Leggere tra le righe

Tema: messaggi celati, messaggi s-velati

Attività: codici e scritture segrete

Età: dai 3 anni

Opera: Leggi tra le righe, olio, gessi e pigmenti su tela, 60x80 cm 

Autore: Laura Serafini


Passeggiando tra le vie del centro di Arezzo la scorsa estate mi sono imbattuta in una mostra di artsiti contemporanei. Vagando curiosa tra i corridoi sono stata subito colpita dalle opere di un'artista in particolare: Laura Serafini. 

Mi ha intrigato il modo in cui, nel suo lavoro, le immagini vengono a crearsi attraverso un dialogo insolito tra disegno, materiali e segni grafici. Cercando maggiori informazioni sull'artista ho letto un'intervista che le è stata fatta e una sua dichiarazione mi è rimasta impressa nella mente. 
Laura dice: dipingendo impari a guardare oltre quello che vedono gli occhi comuni. 


È un pensiero estremamente interessante ed assolutamente in linea con gli intenti di questa rubrica. Potremmo modificarlo leggermente adattandolo ai nostri scopi e sostenere che facendo il genitore impari a guardare oltre quello che vedono gli occhi comuni. O almeno, come abbiamo ripetuto molte volte, in quanto genitori cerchiamo sempre di guardare oltre e captare ciò che gli occhi comuni non scorgono! 

Tra le opere che ho potuto vedere dal vivo visitando la mostra di Laura ad Arezzo ne ho scelta una che mi ha offerto subito uno spunto di riflessione molto interessante. La ragazzina sta evidentemente facendo i compiti, ma appare completamente immersa nei suoi pensieri, vagabondando tra idee e contesti mentali probabilmente per lei molto più interessanti. Un post-it in un angolo dell'immagine fa eco al titolo dell'opera stessa "leggi tra le righe".

Io l'ho interpretato, attraverso il mio personale punto di vista, come un messaggio da parte della ragazzina, una richiesta di andare oltre e cogliere quanto il suo viso annoiato e l'atteggiamento del corpo ci stanno dicendo. Vi sono molti livelli interpretativi e tutta l'opera si articola su giochi di significato, ambivalenze, doppi sensi e messaggi celati o da decodificare. Tutto ciò si offre come pretesto perfetto per ragionare insieme circa i messaggi che a volte i nostri figli ci mandano con modalità che non sempre sono chiare e univocamente interpretabili. Dobbiamo sforzarci di leggere tra le righe, capire cosa parole e comportamenti vogliono davvero dire, quali sono i messaggi impliciti, quali i bisogni sottesi a determinate azioni e reazioni. Non è impresa facile, no, assolutamente no. Sicuramente è complessa e richiede tanta pratica ed esperienza, ma provarci è già un buon inizio! 

Trasformiamo, al solito, questo spunto di riflessione in un attività pratica da fare con i nostri figli. Non ci aiuterà ad interpretare meglio le ragioni alla base dei loro comportamenti, ma sarà un'occasione per riflettere insieme, in un modo divertente, circa la complessità dei messaggi e della comunicazione.
Vi propongo due attività diverse, la prima affascinante ed adatta anche a bambini piccoli, la seconda rivolta a bambini e ragazzi più grandi. Giochiamo con codici, messaggi segreti e scritture misteriose.
Nel primo caso creiamo dell'inchiostro invisibile. È semplice e bastano pochi ingredienti facilmente reperibili in casa. Scriviamo il nostro messaggio segreto con un pennellino o anche un normale cotton-fiock intinti nel succo di limone. Non appena l'inchiostro asciugherà, il foglio tornerà ad essere bianco e pulito, senza traccia della scritta. Il trucco per far riapparire il messaggio è scaldare il foglio (con il phon, o con la fiamma di una candela, facendo molta attenzione a non bruciarlo avvicinandolo troppo, e soprattutto non lasciando sperimentare i bambini da soli!). 
Una variante è scrivere con una soluzione di acqua e bicarbonato e svelare il messaggio spennellando il foglio con dell'aceto.

L'attività per i più grandi invece è la creazione di codici segreti. Ci sono svariate possibiità a proposito.
La più semplice è associare ad ogni lettera dell'alfabeto un simbolo, un numero o una semplice immagine. Oppure creare una doppia rotella sovrapponendo due cerchietti di cartoncino di diversa grandezza fermati al centro con un fermacampioni (in modo che possano ruotare) in cui, sui perimetri di entrambi, vi siano le lettere dell'alfabeto. La chiave per decodificare la scrittura segreta ottenuta è decidere la corrispondenza tra due lettere dei due cerchi, girare i cerchi in modo che queste vengano a trovarsi nello stesso punto, e decifrare tutte le altre lettere di conseguenza. Sembra molto complesso, ma in realtà è proprio un gioco da bambini! 
La cosa divertente è lasciarsi a vicenda dei messaggi in codice da decifrare e vedere quanto ci mette l'altro a decodificarli. Diventerà un gioco divertente ed una sfida perfino per i vostri adolescenti! 

Si ringrazie l'autrice Laura Serafini per la gentile collaborazione e il permesso di pubblicare l'opera. 


Consigli di approfondimento:

Libri per Adulti
Simon Singh "Codici & segreti. La storia affascinante dei messaggi cifrati dall'antico Egitto a Internet" Edizioni BUR 

Libri per ragazzi
Emily Bone "Codici Segreti" Schede Creative USBORNE

Siti web
Il sito personale dell'artista: http://www.lauras.it

Pin It
Accedi per commentare

Le streghe

Un racconto inquietante che vi farà sapere chi sono le vere streghe.

Non quelle delle fiabe, sempre scarmigliate e a cavallo di una scopa, ma quelle elegantissime, somiglianti a certe signore che probabilmente già conoscete.

Come fare a individuarle?

Bisogna stare attenti a chi porta sempre i guanti, a chi si gratta la testa, a chi si toglie le scarpe a punta sotto il tavolo e a chi ha i denti azzurrini, perchè tutto ciò serve a nascondere gli artigli, i crani calvi, i piedi quadrati, la saliva blu mirtillo: tutti segni distintivi delle vere streghe.

Sapendo questo potrete evitare di venir trasformati in topi!

autore: Roald Dahl

illustrazioni: Quentin Blake

editore: Salani Editore

La mia mamma guarirà

Questa è la storia di Alvise un bambino di sei anni e della sua mamma Maria.

Alvise racconta di alcuni episodi di vita quotidiana, l'insorgenza e la progressione della malattia della mamma. Quando la mamma ha i primi malori, Alvise è ancora piccolo e va in prima elementare, quindi vede solo i sintomi, non riesce a collegare fra loro i singoli eventi, ma ascolta con interesse e timore le parole dei genitori e dei medici.

Leggi tutto...

Stella fata del bosco

Grandi alberi, rocce, animali: il bosco può far paura, soprattutto a un bambino timido e fifone
come il piccolo Sam. Ma Stella, entusiasta e affettuosa, saprà mostrare al fratellino la bellezza
di api e farfalle, lepri e tartarughe, giganti e fate, e fra scambi di battute surreali e irresistibili
lo convincerà ad amare la foresta e tutte le sue creature.

Leggi tutto...