realtà è una specie di ocra, colore forse "normale" per noi, ma ogni bimbo in realtà si sente un po' flicts, a volte. Vorrebbe essere uguale agli altri e invece è diverso. Le chiavi di lettura sono tante e secondo me ha una poeticità semplice ma commovente.

Alves Pinto Ziraldo è tra i più conosciuti autori per l'infanzia in lingua portoghese.

Consigliato per l'età prescolare. 

autore: Alves Pinto Ziraldo

editore: Editori Riuniti

Arcobaleno fa la pace

Il pesciolino Arcobaleno e i suoi amici vivono spensierati in fondo all'oceano. Poco lontano, una bella balena blu si lascia cullare dalle onde osservandoli placidamente.

"Perché ci guarda in quel modo?" si chiedono un giorno, insospettiti, i pesciolini.

"Grande e grossa com'è, chissà quanto mangia. E se divorasse tutto quello che c'è in giro?".

Sentendoli parlare così, la balena, che in realtà stava solo ammirando le loro belle scaglie brillanti, s'indispettisce e la sua rabbia non resterà senza conseguenze...

"Dobbiamo fare la pace" decide allora Arcobaleno "perché quando si litiga si finisce per stare male tutti".

Sì, ma in che modo?

Sembrava complicato, ma quanto è semplice fare la pace! Balena e Arcobaleno parlano a lungo. La balena spiega ad Arcobaleno perché si è arrabbiata... i due ridono insieme e trovano un accordo e ben presto nessuno riesce a spiegarsi più perché quel bisticcio sia mai avvenuto.

Le illustrazioni sono ulteriormente abbellite dalle lamine rifrangenti che fanno luccicare le scaglie dei pesciolini.

Per bambini in età prescolare.

Della stessa serie
"Arcobaleno, il pesciolino più bello di tutti i mari" che insegna la felicità nel donare 
"Arcobaleno, non lasciarmi solo!", che insegna a non creare gruppi esclusivi e ad accettare anche coloro che sono diversi da noi.

autore: Isabella Bossi Fedrigotti, Marcus Pfister

editore: Nord-Sud