Aspettando Natale

Tema: il tempo, l'attesa e il Natale

Attività: il calendario dell'avvento

Età: attività adatta a qualsiasi età

Opera: Gli ombrelli (Les Parapluies), olio su tela, 180X114 cm, National Gallery Londra

Autore: Pierre Auguste Renoir

È autunno e, sebbene non vi siano certezze a proposito, anche questa immagine di Renoir sembra offrire uno scorcio di giornata autunnale. Una giornata piovosa, ma non per questo triste e piatta. Non per la maggior parte della gente sorridente, sebbene indaffarata a farsi spazio tra il mare di ombrelli, sicuramente non per la bambina che ci fissa dall'angolo in basso a destra del dipinto, accennando appena appena un furbo sorriso.

 
Mi piace questa immagine, ma soprattutto amo il dettaglio dell'espressione della bimba. È in tutto e per tutto un buon esempio di dipinto impressionista. Non tanto per le pennellate veloci, l'utilizzo dei colori o per l'attenzione alle particolari condizioni di luce, ma perchè cattura un istante preciso. Ogni quadro impressionista è un'istantanea di uno specifico momento: di quello e quello soltanto. Dopotutto gli impressionisti dovevano competere con il contemporaneo diffondersi dell'uso della macchina fotografica! Qui l'artista ci regala il momento esatto in cui la bambina ha alzato gli occhi, distogliendo l'attenzione dalla pioggia, dalla strada, o forse più probabilmente dal suo cerchio, per osservare il pittore, incuriosita probabilmente da ciò che stava facendo.

Il tempo è fondamentale per gli impressionisti. Il tempo che passa e che regala in ogni istante diverse condizioni visive e possibili spunti pittorici. Un susseguirsi di momenti che racchiudono ognuno un piccolo prezioso dono.
Tutto questo mi fa pensare che si sta avvicinando il Natale e che come famiglia possiamo assumere un atteggiamento impressionista e collezionare attimi speciali nell'attesa di questa festa.
Quando si hanno dei bambini è molto comune acquistare un calendario dell'avvento: l'attesa ed il passare del tempo prendono forma concreta. Vi invito allora ad affrontare questa cosa in modo creativo ed un po' alternativo. Invece che comprare un calendario dell'avvento sarà molto divertente costruirne uno. Con ciò, non solo risparmierete soldi guadagnando anche in qualità, ma potrete creare un calendario dell'avvento "perpetuo", da riutilizzare ogni anno. 

Le possibilità sono svariate. Dò soltanto alcune idee, ma sentitevi liberi di spaziare con la fantasia e creare il tipo di calendario che più vi piace, in linea con lo stile della vostra famiglia, della vostra casa, e dei vostri hobby. Se per esempio c'è qualcuno di voi che ama cucire, il calendario potrà essere fatto semplicemente da 24 sacchettini di stoffa cuciti su un'unico sfondo. Oppure potete usare delle semplici bustine di carta, decorate dai vostri bambini. O ancora, barattolini vuoti e puliti di yougurt, mollettine da bucato numerate attaccate ad un filo teso in salotto, rotoli finiti di cartaigienica dipinti e numerati... Le possibilità sono davero innumervoli e in caso di bisogno potete sempre cercare ispirazione online.

La cosa su cui però vorrei puntare l'attenzione è il contenuto di questi piccoli scrigni giornalieri. Nei calendari dell'avvento in commercio si trovano normalmente cioccolatini o caramelle, ma propongo un'alternativa, sia per evitare un eccesso di zucchero ancor prima che siano iniziate le feste natalizie, sia e soprattutto per trasformare l'attesa ed il senso del tempo che passa in qualcosa di creativo ed educativo. Al solito, modi diversi per condividere attimi speciali insieme.

Anche in questo caso vi sono varie possibilità. Scegliete quella che preferite, che sentite più vicina alla vostra sensibilità e che si addice maggiormente all'età ed al carattere dei vostri figli. Oppure combinate diverse soluzioni. Potete mettere in ogni contenitore-giorno un foglietto con scritta una proposta di attività da fare. Possono essere giochi o oggetti da costruire (per cui il foglietto sarà corredato di istruzioni), oppure cose più generali da fare insieme al resto della famiglia, più o meno correlate con il Natale. 
Vi faccio degli esempi concreti. Quando la mia bambina aveva 5 anni in ogni fogliettino ho scritto delle istruzioni per costruire semplici giochi tradizionali. Tra questi: il tangram, dei trampoli fatti con vecchie latte di vernice, gare di lanci dei bottoni, attacca la coda all'asino, varie versioni di giochi con le biglie, il bibloquet, bowling e tiro al bersaglio casalingo, una fionda, i pentamini, aereoplanini di carta, il gioco delle pulci, gare con le rane fatte ad origami, la trottola, marionette da dita...
Quest'anno invece ho optato per la seconda idea e metterò indicazioni tipo: scrivere la lettera a Babbo Natale, leggere una storia che parla di Natale, preparare i bigliettini d'auguri, inventare dei segnaposti personalizzati per il pranzo di Natale, fare una capanna in casa e cenarci dentro, cucinare dei biscotti di pan di zenzero, cercare informazioni sulle tradizioni natalizie di altri Paesi del mondo, cantare una canzone natalizia e inventare nuove parole, fare un favore ad un membro della famiglia, inventare una storia combinando 4 elementi: Babbo Natale, una chitarra elettrica, un forno a microonde ed un paraorecchie... Potrei continuare all'infinito, ma non voglio tediarvi oltre e sono certa che avete colto il senso della proposta e potrete sviluppare la vostra personale idea.

La cosa bella di questo tipo di calendari è che presuppongono quasi sempre la partecipazione e collaborazione di diversi membri della famiglia, offrendo modi diversi di stare insieme.
Se vi risulta difficile trovare 24 attività, potete sempre intervallare i fogliettini con qualche cioccolatino o oggettino tipo biglie, adesivi, spille...
Buon divertimento e buon conto alla rovescia! 

Alcuni spunti di idee online:

http://www.tiriordino.com/fai-da-te-bricolage/calendari-dellavvento-diy/
http://www.riciclattoli.com/2011/11/calendario-dellavvento-fai-da-te.html
http://cecrisicecrisi.blogspot.it/2012/11/100-attivita-calendario-avvento-grandi-e-bambini.html
http://www.Pinterest.com

Pin It
Accedi per commentare

Il volo di Sara

In un grigio pomeriggio autunnale la piccola Sara scende dal treno che la porta insieme a tanti altri verso le baracche di un campo di concentramento.

Leggi tutto...

1940-1945 Gioele, fuga per tornare

Un viaggio a ritroso nel tempo, basato su documenti originali e su frammenti di memoria, dove l'autore Giulio Levi, trova la forza di ritornare alla sua infanzia per raccontare ai bambini di oggi, sono passate due generazioni, la storia della sua famiglia; siamo negli anni bui che vedono le leggi razziali applicate anche in Italia.

Leggi tutto...

Il ritmo del corpo. Muoversi con consapevolezza

Un libro e un percorso sulla consapevolezza del sé, per sintonizzare il proprio corpo e la propria mente con i ritmi interiori e con quelli dell’ambiente che ci circonda attraverso la pratica costante, perseverante e umile del Daoyin Yangshen Gong, la forma del qi gong diffusasi in Cina negli anni 70 al fine di migliorare la salute e acquisire longevità.

Gli autori del libro, uno insegnante di qi gong e operatore tuina e l’altra fondatrice dell’Associazione Culturale ”Centro per lo Sviluppo Evolutivo dell’Uomo”, raccontandoci la propria esperienza personale maturata da contesti diversi, ci conducono passo dopo passo e con estrema chiarezza in questa dimensione caratterizzata da esercizi fisici armonici e rilassanti di estremo beneficio per la nostra salute, ma anche e soprattutto funzionali ad un recupero della capacità del nostro corpo-mente di ascoltarsi lasciando scorrere le energie vitali.

Leggi tutto...