I benefici dello sport per i bambini

Nel particolare e delicato momento della crescita, lo sport ricopre un ruolo fondamentale e crea preziose occasioni d'incontro e confronto tra coetanei. Oggi i bambini non hanno quasi più la possibilità di vivere la magnifica esperienza "del cortile", specie nelle grandi città. Dunque, l'attività sportiva permette loro di sperimentare lo spirito di gruppo e rifuggire a noia e solitudine, mettendo in scena i propri desideri, aspirazioni, ambizioni e mitigando il naturale egocentrismo tipico di questa età.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità sottolinea come il binomio movimento-salute sia fondamentale per un corretto sviluppo della personalità e il raggiungimento e mantenimento del benessere fisico. Anche il Ministero della Pubblica Istruzione fornisce linee guida a riguardo, che interessano la scuola dell'infanzia fino alle scuole secondarie di secondo grado. I bambini, a partire dai 3-4 anni, iniziano a prendere coscienza e acquisire il senso del proprio sé fisico, il controllo del corpo, delle sue funzioni, della sua immagine, delle possibilità sensoriali ed espressive e di relazione ed imparano ad averne cura attraverso l'educazione alla salute. Attraverso il corpo sperimentano l'esperienza sensoriale e percettiva, che permette loro di scoprirne le potenzialità, di affinarle e di rappresentarlo.

 

L'approccio ludico al movimento consolida la sicurezza di sé e permette ai bambini di sperimentare le potenzialità e i limiti della propria fisicità, i rischi dei movimenti incontrollati e violenti, le diverse sensazioni date dai momenti di rilassamento e di tensione, il piacere del coordinare le attività con quelle degli altri in modo armonico.

I benefici psicomotori che si possono trarre dal praticare un'attività sportiva sono molti: controllo del peso corporeo, ottimizzazione dell'efficienza muscolo-scheletrica, stimolazione del sistema immunitario e ormonale, azione generale positiva sulla psiche, aumento della forza di volontà, miglioramento dell'autostima e maggiore fiducia nelle proprie capacità. Possiamo scegliere un corso che permetta di fare molte esperienze di movimento e gioco, sviluppando più competenze in modo armonioso, come ad esempio baby-nuoto, attività propedeutiche alla danza classica e moderna, pattinaggio a rotelle e su ghiaccio. Meglio evitare lo sport agonistico prima dei 12 anni, poiché nell'età infantile un'eccessiva competizione rischia di procurare carichi di stress e trasformare la voglia spensierata di divertirsi in ansia da prestazione.

Come scegliere lo sport più indicato al bambino? Che la scelta opti a divenire nel tempo una pratica agonistica o rimanga un'attività dove occupare in modo divertente e sano il tempo libero, l'importante è che sia appassionante, lo diverta, gli consenta di vivere in modo piacevole il tempo insieme ai suoi coetanei, con gioia e senza costrizioni. Tenendo conto delle sue predisposizioni naturali, delle sue caratteristiche fisiche, della sua capacità di relazionarsi con gli altri e del suo carattere.

Sport di squadra oppure individuale? In linea generale, gli sport di squadra, quali calcio, pallavolo, pallacanestro, baseball, possono aiutare i bimbi timidi e riservati, che tendono a sfuggire il confronto con il gruppo poiché temono di non essere all'altezza, di sbagliare. Praticarli può aiutare loro a vivere meglio le relazioni sociali e acquisire maggior sicurezza in se stessi. Nello stesso tempo, il gioco di squadra può apportare benefici a bambini egocentrici e troppo sicuri; con il tempo impareranno a rispettare gli altri e a capire che a volte si può pure perdere.

Per ciò che riguarda gli sport individuali, essi possono rivelarsi adatti a bimbi irruenti ed irrequieti. Le regole di comportamento necessarie per praticare sport come arti marziali, scherma, tennis, possono insegnare l'autodisciplina, conquista importantissima non solo in ambito sportivo.

Pin It
Accedi per commentare

Io mangio come voi

63 ricette gustose per mangiare bene da 6 mesi a 99 anni

Dai 6 mesi i bimbi iniziano ad assaggiare il cibo dei grandi, ma con omogeneizzati e minestrine non sempre lo fanno con piacere. Perché non iniziare subito a proporre loro dei cibi sani, semplici da preparare, ma allo stesso tempo gustosi e adatti a tutta la famiglia?

Leggi tutto...

1940-1945 Gioele, fuga per tornare

Un viaggio a ritroso nel tempo, basato su documenti originali e su frammenti di memoria, dove l'autore Giulio Levi, trova la forza di ritornare alla sua infanzia per raccontare ai bambini di oggi, sono passate due generazioni, la storia della sua famiglia; siamo negli anni bui che vedono le leggi razziali applicate anche in Italia.

Leggi tutto...

Rosi e Moussa

Rosi si è appena trasferita in città con la sua mamma, in un grande palazzo, molto alto, pieno di scale e di vicini che sembrano scontrosi. Non si farà mai degli amici, lo sa già!

E invece arriva Moussa: grande giacca, cappello sempre in testa, tanti fratelli, e un cane che in realtà è... un gatto. Il loro incontro nasce con una sfida: salire sul tetto proibito per guardare tutta la città dall'alto – in barba al bisbetico vicino signor Tak.

E dalle sfide, si sa, nascono le migliori amicizie e le avventure più belle.

Una delicata storia di amicizia e multiculturalità, scritta con naturalezza e senza ipocrisie.

Romanzo perfetto per le prime letture.

Autore: Michael de Cock e Judith Vanistandael

Editore: Il Castoro