Chi siamo

Siamo ovviamente genitori, persone che si interrogano sul proprio ruolo, con un gran desiderio di imparare e di crescere insieme ai bambini. Crediamo nel confronto e nello scambio, nell'informazione e nel superamento di stereotipi e pregiudizi. Proponiamo un modello di genitorialità curiosa e informata, attenta in prima istanza alle esigenze dei bambini, di tutti i bambini.

Tutti noi fondatori di Officina Genitori arriviamo da web community di riferimento sul mondo dei bambini, con importanti esperienze nell'associazionismo legato ai temi dell'infanzia. Proprio in rete abbiamo voluto dar vita a una Officina dove “aggiustarsi” come genitori, dove trovare aiuto e condividere informazioni, lavorare insieme per i valori in cui crediamo e ritrovare l'energia e la consapevolezza necessarie per essere genitori.

Non ambiamo a diventare genitori perfetti ma più attenti, convinti che di ogni singolo bambino vadano tutelati non solo i diritti, ma anche l'integrità e l'identità personale.

Cosa facciamo

In Officina cerchiamo di fare informazione su tutto quello che riguarda i bambini, gli adolescenti e le famiglie. Ci confrontiamo sui tanti temi dell'infanzia e sui diversi tipi di genitorialità che caratterizzano la nostra società.

Veicoliamo le informazioni e le notizie attraverso il lavoro della nostra redazione, realizzando progetti editoriali, attraverso uno sportello di consulenza gratuito e creiamo occasioni di confronto e riflessione sul nostro forum.

Gestione sito e redazione

Anna Wittreich, Arianna Barbero, Candida De Bernardinis, Carmela Libetta, Cristina Selva, Ilaria Nasini, Maria Caprì, Marina Acquati, Nadia Costa,  Paola Crisafulli

Collaborano inoltre...

Anna Laura Boldorini, Benedetta Gargiulo, Caterina De Roberto, Chiara Mancarella, Concetta Maffione, Floriana Rendina, Maria Pia Martignoni, Marina Leonardi, Michele Palazzetti, Rita Bimbatti, Rosa Rita Formica, Sara Baistrocchi

Pin It

Il mare in fondo al bosco

…quella era un città buia fitta di misteri, una città piccola perché un bambino come lui, Paolo, potesse esplorarla e scoprirci dei segreti…

Trovò in terra dei libri, li guardò uno dopo l’altro e a poco a poco riuscì a leggerli. Intanto si accorgeva che quello che stava leggendo riusciva a vederlo anche se non c’erano le figure. “Forse - pensò - sto diventando anch’io un bambino inventato. Sarebbe divertente!”
A un tratto aprì un libro e dalle pagine si alzò una foresta: era un libro animato, di quelli da cui, quando si sfogliano, si vedono saltar fuori castelli, boschi, velieri, talmente belli che sembrano veri. Gli venne voglia di provare a entrarefra quegli alberi. Quella foresta poi era una giungla, certo zeppa di belve, di serpenti di insetti velenosissimi.
Be’ paura o non pauraaveva una gran smania divederla quella giungla, l’idea di passare dal buio di una città pericolosa, al buio di una foresta tropicale, adesso, lo tentava troppo.
Sentì delle voci e un gran correre: lontano nelle strade dei tipi loschi.

Il romanzo è una fantasticheria in cui, con ritmo crescente, compaiono città insidiose, giungle popolate di belve, mari in burrasca, magie luminose, grovigli di strade misteriose. I protagonisti sono bambini, bande criminali, mercanti di schiavi, maghi e mostri orrendi, pirati e scimmie, folletti e coccodrilli.

Età di lettura consigliata: da 4 anni.

autore: Pinin Carpi

editore: Einaudi Ragazzi

Genitori fatti ad arte. Prepararsi all'arrivo di un bambino

Questo libro è un diario, una storia, un prezioso scrigno di suggerimenti, idee, proposte, esercizi, riflessioni che accompagnano e si intrecciano al percorso che ogni donna e ogni uomo fanno nelle 40 settimane di attesa.

Dalla scoperta dell'esistenza di una nuova vita all'emozione del primo vagito.

Leggi tutto...

Una sorellina per Paolino

Presto mamma coniglio avrà un piccolo e tutti sono felici...

Tutti tranne Paolino. Il suo amico Robi l'ha avvertito: i neonati sono una vera catastrofe e Paolino, a dire il vero, preferirebbe avere un criceto, piuttosto che un bebè.

Ma, quando nasce la sorellina, cambia tutto...

Una storia piena di umorismo e tenerezza che parla dei dubbi e delle paure di tutti i bambini, quando arriva a casa un fratellino.

Età consigliata: dai 3 anni.

 

autore: Brigitte Weninger, Éve Tharlet (traduzione di L. Battistutta)

editore: Nord-Sud